7.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Un po' di droga* sulla droga... e la gioventù europea

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Christian Mirré
Christian Mirré
dottorato di ricerca. in Scienze, ha conseguito un Doctorat d'Etat ès Sciences presso l'Università di Marsiglia-Luminy ed è stato biologo a lungo termine presso la Sezione di Scienze della Vita del CNRS francese. Attualmente, rappresentante della Foundation for a Drug Free Europe.

Negli ultimi due decenni la domanda e l'offerta di droghe illecite sono aumentate drammaticamente, come dimostrano le enormi quantità sequestrati nel 2020 secondo l'European Drug Report: 739 tonnellate di cannabis, 213 tonnellate di cocaina, 21.2 tonnellate di anfetamine, 5.1 tonnellate di eroina, 2.2 tonnellate di metanfetamine, 1 tonnellata di MDMA (ecstasy). Tra le droghe illecite non si trovano solo quelle tradizionali ma anche miscele di droghe illecite, adulterazioni con altre sostanze chimiche, droghe di nuova sintesi (come le NPS: New Psychoactive Substances: 5.1 ton sequestrate) sviluppate in laboratori clandestini, e infine l'abuso e l'abuso di farmaci da prescrizione. 

Le giovani generazioni, in cerca di emozioni, esperienze e per scopi ricreativi, hanno oggi un facile accesso a un'ampia gamma di queste droghe psicotrope illecite tramite spacciatori, negozi e anche sul web (la darknet). Per contrastare la diversità degli abusi e il reale pericolo che essi rappresentano per i giovani consumatori, nella Risoluzione UNGASS aprile 2016 A/S-30/L.1 Documento Finale, è già menzionato nella Prevenzione dei Droga Abuso, paragrafo (a) a:

"Adottare misure di prevenzione primaria efficaci e pratiche che proteggano le persone, in particolare bambini e giovani, dall'inizio del consumo di droghe, fornendo loro informazioni accurate sui rischi dell'abuso di droghe, promuovendo abilità e opportunità per scegliere stili di vita sani e sviluppare una genitorialità solidale e ambienti sociali e garantendo parità di accesso all'istruzione e alla formazione professionale”.

Circa sei anni dopo ascoltando, attraverso Europa, ai genitori, ai bambini e persino agli insegnanti stessi, in questo campo non viene fatto alcuno o solo un piccolo progresso, nonostante la sua fondamentale importanza sanitaria, sociale ed economica.

Al contrario, sotto le pressioni dei lobbisti e delle aziende o sprofondando nella corruzione o per interessi acquisiti nascosti, alcuni governi si rifiutano di vedere i precedenti danni umani causati dalle droghe psicoattive più utilizzate: alcol e sempre più dalla cannabis. Negli ultimi decenni, abbiamo assistito a vere pressioni per depenalizzare o legalizzare l'uso della droga cannabis. Dopo lunghi studi e dibattiti tra esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), nel dicembre 2020 ciò ha portato alla declassificazione della cannabis nella Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961 dalla Tabella IV (droghe che hanno 'proprietà particolarmente pericolose' quindi sotto le misure di controllo più rigorose come per oppioidi ed eroina) alla Tabella I (disponibile solo per scopi medici e di ricerca). Ancora consapevole che “ programmi di cannabis medica scarsamente regolamentati potrebbero intensificare l'"uso ricreativo" della droga, diminuendo al contempo la preoccupazione dell'opinione pubblica sui suoi effetti dannosi "  (Notizie ONU, 2020)

Sulla base delle statistiche Eurostat 2020, vivono 447.3 milioni di persone Europa e ci sono 73.6 milioni di giovani tra i 15 ei 29 anni.

Nel 2019, per i maggiori di 15 anni, una persona su dodici ha consumato alcol quotidianamente e uno su cinque di questi consumatori ha mensilmente un episodio di forte consumo di alcol (più di 60 g di etanolo puro in una sola occasione).

Il consumo medio di alcol è di 10 litri di alcol puro per adulto (2018) ed è responsabile di circa 255,000-290,000 decessi ogni anno (Organizzazione Mondiale della Sanità, 2019). La percentuale di quindicenni che dichiarano di essere ubriachi è diminuita nella maggior parte dei casi EU paesi tra il 1998 e il 2018 dal 41% al 24% per i ragazzi e dal 29% al 20% per le ragazze. 

L'OEDT segnala che la prevalenza del consumo di cannabis tra i giovani (15-34 anni) è del 15.5%. Nel 2020, il 46% dei consumatori europei di cannabis la utilizza quotidianamente e il 21% la utilizza tra due e sei giorni alla settimana.

86,600 consumatori di cannabis sono entrati in cura lo scorso anno, la fonte del rinvio è: autoreferenziale (42%), dalla giustizia penale (28%) e dal sistema sanitario (22%).

Il traffico illecito complessivo di droga è associato a violenze, corruzione di avvocati e funzionari, rapimenti, intimidazioni e omicidi, come nel luglio 2021 l'uccisione di un giornalista legato alla droga che ha denunciato i signori della droga. Inoltre, l'attuale tendenza all'aumento dei traffici negli spazi aperti sta compromettendo la sicurezza del quartiere.

“Il commercio di droghe illegali continua a dominare la criminalità organizzata e grave nell'UE e quasi il 40% delle reti criminali operanti a livello internazionale segnalate a Europol sono attive nel traffico di droga. La lotta a questo commercio illegale è una priorità fondamentale per Europol e l'UE" ha dichiarato il direttore esecutivo di Europol (2022).

Le droghe illecite sono un grande mercato commerciale con un reddito di almeno 30 miliardi di euro l'anno (OEDT & Europol 2019). Questa è una delle principali fonti di reddito per i gruppi criminali organizzati dell'UE. Il consumo illecito di droghe ha anche effetti dannosi sulle comunità per: dipendenza e sale di tiro, cure, malattie infettive, decessi (8,300 overdose), con un costo sociale che rappresenta fino al 2% del Prodotto Interno Lordo (PIL) di un Paese .

L'uso di sostanze psicoattive fu ben evidenziato dopo la rivoluzione neolitica del 10,000 aC con l'insediamento e lo sviluppo dell'agricoltura e dei rituali. Pertanto, l'uso della pianta di cannabis è stato trovato nell'8,100 aC in Asia; l'alcol, prodotto dalla fermentazione naturale del lievito di zuccheri di frutta, verdura e cereali, è utilizzato anche da alcuni animali. Il primo alcol prodotto dall'uomo viene dal 7,000 aC in Cina, poi nel Caucaso (6,000 aC), seguito dai Sumeri (3,000 aC con birra) e aztechi (pulque). Il cocaina era già utilizzato nel 6,000 aC e l'oppio nel 5,700 aC, e molti altri tipi di ortaggi dopo di essi. Questa fu la migrazione umana che iniziò a diffondere la scoperta e poi l'uso di queste sostanze.

Nel 2,700 aC in Cina l'imperatore Shen Nung scrisse un compendio di piante medicinali, descrivendo 365 farmaci e molti sono ancora in uso oggi. Le prime prescrizioni compaiono nel 2,600 aC in scrittura cuneiforme sumera su tavolette di argilla. Questo è anche il momento in cui il primo farmacista i negozi si trovavano a Baghdad, fornendo principalmente piante, assistendo i sacerdoti ei medici nei loro bisogni per quanto riguarda la cura dei pazienti. In India a partire dal 2,000 aC il testo base del tradizionale Ayurveda (scienza della vita) ha un approccio olistico. Descriveva circa 700 piante medicinali e più di 1,000 malattie che possono essere curate efficacemente. Più tardi nell'antico Egitto nel 1,500 a.C. il Papiro Ebers menzionato non meno di 700 diverse specie vegetali utilizzate per la guarigione. Nell'antica Grecia, Ippocrate (460-370 a.C.), sviluppò una medicina più razionale e descrisse circa 300 piante medicinali e lasciò in eredità alla posterità dei medici la sua famosa Giuramento.

Nel frattempo, in Cina dal 168 aC furono trovate liste di prescrizioni e nel I secolo dC, durante la dinastia Han fu compilato un manuale erboristico 'divino'. Galeno (129-201 d.C.), anatomista greco devoto di Asclepio (il Dio dell'arte curativa), creò il teriaco: una ricetta a base di erbe di circa 60 ingredienti. Scrisse il medico e botanico Dioscoride (circa 30-90 d.C.). Di materia medica, un'enciclopedia ampiamente utilizzata sulla fitoterapia che fu poi sviluppata durante l'VIII-XIV secolo, l'età dell'oro islamica mediorientale, da scienziati come nel famoso Canonico di Medicina di Ibn Sina detto Avicenna (980-1037). C'erano anche importanti opere in latino di Al-Maridini e Ibn al-Wafid.

Nel X secolo scrisse Al-Muwaffaq I fondamenti delle vere proprietà dei rimedi. Nel corso dell'XI secolo questi scritti furono maggiormente conosciuti in Europa a causa della parte musulmana di Spagna e la traduzione di libri arabi in latino del professore di medicina italiano Pietro d'Abano e di Constantinos, studioso salernitano d'Italia. Ci sono anche le opere di Paracelso (1493-1541) iconoclasta medico svizzero tedesco autore della massima: “Tutte le cose sono veleno, e niente è senza veleno; il dosaggio da solo fa sì che una cosa non sia un veleno”. L'erborista classico inglese Culpeper (1616-1654) fu l'autore del Un erboristico completo Catalogare. Per citarne alcuni! (Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Wikipedia.org)

La parola 'droga' apparve nel XIV secolo dal francese antico 'drogue' (ancora in uso) derivato dall'olandese antico 'droge' che significa 'secco' e riferito a piante medicinali secche che venivano preparate e vendute inizialmente dai farmacisti (dal greco 'apotheke' significa immagazzinamento). La prima professione e bottega di farmacista è stata fatta risalire all'epoca aC a Babilonia e si è estesa ai paesi occidentali. Sono stati trovati in Europa negli anni 14-1,100 e molti paesi hanno mantenuto fino ad oggi l'appellativo di 'speziale'.

La storia della farmacia si sviluppa parallelamente alla storia della medicina ma come professioni separate. 'Farmacia' deriva dal greco 'pharmakeia': uso di droghe, pozioni, avvelenamento, rimedio, cura. La prima farmacia più antica del mondo fu istituita nel 1,221 negli ornati disegni e decorazioni della Cappella di San Nicolò nella Basilica di Santa Maria Novella a Firenze (Vedere qui).

Al giorno d'oggi, un farmaco come medicinale può essere definito come qualsiasi sostanza chimica di struttura nota, diversa da un nutriente o un ingrediente dietetico, destinata a prevenire, diagnosticare, curare, curare o alleviare una malattia o uno stato anomalo.

All'inizio del 20° secolo, lo sviluppo della chimica iniziò a modificare il panorama dell'industria farmaceutica. Molti dei farmaci ottenuti da piante e animali sono ora sintetizzati chimicamente nei laboratori così come nuove sostanze. Spesso gli anni Sessanta sono considerati il ​​"decennio farmaceutico del secolo farmaceutico" per la quantità di farmaci disponibili.

A livello internazionale le droghe sono classificate sulla base delle tre Convenzioni delle Nazioni Unite del 1961, 1971 e 1988. Nell'Unione Europea le normative sulle droghe che definiscono le classi di precursori derivano dagli obiettivi dell'UE di libera circolazione delle merci. Si tratta del Regolamento (CE) n. 273/2004 modificato dal Regolamento (UE) n. 1258/2013 per gli scambi intracomunitari e del Regolamento (CE) n. 111/2005 del Consiglio modificato dal Regolamento (UE) n. 1259/2013 (cfr. OEDT-Classificazione dei farmaci controllati).

I farmaci sono generalmente classificati in base ai loro effetti fisiologici. Pertanto possono essere elencati, con alcuni esempi, come:

-Anestetici e dissociativi: protossido di azoto (propellente NO2 usato come "gas ridente"), ketamina, metoxetamina (MXE), GHB (gamma-idrossibutirrato noto anche come "droga per stupro") e il suo precursore GBL (gamma-butirolattone, un prodotto industriale solvente). Gli allucinogeni/psichedelici alterano lo stato mentale della persona e hanno un potente effetto sulla mente come allucinazioni, euforia, disturbi emotivi: Ibogaina, LSA (ergine), LSD, Mescalina, Peyotl, Ayahuasca, PCP (fenciclidina, l'”Angelo Polvere"), …

-Cannabinoidi: THC (Delta 9 TetraHydroCannabinol), Haschisch (resine), Butane hash oil (BHO), interferendo con la fisiologia dell'importantissimo Sistema Endocannabinoide. Era stato anche dimostrato (John Merrick et al, 2016) che il CBD o Cannabidiolo in un mezzo acido, come nello stomaco, si trasforma lentamente nello psicotropo THC (Delta 9 e Delta 8 TetraHydroCannabinols).

I cannabinoidi sintetici (come Spice, K2, Black Mamba) molto apprezzati dalle giovani generazioni sin dagli anni 2000 sono più pericolosi e creano dipendenza del THC. Continuano ad emergere sul mercato europeo e sono spesso mescolati alla cannabis naturale senza che il consumatore ne sia a conoscenza. L'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) ha evidenziato che l'adulterazione di prodotti con cannabinoidi sintetici è stata confermata in Francia, Germania, Paesi Bassi, Slovenia e Svezia (2021).

-Deliriants & Entactogens/Empatogens: noce di betel, muscimolo (Amanita muscaria), saponine (oneirogeniche), scopolamina e atropina dalla pianta di Belladona, …

-Depressivi: l'azione sul Sistema Nervoso Centrale (SNC) fornisce una sensazione di rilassamento, rallentando i riflessi, agendo sul sonno e per la riduzione del dolore: Alcool, Barbiturici (Fenobarbital); includono anche gli oppioidi come derivati ​​naturali dell'oppio (o oppiacei): oppio, morfina, codeina, eroina e gli oppioidi semi o sintetici: ossicodone, tramadolo, fentanil, metadone e buprenorfina usati contro la dipendenza da oppioidi ma anche abusati, ...

- Farmaci psichiatrici: Atomoxetina (Strattera), Fluoxetina (Prozac), Aloperidolo (Haldol), Olanzapina (Zyprexa), Paroxetina (Paxil), Sertralina (Zoloft), Ritalina (per curare l'iperattività dei bambini),...

- Benzodiazepine (sedativi psichiatrici): Xanax (Alprazolam), Valium (Diazepam), Rohypnol (Flunitrazepam),... quando combinati con oppioidi aumentavano il rischio di sovradosaggio fatale.

-Stimolanti della mente e del corpo:

         naturale: caffeina, coca, khat, nicotina, teina, teobromina (di cacao), …

         sintetico: anfetamine, metanfetamine (che crea dipendenza), MDMA (ecstasy), 2C-B (fenetilamina), i catinoni 3-MMC (nuova alternativa economica alla cocaina) e 4-MMC (mefedrone). I catinoni sintetici in Europa sono le seconde nuove sostanze psicoattive (SNP) più comuni dopo i cannabinoidi sintetici. Hanno anche una vasta gamma di effetti negativi.

"La continua escalation della produzione di droghe sintetiche nell'Unione europea ci mostra il duro lavoro dei gruppi criminali organizzati per trarre profitto dal traffico illegale di droga..."  ha affermato Ylva Johansson, Commissario europeo per gli affari interni (EMCDDA Drug Report-2022):

Tutti questi farmaci hanno la particolarità di essere psicoattivi, generalmente creano rapidamente dipendenza e tossici. Le loro caratteristiche principali sono l'alterazione delle attività neuronali, delle percezioni, della capacità di pensare e della memoria. Quindi, se usati illegalmente, stanno diventando rapidamente dannosi e potenzialmente fatali per la salute individuale.

Un altro punto chiave da considerare è l'accessibilità alle droghe, principalmente per l'alcol e sempre più per la cannabis, agli adolescenti e agli adolescenti. Infatti, poiché il loro cervello non ha ancora raggiunto la sua piena maturità con un sistema limbico immaturo (il centro di ricompensa) e corteccia prefrontale (funzioni cognitive ed esecutive), i giovani sono ancora molto vulnerabili di fronte alle pressioni dei coetanei, dei media, del marketing, senza un orientamento scolastico e in mancanza di informazioni fattuali su questo argomento. E questo vale soprattutto per gli adolescenti, che J. Kessel (in Mermoz, 1938) definito come “l'età in cui il bisogno di scambio, di fiducia, diventa quasi tragico a forza della sua acutezza. Forze smorzate, una speranza e un'ansia confuse e potenti, esaltano e appesantiscono a loro volta il cuore. Devono essere detti, condivisi".

Secondo il Rapporto 2019 del Progetto Scuola Europea sull'Alcool e le Altre Droghe (ESPAD) e relativo agli studenti europei di 16 anni:

  • le bevande alcoliche sono le sostanze psicoattive più diffuse e di facile reperibilità. Il 35% degli studenti europei ha consumato almeno 5 bicchieri di alcol nella stessa occasione con risultati di tossicità significativi;
  • la cannabis è la sostanza illecita più diffusa e consumata dai giovani europei, la media è del 7.1% e secondo il Cannabis Abuse Screening Test (CAST), un consumatore su tre sarebbe ad alto rischio di uso problematico o dipendenza, che potrebbe essere fisico o/e mentale.
  • tra le altre droghe illecite: l'ecstasy è la più testata (2.3%), seguita da LSD e altri allucinogeni (2.1%), cocaina (1.9%) e anfetamine (1.7%). Le metanfetamine, il crack e l'eroina colpiscono solo un adolescente su 100. 

“L'educazione è la scoperta progressiva della nostra stessa ignoranza” William J. Durant (1885-1981). Per secoli le scuole sono state un luogo di preparazione alla vita con l'apprendimento, stabilendo regole di cittadinanza, costruendo un'unità nella popolazione e fornendo una qualifica. Ma dagli anni '1970 con il cambiamento della società moderna e la rapida diffusione della droga tra i giovani europei, i curricula tradizionali si sono inadatti e le scuole sono diventate anche uno spazio di violenze fisiche e psicologiche per i più vulnerabili. Infatti, per “Impatto sulle comunità” (Commissione Europea, 2022) “Il consumo di stupefacenti è anche considerato una causa di criminalità giovanile dal 72%, furto, furto o furto con scasso (66%) e criminalità violenta o omicidio (58%) oltre che di corruzione (39%)”. Aggiungendo a un possibile ruolo comunitario e familiare di fattori protettivi, le autorità educative hanno sviluppato nuovi schemi educativi tra cui la conoscenza del fenomeno della droga. Ed ecco quante organizzazioni non governative come il Fondazione per un'Europa libera dalla droga, è venuto ad assistere i funzionari nell'arduo, ingrato ma necessario compito di prevenzione come descritto nelle Convenzioni internazionali ed europee sui diritti dell'infanzia e, quindi,

"Insieme, possiamo perseguire una prevenzione e una protezione più efficaci, per costruire la resilienza mentre ricostruiamo meglio e non lasciare indietro nessuno".

(UNODC, 2020)
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti