8.8 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

Riconciliare le differenze riconoscendo gli errori del passato

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Bashy Quraishy

Segretario Generale – EMISCO -Iniziativa Musulmana Europea per la Coesione Sociale 

Thierry Valle

Direttore della PAC Libertà di coscienza

Le Nazioni Unite sono state fondate nel 1945 dopo la seconda guerra mondiale e si impegnano a mantenere la pace e la sicurezza internazionali, a sviluppare relazioni amichevoli tra le nazioni e a promuovere il progresso sociale, migliori standard di vita e diritti umani.

A nostro avviso, tuttavia, il compito più importante di tale organizzazione oggi è prevenire l'ingiustizia, fermare l'aggressione e assicurarsi che una nazione potente non violi la libertà di un paese più piccolo o meno pieno di risorse.

Dalla sua fondazione, la sede delle Nazioni Unite si trova a New York City, ma ha uffici a Ginevra, in Svizzera. In quanto centro diplomatico, con una rappresentanza quasi universale degli stati, Ginevra è il luogo ideale per una cooperazione internazionale di successo. Migliaia di incontri benefici si tengono ogni anno al Palais des Nations, ognuno dei quali in modi diversi tocca la vita delle persone in tutto il mondo. In questo modo, riunisce individui, organizzazioni e nazioni per garantire un futuro migliore per tutti.

Una delle sue attività di posta è fornire una piattaforma per le organizzazioni della società civile per incontrarsi, discutere e arrivare a un'intesa su questioni che creano conflitti e violano diritti umani. Per questo il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite tiene non meno di tre sessioni regolari all'anno, in febbraio-marzo, giugno-luglio e settembre-ottobre.

Normalmente, sono gli Stati e i loro governi che decidono e praticano i conflitti oltre a trovare le soluzioni, il ruolo delle società civili è spesso invisibile in tale sviluppo. Le organizzazioni delle ONG lavorano instancabilmente per creare le condizioni che spingano le istituzioni e gli Stati internazionali a mettere da parte le loro opinioni radicate nei conflitti e ad andare verso la pace attraverso il processo del dare e avere.

Lato dell'invito sul peacebuilding e la riconciliazione 1 - Riconciliare le differenze riconoscendo gli errori del passato

Un ottimo esempio di tale sforzo è la conferenza tenuta il 6th Ottobre 2022 a Ginevra al 51st Sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite organizzata dalle ONG europee, “Riconoscere per riconciliare l'Iniziativa” per far prevalere la causa della giustizia e della pace tra Armenia e Azerbaigian, nel Caucaso meridionale e nel mondo in generale.

La conferenza non ha solo discusso l'importanza del riconoscimento degli errori storici che sono accaduti Khojaly- Nagorno-Karabakh nel 1992, ma incoraggia anche i governi e i leader dell'opinione pubblica in entrambi i paesi a considerare l'applicazione dei meccanismi di giustizia di transizione nel loro programma di normalizzazione post-conflitto.

I relatori di spicco di diverse organizzazioni europee per i diritti umani, come Gyorgy Tatar, Direttore del Centro di Budapest del MAP, Thierry Valle, Direttore della PAC-Libertà di coscienza, Antonio Stango, Presidente della Federazione Italiana per i Diritti Umani e Bashy Quraishy, ​​Segretario Il Generale dell'Iniziativa Musulmana Europea per la Coesione Sociale (EMISCO) ha parlato all'evento.

L'oratore principale è stata la signora Munira Subasic, presidente dell'Associazione Madri di Srebrenica, la cui storia di vita e l'esperienza diretta dei massacri dei musulmani bosniaci hanno toccato ogni partecipante. L'enfasi principale di tutti i relatori è stata quella di incoraggiare l'Armenia a riconoscere adeguatamente il massacro di Khojaly e offrire scuse pubbliche alle sue vittime, ma hanno anche chiesto all'Azerbaigian di aprire uno spazio pubblico per un dialogo diretto sulla questione in questione tra le società civili dei due paesi perché sarebbe una pietra angolare importante per gli sforzi di riconciliazione.

La conferenza ha apprezzato il fatto che i leader di Armenia e Azerbaigian abbiano recentemente annunciato la loro volontà di “voltare pagina” e avviare “un'era di pace nella regione”. Gli organizzatori ritengono che sia giunto il momento per una forte mediazione internazionale, prima a livello di società civile, per porre fine all'impunità e al silenzio, per rendere giustizia a Khojaly ma anche per aiutare le comunità di entrambi i paesi a superare l'ombra della tragedia attraverso il riconoscimento, il dialogo, e la riconciliazione definitiva. In tali terribili circostanze, il ruolo della società civile diventa ancora più vitale, non solo nell'aprire la strada quando le altre strade sono confuse, ma anche nel portare la pace a entrambe le parti, vale a dire l'addolorato e l'aggressore.

Nella storia recente, ci sono molti esempi di riconciliazione riuscita, ma possiamo citare due sforzi eccezionali che sono ben noti: vale a dire la Commissione sudafricana per la verità e la riconciliazione e la risoluzione del conflitto in Ruanda.

Dopo la fine dell'apartheid in Sud Africa, c'erano due scelte davanti a Nelson Mandela. Per intraprendere punizioni e vendette o tendere una mano di riconciliazione verso coloro che hanno commesso crimini tremendi contro la maggioranza africana. Nel 1996, il governo di unità nazionale sotto il grande Mandela ha istituito la Commissione sudafricana per la verità e la riconciliazione (TRC) per aiutare ad affrontare ciò che è successo durante l'apartheid.

Nominò, un grande umanitario, il Vescovo Desmond Tutu a Presidente della Commissione. L'idea di riconciliazione di Tutu era di invitare i testimoni identificati come vittime di gravi violazioni dei diritti umani a rilasciare dichiarazioni sulle loro esperienze e ad alcuni è stato chiesto di parlare in udienze pubbliche. Gli autori di violenze potrebbero anche testimoniare e richiedere l'amnistia sia al procedimento civile che a quello penale. La CVR è stata vista da molti come una componente cruciale della transizione verso una democrazia piena e libera in Sud Africa. Nonostante alcuni difetti, generalmente si pensa che abbia avuto successo.

Un altro buon esempio è la risoluzione dei conflitti in Ruanda, che viene additata come un modello di riconciliazione, 28 anni dopo il genocidio. La riconciliazione ha consentito ai ruandesi di chiudere un capitolo della loro storia e di scriverne uno nuovo. Per questo il popolo ruandese ha deciso collettivamente di andare avanti e ricostruire la propria società dopo il genocidio del 1994. Il governo dell'RPF post-genocidio ha imposto una resa dei conti dall'alto, ma spettava anche ai comuni ruandesi capire come andare avanti giorno per giorno. In breve, la confessione come via da seguire porta alla riconciliazione.

Alla luce delle crescenti sfide che Europa e il mondo affronta, tali iniziative sono particolarmente importanti per ridurre il rischio di escalation nelle situazioni di conflitto in tutto il mondo, in particolare nelle aree in cui vi sono opportunità di trasformazione pacifica.

Poiché alla conferenza hanno partecipato vari ambasciatori, tra cui Armenia e Azerbaigian, nonché rappresentanti di ONG, media ed esperti di risoluzione dei conflitti, riteniamo che le ONG e gli attivisti con esperienza in giustizia di transizione, diritti umani e costruzione della pace si unirebbero alla coalizione perché facendo quindi, non solo estenderebbero la loro preziosa esperienza e aiuterebbero a raggiungere gli obiettivi dell'iniziativa "Riconoscere per riconciliare", ma sarebbero anche partner nel portare avanti la sua nobile causa di giustizia e pace tra Armenia e Azerbaigian.

vorremmo concludere menzionando che la nostra Vienna/Roma L'iniziativa è il modo giusto per andare avanti e ottenere giustizia per le vittime. Non dobbiamo ripetere gli errori ma imparare dalle conquiste degli altri, perché la pace può arrivare solo se tutti lavoriamo per raggiungerla.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti