6 C
Bruxelles
Lunedi, 30 ° gennaio, 2023

Sponsian esisteva, anche se gli storici lo avevano negato

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

È più probabile che mettiamo in discussione eventi che accadranno in futuro rispetto a quelli passati. Tuttavia, si scopre che il corso della storia può cambiare e vi entrano “nuove” personalità – con i loro piccoli o grandi ruoli, che hanno collegato e predeterminato interi processi.

Un'antica moneta d'oro dimostra che un imperatore romano del III secolo, che gli storici avevano liquidato come una figura inesistente e immaginaria, visse davvero.

La moneta con la faccia di Sponsianus è stata scoperta più di 300 anni fa in Transilvania, un tempo parte dell'Impero Romano

Nel corso degli anni si è creduto che fosse un falso e la moneta è stata rinchiusa in un armadietto del museo.

Ora, i graffi visibili al microscopio dimostrano che era in circolazione 2,000 anni fa, ha riferito la BBC. Gli esperti sono stupiti dalla scoperta.

“Siamo giunti a un imperatore che gli storici avevano cancellato dal corso della storia. Tuttavia, crediamo che quest'uomo sia esistito e abbia avuto il suo ruolo nel corso del tempo”, ha commentato il Prof. Paul Pearson dell'University College di Londra.

La moneta d'oro fu scoperta nel 1713 e fino alla metà del XIX secolo fu percepita come originale. Tuttavia, la sua provenienza fu poi messa in dubbio e i numismatici dell'epoca sospettarono che potesse essere stato prodotto da falsari perché i loro progetti erano troppo rozzi.

Il colpo finale arrivò nel 1863, quando Henry Cohen, massimo esperto di monete presso la Biblioteca Nazionale di Francia, dovette decidere su un ampio catalogo di monete romane.

Affermò che le monete con il volto sponsiano non erano solo falsi “moderni”, ma anche mal fatte e “ridicolmente artificiose”. I colleghi di Cohen concordano con la mia affermazione e l'imperatore perde il suo posto nei cataloghi scientifici.

Nel presente, tuttavia, il Prof. Pearson si è imbattuto nelle monete sponsiane mentre faceva le sue ricerche per un libro che presentasse la storia dell'Impero Romano.

Pearson ha contattato il Museo dell'Università di Glasgow, dove sono conservate 4 monete d'oro in un armadietto, e ha chiesto se poteva esaminarle con i suoi colleghi.

Per esaminare le monete sono stati utilizzati una speciale luce ultravioletta, un microscopio elettronico a scansione e una spettroscopia a infrarossi. L'analisi rivela modelli di profonda microabrasione, caratteristica delle monete in circolazione da molto tempo.

Gli scienziati hanno scoperto che i graffi e i motivi su di essi corrispondono ai graffi che si verificano quando vengono trasportati nelle borse. L'analisi chimica ha anche mostrato che le monete erano state sepolte nel terreno per centinaia di anni. Le nuove prove suggeriscono fortemente che le monete sono autentiche.

Chi è Sponsiano?

Gli storici si trovano ora di fronte alla domanda su chi fosse esattamente Sponsian.

I ricercatori ritengono che fosse un comandante militare costretto a incoronarsi imperatore della provincia più remota e difficile da difendere dell'Impero Romano, chiamata Dacia, una vasta area della penisola balcanica, principalmente nell'odierna Romania.

Studi archeologici hanno stabilito che la Dacia fu tagliata fuori dal resto dell'Impero Romano intorno al 260 d.C. quando ci fu una pandemia e una guerra civile.

Circondato da nemici e tagliato fuori da Roma, Sponsianus assunse probabilmente il comando supremo in un periodo di caos, proteggendo la popolazione militare e civile della Dacia. "Si è concentrato sull'estrazione dell'oro in un momento in cui le aree di frontiera dell'Impero Romano erano minacciate e invase dagli invasori", ha detto Paul Pearson, citato dal Guardian.

“Per creare un funzionamento economia in campagna, hanno deciso di coniare le proprie monete", afferma lo scienziato Jesper Eriksson. Questa teoria spiegherebbe perché le monete non assomigliano a quelle di Roma.

“Gli argomenti per l'esistenza dello Sponsian sono convincenti. La fine del terzo secolo fu un periodo di turbolenze e disordini e diventare imperatore non fu particolarmente difficile", ha detto uno storico dell'Università di Glasgow.

Dopo aver stabilito che le monete erano autentiche, gli scienziati credevano di aver scoperto un imperatore romano perduto e contattarono gli esperti del Museo Bruckenthal di Sibiu, in Transilvania, che deteneva anche una tale moneta.

Fa parte del testamento del barone Samuel von Bruckenthal, l'unico sassone che governò la Transilvania – tra il 1777 e il 1787.

Ha anche studiato la moneta prima di morire, e la storia racconta che l'ultima cosa che ha fatto è stata scrivere una nota che diceva "genuina".

Gli storici del Museo Bruckenthal consideravano le monete sponsiane dei falsi, ma cambiarono idea dopo la ricerca nel Regno Unito.

La scoperta è di particolare interesse per la storia della Transilvania e della Romania, anche per la storia di Europa.

Se le conclusioni della ricerca saranno accolte dalla comunità scientifica, significa che un'altra figura importante rientrerà nella storia e nello scorrere del tempo.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti