7.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

L'ONU prevede di creare un sistema globale di allerta precoce per le catastrofi climatiche

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

Avrà un valore di 3 miliardi di dollari. Durante il forum, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto il divieto di sfruttamento dei fondali marini

Secondo France Press, le Nazioni Unite hanno annunciato un piano per creare nei prossimi cinque anni un sistema globale di allerta precoce per le catastrofi climatiche del valore di tre miliardi di dollari.

"Gli abitanti vulnerabili dei territori più minacciati dal riscaldamento globale sono sempre più esposti alle catastrofi climatiche senza alcun mezzo di allerta precoce", ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres al vertice sul clima che si tiene in Egitto sotto gli auspici dell'organizzazione (COP27).

"I popoli dell'Africa, dell'Asia meridionale, dell'America centrale e meridionale e gli abitanti dei piccoli stati insulari sono minacciati quindici volte di più dalla distruzione a seguito di una catastrofe climatica", ha avvertito.

A marzo, Guterres ha annunciato l'ambizioso obiettivo che entro i prossimi cinque anni, ogni abitante del pianeta sarà in grado di essere avvertito di imminenti piogge torrenziali, cicloni o altri eventi meteorologici estremi, che si verificano più frequentemente a causa del riscaldamento globale.

“L'allarme rapido salva vite e offre enormi vantaggi economici. Basta lanciare un avviso di un evento climatico in avvicinamento con 24 ore di anticipo per ridurre del 30 per cento i successivi danni”, ritiene Petteri Talas, segretario generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale e autore del piano.

Secondo un rapporto pubblicato di recente dall'organizzazione e dall'Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi, metà dei paesi del mondo non è preparata per tali eventi. Meno della metà dei paesi in via di sviluppo e solo un terzo degli stati insulari in via di sviluppo dispone di un sistema di allerta precoce per vari tipi di eventi pericolosi.

Per raggiungere gli obiettivi fissati dall'Onu è necessario un investimento di 3.1 miliardi di dollari nel periodo – 2023-2027 – cifra che, secondo l'organizzazione, è insignificante sullo sfondo dei vantaggi.

La Commissione internazionale per l'adattamento stima che se si investisse 800 milioni di dollari in sistemi simili nei paesi in via di sviluppo, si eviterebbe perdite comprese tra 3 e 16 miliardi di dollari all'anno.

L'importo di 3.1 miliardi per l'adattamento al riscaldamento globale sarà distribuito in quattro settori: definire meglio i rischi di catastrofi, implementare sistemi di monitoraggio e allerta, rafforzare le capacità di risposta sul campo e garantire informazioni accessibili a tutti, minacciate dai disastri.

Durante il forum, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto il divieto di sfruttamento dei fondali marini

Il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto "il divieto di ogni sfruttamento dei fondali marini" durante il vertice COP27 delle Nazioni Unite sul clima in Egitto, ha riferito l'AFP.

"Gli oceani devono tornare ad essere quello che erano qualche anno fa - un territorio d'acqua - questa è una nuova frontiera per la cooperazione e le relazioni interstatali", ha affermato durante l'incontro a Sharm el-Sheikh.

Nelle parole di Macron, la Francia “sta lavorando sugli impegni presi e sostiene il divieto di qualsiasi sfruttamento dei fondali”. "Accetto questa posizione e la presenterò alla comunità internazionale", ha assicurato.

Back in June, the French president announced: “legislative provisions to end seabed mining and prohibit future actions endangering ocean ecosystems.” Macron then made his speech at another UN conference dedicated to the oceans.

I parlamentari francesi di tutto lo spettro politico alla fine del mese scorso hanno chiesto al paese di agire per imporre una moratoria di almeno dieci anni sull'estrazione mineraria dei fondali marini.

Il deputato ed ecoattivista Nicolas Thierry ha presentato oggi alla camera bassa del parlamento francese, l'Assemblea nazionale, una decisione sull'argomento, sostenuta da 168 rappresentanti del popolo. In esso, sollecitano l'Autorità internazionale dei fondali marini, che si riunisce fino all'11 novembre in Giamaica, ad adottare tale divieto.

Il presidente Macron ha anche promesso di creare un programma per proteggere "gli ecosistemi critici: foreste secolari, paludi, zone umide e mangrovie".

"Dobbiamo urgentemente dare a questi ecosistemi uno status separato e offrire ai paesi sul cui territorio si trovano accordi e assistenza finanziaria per aiutarli a proteggerli", ha detto Macron, citando specificamente Gabon, Colombia e Filippine, che hanno aderito a questa iniziativa in un separato incontro oggi nell'ambito della COP27.

"All'inizio del prossimo anno, ci incontreremo di nuovo a Libreville per il One Forest Summit, dove adotteremo un piano d'azione concreto", ha aggiunto Macron. L'incontro sarà organizzato in collaborazione con il presidente del Gabon Ali Bongo.

Remi Jouan, CC BY 4.0 https://creativecommons.org/licenses/by/4.0, tramite Wikimedia Commons

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti