11.3 C
Bruxelles
Giovedi, settembre 29, 2022

Qual è la durata effettiva di un estintore per auto?

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Molti conducenti acquistano un kit di pronto soccorso per auto e un estintore solo per superare un MOT. E poi li portano con sé senza sostituirli con nuovi. Tuttavia, questo è fondamentalmente sbagliato. Lo stesso estintore può durare per tutta la vita del tuo veicolo e non essere necessario. Tuttavia, potrebbe esserci un incidente sulla strada in cui un estintore fisso tornerà utile. E un estintore che non funziona comporterà la perdita totale di un'auto o della vita di qualcuno. Qual è la durata di conservazione dell'estintore per auto, te lo diciamo ora.

La durata di conservazione di un estintore ha la stessa importanza di un kit di pronto soccorso. I requisiti per gli estintori per auto sono determinati dalla ZDP. Secondo questi documenti, un estintore per auto deve pesare almeno 2 kg e avere un volume di almeno 2 litri.

Per il trasporto merci, le norme sono più elevate: 5 kg, 5 litri. Allo stesso tempo, ogni estintore deve contenere un principio attivo che combatta efficacemente l'incendio e la propagazione dell'incendio. Di norma, gli estintori sono a polvere o anidride carbonica. Ci sono anche quelli aerosol, ma più spesso i conducenti hanno con sé uno dei primi due.

Dovresti sapere che gli estintori a polvere sono ulteriormente suddivisi in diversi tipi. Sono suddivisi in base ai tipi di pressione che si creano, per cui fuoriesce la miscela in polvere: “pompaggio”, con bombola ad alta pressione ed estintori che generano gas. La schiuma da tale crea un potente strato sulla fonte di accensione, che non consente il passaggio di ossigeno, necessario per mantenere la combustione. E hanno un aspetto negativo: il film di schiuma è molto difficile da lavare.

Gli estintori ad anidride carbonica funzionano in modo diverso. Rilasciano un flusso di anidride carbonica sulla fiamma, prevenendo la bruciatura. L'estinzione non è molto efficace, inoltre, ci sono delle particolarità nell'uso: una manipolazione impropria può portare ad avvelenamento da gas e persino ustioni. Allo stesso tempo, indipendentemente dal tipo di estintore, hanno tutti una certa data di scadenza che deve essere monitorata.

È spaventoso immaginare una situazione in cui un conducente corre con un estintore per salvarne un altro da un incendio, e quando attiva il suo estintore, si scopre che non funziona. E a volte in queste situazioni ogni secondo è prezioso. Ecco perché devi conoscere esattamente la data di scadenza dell'estintore che porti nel bagagliaio.

Tuttavia, la risorsa dell'estintore è piuttosto elevata. Se sei guidato dal quadro normativo, la durata di conservazione dell'estintore a polvere è di 10 anni per la bombola e di 5 anni per il suo contenuto. In linea di principio, le bombole possono essere caricate per tutta la loro vita utile. Ma dopo la sua scadenza, l'estintore deve essere sostituito con uno nuovo.

Gli estintori a gas durano più a lungo: 15 anni. Ma questo è soggetto al superamento di un test annuale di tale assistente. Inoltre deve essere ricaricato ogni cinque anni. Il tipo di estintore ad aerosol dura quanto il tipo a polvere. Non richiede ricarica, ma è anche bene controllare.

L'accensione spontanea è considerata uno dei principali problemi delle auto elettriche. Il CEO di Tesla Elon Musk ricorda regolarmente che le auto con i tradizionali motori a combustione interna (ICE) prendono fuoco molto più spesso, ma poche persone gli credono. Tuttavia, non puoi discutere con le statistiche ufficiali.

Le autorità statunitensi hanno pubblicato statistiche ufficiali sugli incendi delle auto e le prime 4 volte in questa classifica negativa riguardano modelli con motori a combustione interna. I dati provengono dall'agenzia assicurativa americana AutoInsuranceEZ, che ha utilizzato anche le statistiche per i veicoli richiamati a causa di rischi di incendio.

Al primo posto c'è la Hyundai Elantra, dove c'era il rischio di accensione in 430,000 unità. Seguono Kia Cadenza e Sportage – 308,000 vetture, Honda Odissey – 250,000 e Hyundai Genesis e Genesis G80 – 95,000. Solo al quinto posto c'è la Hyundai Kona elettrica – 82,000 unità, e al sesto c'è la Chevrolet Bolt – 70,000 unità.

Le versioni ibride del minivan Chrysler Pacifica (27,600 unità) e dei modelli BMW e Mini ibridi (4,500) sono seguite nella classifica, tutti modelli considerati un potenziale pericolo di incendio. Nel 2021 Chevrolet, ad esempio, ha richiamato oltre 140,000 unità della Bolt, ma il numero effettivo di accensioni è stato di appena 16.

Per quanto riguarda il numero di incendi d'auto, le statistiche del National Transportation Safety Board (NTSB) e del Bureau of Transportation Statistics (BTS) mostrano che gli ibridi sono i più a rischio, con 3,500 casi ogni 100,000 veicoli, mentre il numero totale di questi incidenti lo scorso anno sono stati 16,051.

Al secondo posto le auto con motore a combustione interna – 1,500 ogni 100,000 veicoli (199,533 incendi nel 2021), mentre le auto elettriche praticamente non bruciano – 25 casi ogni 100,000 auto (52 incendi nel 2021).

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti