8.8 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

Caricabatterie comune: i ministri dell'UE danno l'approvazione finale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

L' Consiglio ha dato oggi la sua definitiva approvazione al direttiva comune sui caricatori. Ciò significa che in 2024, con USB-C porto diventerà obbligatorio per un'intera gamma di dispositivi elettronici come telefoni cellulari, tablet e cuffie. Non sarà più necessario acquistare un caricabatterie diverso ogni volta che si acquista un nuovo cellulare o dispositivo simile: tutti possono essere ricaricati utilizzando lo stesso caricabatterie.

Avere un caricabatterie comune migliorerà la comodità del consumatore armonizzando le interfacce di ricarica e la tecnologia di ricarica rapida e ridurrà significativamente i rifiuti elettronici.

Tutti abbiamo almeno tre caricatori di telefoni cellulari a casa. Cercare il caricabatterie giusto, a casa o al lavoro, può essere piuttosto fastidioso. Inoltre, questi caricatori ammontano a 11.000 tonnellate di rifiuti elettronici ogni anno. Avere un caricabatterie che si adatta a più dispositivi farà risparmiare tempo e denaro e ci aiuterà anche a ridurre i rifiuti elettronici.

Jozef Síkela, Ministro dell'Industria e del Commercio

Le nuove regole

Le nuove regole faranno a USB-C porta di ricarica obbligatoria per tutta una serie di dispositivi elettronici. Ciò significa che la maggior parte dei dispositivi può essere caricata utilizzando lo stesso caricabatterie. Affinché i consumatori sappiano esattamente cosa stanno acquistando, la direttiva introduce a pittogramma che specifica se un nuovo dispositivo viene fornito con un caricabatterie e un'etichetta che indica le prestazioni di carica.

La direttiva consente inoltre ai consumatori di scegliere se acquistare un nuovo dispositivo con o senza caricatore. Ciò non solo farà risparmiare denaro ai consumatori, ma ridurrà anche i rifiuti elettronici associati alla produzione, al trasporto e allo smaltimento dei caricabatterie. Quattro anni dopo l'entrata in vigore della direttiva, la Commissione valuterà se ciò unbundling delle vendite dovrebbe essere reso obbligatorio.

Sebbene stia diventando più popolare, ricarica senza fili non è stato ancora armonizzato tra i dispositivi. Per consentire a questa tecnologia di diventare disponibile per più dispositivi, la Commissione lavorerà all'armonizzazione della tariffazione senza fili per i dispositivi elettronici e all'interoperabilità basata sugli sviluppi tecnologici.

Categorie di dispositivi interessati

Le nuove regole si applicheranno a un'ampia gamma di dispositivi portatili:

  • cellulari
  • tablet ed e-reader
  • fotocamere digitali e console per videogiochi
  • cuffie, auricolari e altoparlanti portatili
  • mouse e tastiere wireless
  • sistemi di navigazione portatili

Inoltre, tutto computer portatili rientreranno anche nelle nuove regole 40 mesi dopo l'entrata in vigore della direttiva.

sfondo

Nel 2020, EU i consumatori hanno acquistato circa 420 milioni di dispositivi elettronici e, in media, possiedono tre caricabatterie per caricare questi dispositivi elettronici, di cui due ne usano regolarmente. Nonostante ciò, il 38% dei consumatori dichiara di aver riscontrato problemi nella ricarica dei propri dispositivi perché non era disponibile un caricabatterie compatibile. Per affrontare questi problemi, il 23 settembre 2021 la Commissione europea ha presentato una proposta per un caricatore comune.

Il 26 gennaio 2022, a meno di sei mesi dall'inizio dei negoziati in seno al Consiglio, gli Stati membri unanimamente concordato sulla posizione del Consiglio sulla direttiva comune sui caricatori.

Il 7 giugno 2022 il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla direttiva sui caricabatterie comuni, che è stata approvata dai rappresentanti degli Stati membri dell'UE il 29 giugno 2022.

Prossimi passi

A seguito dell'approvazione odierna della posizione del Parlamento europeo da parte del Consiglio, l'atto legislativo è stato adottato.

Dopo essere stato firmato dal Presidente del Parlamento Europeo e dal Presidente del Consiglio, sarà pubblicato nel Gazzetta ufficiale dell'Unione europea ed entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione. Le nuove regole inizieranno ad applicarsi 24 mesi dopo l'entrata in vigore.

Leggi di più:

Affrontare la porta di ricarica comune: ridurre i problemi per i consumatori e limitare i rifiuti elettronici

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti