10.4 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Macron ha puntato il dito contro il patriarca Kirill: dite “no” a Putin!

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la Chiesa ortodossa russa (ROC) si è lasciata manipolare dalle autorità del suo paese per giustificare la loro guerra in Ucraina e l'ha esortata a resistere a tali pressioni, ha riferito Reuters.

Lo ha detto Macron, in visita ufficiale in Italia, in un discorso programmatico a un convegno internazionale organizzato dalla Comunità italiana di Sant'Egidio.

Mentre parlava, il metropolita Antonio, la seconda persona nella gerarchia della Repubblica Democratica del Congo, era seduto nella prima fila della sala.

Il presidente francese ha dedicato gran parte del suo intervento a Ucraina al convegno, organizzato con il titolo “Call for Peace”.

Il patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa, ha sostenuto con entusiasmo l'invasione russa di Ucraina, che secondo lui è un importante scudo contro quello che secondo lui è un Occidente decadente, osserva Reuters.

“Anche i leader religiosi hanno un ruolo da svolgere nel resistere a questa incoscienza di cui siamo stati testimoni”, Macron disse.

"Sappiamo molto bene che oggi l'Ortodossia viene manipolata da coloro che sono al potere in Russia per giustificare le loro azioni", ha detto Macron. “Bisogna resistere”.

Il presidente francese ha indicato che per “resistenza” intende “mai giustificare, mai cadere nella trappola di sostenere progetti politici che tendono a ignorare la dignità dell'individuo”.

La Reuters ha cercato di porre domande al metropolita Antony durante la conferenza, ma ha rifiutato di commentare.

L'opinione di Cyril su Ucraina ha causato una frattura nei rapporti con il Vaticano, ma anche una ribellione interna all'Ortodossia, che ha portato alla rottura dei legami di alcune chiese ortodosse con la Chiesa ortodossa russa.

Da quando le truppe russe hanno invaso l'Ucraina il 24 febbraio, la Francia ha costantemente sottolineato l'importanza che l'Occidente mantenga aperti i canali diplomatici di comunicazione con Mosca. Altrove nel suo discorso, Macron ha espresso fiducia nell'esistenza di una possibilità di pace in Ucraina, anche se la Russia ha avvertito che il conflitto potrebbe intensificarsi ulteriormente.

Al convegno il presidente francese ha incontrato il suo omologo italiano, Sergio Mattarella. Più tardi oggi incontrerà anche papa Francesco, e domani i due chiuderanno il convegno al Colosseo a Roma.

Ieri sera Macron ha avuto colloqui anche con il nuovo Presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni.

 Già all'inizio di maggio, la Commissione europea ha proposto di imporre sanzioni al patriarca russo Kirill, ha riferito l'Afp. Il nuovo elenco dei sanzionati per la guerra della Russia in Ucraina comprende un totale di 58 persone, tra cui molti militari russi, la moglie, la figlia e il figlio del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, dopo che il Parlamento europeo aveva già condannato il ruolo del capo della Chiesa ortodossa nel fornire una copertura teologica all'aggressione russa contro Kiev.

Ricordiamo che il Patriarca nei suoi commenti di maggio ha affermato che “l'operazione speciale russa è fondamentalmente diversa dalla guerra, che la Russia non ha mai iniziato guerre nella sua storia, che non voleva entrare in guerra con nessuno, ma si è solo difesa ”. Molte chiese ortodosse hanno condannato la posizione assunta dalla Chiesa ortodossa russa. Nelle chiese sotto l'egida del Patriarcato di Mosca e in Ucraina, hanno smesso di pronunciare il nome del Patriarca russo.

Foto: pexels-дмитрий-трепольский-8299218

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti