9.3 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Il sarcofago della Gorgone Medusa si trovava nella Cisterna Basilica?

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Nascosta sotto le strade tortuose di Istanbul, a soli 149 metri dalla Basilica di Santa Sofia, si trova un'antica cisterna che potrebbe essere stata l'ultima dimora della gorgone Medusa, secondo Ancient Origins. La Cisterna Basilica, conosciuta anche come Yerebatan Sarnuj, è la più grande delle antiche cisterne che si trovano sotto Istanbul, progettate per catturare e trattenere l'acqua piovana. È una delle cisterne più famose e imponenti non solo in Turchia ma anche nel mondo intero. Ma poteva davvero fare la guardia al sarcofago del mostro greco Medusa?

L'origine della Cisterna

La Cisterna Basilica fu costruita nel VI secolo aC, durante il regno dell'imperatore bizantino Giustiniano I. All'epoca la città era conosciuta come Costantinopoli e faceva parte dell'Impero Romano d'Oriente. La cisterna prende il nome dalla basilica-stoa (“stoa” dal greco significa colonnato coperto; per il suo disegno dovrebbe irradiare magnificenza – nb) o dalla basilica Ilius che un tempo sorgeva sopra di essa. La Basilica Stoa era una grande piazza pubblica di Costantinopoli tra il III e il IV secolo, all'inizio dell'era romana, ed era adibita a centro commerciale, amministrativo e artistico. Il generale romano Flavio Ill Trocund la ricostruì dopo un incendio nel 6. La basilica originaria fu edificata durante il regno di Costantino I (3 – 4), ma fu ricostruita per ordine di Giustiniano I dopo le rivolte di Nicea (il nome deriva da la parola d'ordine Nica – “conquistare” – che i ribelli si scambiarono) del 476, che lasciò la città in rovina. La basilica fu ricostruita, ampliata e migliorata, compresa la cisterna. Secondo le fonti storiche, la costruzione di questa enorme cisterna fu effettuata da 306 schiavi e forniva un sistema di filtrazione dell'acqua per il Grande Palazzo di Costantinopoli. La cisterna è di forma rettangolare e misura circa 337 x 532 metri. Ciò gli conferisce una capacità di stoccaggio di 7,000 tonnellate. Il soffitto è sostenuto da 138 file di 65 colonne di marmo ciascuna. Ogni colonna è alta 100,000 metri e l'una dall'altra di 12 metri. Le basi di queste colonne sono realizzate in stili diversi. Novantotto sono in stile corinzio e il resto in stile dorico. Ma ci sono due colonne a forma di teste giganti della gorgone Medusa che hanno suscitato l'interesse di chi ha una fantasia più ricca.

Voci del sarcofago di Medusa

Le due enormi teste di Medusa si trovano su due colonne all'estremità nord-ovest della cisterna e sono motivo di molte voci. Gran parte del materiale utilizzato per ricostruire la cisterna è stato portato da altrove dopo le rivolte di Nika. Gli archeologi sono stati in grado di identificare l'origine di parte del materiale, ma nel caso delle teste di Medusa non sono stati in grado di farlo. Tuttavia, secondo alcuni, furono usati come sostegni delle colonne durante la costruzione della cisterna e non furono aggiunti in una fase successiva. Vale anche la pena notare che una testa simile, ora al Museo Archeologico di Istanbul, è stata scoperta nel Foro di Costantino, suggerendo che queste teste potrebbero aver avuto origine dallo stesso luogo.

Questa testa in pietra chiave della gorgone Medusa potrebbe appartenere a un grande arco del Foro di Costantino. Oggi si trova nel Museo Archeologico di Istanbul.

Durante lo studio delle teste di Medusa, è stato scoperto un documento che ha ispirato idee fantastiche nella mente dei ricercatori. Il documento è un diario tenuto dal sultano Abdul Hamid II, che governò l'Impero Ottomano dal 1876 al 1909, e racconta una storia molto interessante. Secondo questo documento, nel 1456 una delegazione fu inviata da Venezia per incontrare Fatih Sultan Mehmet. Ha chiesto di incontrare il Sultano, ma ha preferito inviare il Gran Visir. La delegazione informò il Visir di un tesoro nella Cisterna Basilica, ma si rifiutò di dire a nessuno tranne al Sultano dove si trovasse. Quando ha appreso questo, il Sultano ha voluto incontrare un membro della delegazione. In questo incontro apprese che il tesoro nella cisterna non era qualcosa di materiale, ma piuttosto un cadavere. Abdul Hamid II si interessò molto al potenziale sarcofago di Medusa. Il trasferimento del sarcofago Il Sultano chiese l'esecuzione di prove e, ricevuti i risultati, decise di far rimuovere il sarcofago. Si ritiene che il sarcofago sia stato rinvenuto in uno dei corridoi della Cisterna Basilica. Secondo la leggenda, quando il sarcofago fu aperto, si rivelò la mummia di una creatura terrificante. Aveva una testa umana, ma il suo intero corpo era attorcigliato come un serpente gigante.

Secondo alcuni, la creatura non era Medusa, ma il mitico Shahmaran.

Shahmaran è originario dell'Iran, ma è una creatura mitologica popolare in Turchia. Come Medusa, è metà umana e metà serpente. Alcuni addirittura ipotizzano che Medusa e Shahmaran siano in realtà la stessa donna. Oggi, la Cisterna Basilica è una delle attrazioni turistiche più popolari di Istanbul, anche se è stata chiusa tra il 2017 e il 2021 per lavori di restauro. Ciò si è reso necessario per ampliare le strette aree di ingresso e uscita e ridurre le lunghe code di turisti in attesa di entrare. La vera storia della Gorgone Medusa Nell'antica mitologia greca, Medusa ("guardia, protettrice, amante") è la più famosa delle tre sorelle mostri conosciute come le Gorgoni. La prima testimonianza conosciuta della storia di Medusa e delle Gorgoni si trova nella Teogonia di Esiodo. Secondo questo antico autore, le tre sorelle, Stheno, Euryala e Medusa, erano le figlie di Forci e Ceto e vivevano "oltre il famoso Oceano ai confini del mondo". Dei tre, solo Medusa era mortale. Ma è anche la più famosa, e spesso viene raccontato il mito della sua morte per mano di Perseo.

Perseo con la testa della Gorgone

Perché Medusa è stata maledetta? Sebbene Esiodo racconti l'origine di Medusa e la sua morte per mano di Perseo, non dice altro sulla Gorgone. Una descrizione più completa di Perseo e Medusa può essere trovata nelle Metamorfosi di Ovidio. In quest'opera, Ovidio descrive Medusa come originariamente una bella fanciulla. La sua bellezza attirò l'attenzione di Poseidone, che la concupì e la violentò nel santuario di Atena. Quando Atena venne a conoscenza di questo, cercò vendetta trasformando i capelli di Medusa in serpenti in modo che chiunque la guardasse sarebbe stato trasformato in pietra. … Medusa era la più famosa per la sua bellezza e l'invidiabile speranza di innumerevoli corteggiatori, ma la cosa più bella di lei erano i suoi capelli. Io stesso ho parlato con l'uomo che li ha visti con i suoi occhi. Fu disonorata – si dice – dal sovrano del mare nel tempio di Minervin. La tua faccia è storta, con l'egida nascondi la severa Minerva. Per non rimanere impunita, trasformò i capelli della Gorgone in cattivi serpenti… Ovidio, “Metamorfosi”, tradotto da Georgi Batakliev, 1974 Secondo altre varianti del mito, Medusa e le altre gorgoni sarebbero sempre stati dei mostri orribili ricoperti di serpenti. La leggenda di Medusa e Perseo Il mito di Perseo e Medusa inizia anni prima che lui la uccida. Perseo era figlio di Danae, figlia di Acrisio, re di Argo, e di Zeus. La principessa rimase incinta del dio olimpico sotto forma di pioggia dorata dopo che suo padre l'aveva rinchiusa perché aveva appreso da un oracolo che sarebbe stato ucciso da suo nipote. Acrisio aveva paura del bambino, ma voleva evitare l'ira di Zeus, quindi invece di uccidere Perseo, mandò il bambino e Danae in mare in una cassa di legno.

Il pescatore Dictys dell'isola di Seriphos salvò i due e allevò Perseo come suo figlio. Tuttavia, c'erano altri che non erano così gentili con il ragazzo. Nel mito di Perseo, l'eroe fu inviato da Polydectes, fratello di Dictys e re di Seriphos, a portargli la testa di Medusa. Polidette infatti desiderava la madre di Perseo e voleva sbarazzarsi di suo figlio, che era contrario alla relazione tra i due. Una tale missione sarebbe stata suicida per Perseo e Polydectes non si aspettava che tornasse mai a Serifo. Poiché Perseo era figlio di Zeus, fu assistito dagli dei. L'eroe ricevette un cappello dell'invisibilità da Ade, un paio di sandali alati da Hermes, uno scudo riflettente di bronzo da Atena e una spada da Efesto. Con questi doni divini, Perseo cercò Medusa e la decapitò mentre dormiva. Morte della Gorgone Medusa. Edward Burne-Jones / Public Domain Non appena la gorgone fu decapitata, dal suo sangue nacque il cavallo alato Pegaso. Nella Teogonia, Esiodo menziona anche che il gigante d'oro Crisaore, che nacque con una spada d'oro in mano, nacque anche dal corpo decapitato di Medusa. Le sorelle di Medusa arrivarono sulla scena più o meno nello stesso momento e inseguirono Perseo. Ma l'eroe è scappato usando il cappello dell'invisibilità. Alcune versioni del mito dicono che portò con sé anche Pegaso. Perseo poi volò con i sandali di Hermes o Pegaso a Seriphos. Ma molti altri eventi eccitanti gli accadono prima che torni sull'isola. Sebbene Perseo possa essere al centro di queste storie, si può sostenere che i poteri trasformativi della testa mozzata di Medusa abbiano giocato un ruolo chiave nelle successive avventure dell'eroe.

Il potere della testa di Medusa

Quando il sangue gocciolava dalla testa di Medusa sulle pianure della Libia, ogni goccia di sangue si trasformava in un serpente velenoso. Il potere della testa di Medusa fu mostrato di nuovo quando Perseo affrontò il titano Atlante. Quando Perseo chiese ad Atlante un posto dove riposare per un po', la sua richiesta fu rifiutata. Sapendo che non sarebbe stato in grado di sconfiggere il titano con la sola forza bruta, rimosse la testa di Medusa e Atlas si trasformò in una montagna.

Perseo liberò anche Andromeda, figlia del re etiope Cefeo, e sua moglie Cassiopea. Usando la testa di Medusa, Perseo riuscì a salvare la principessa, che fu sacrificata a Cetus, un mostro marino inviato da Poseidone per punire Cassiopea per essersi vantata che sua figlia era più bella delle Nereidi. Il potere pietrificante di Medusa fu usato anche su Fineo, zio di Andromeda al quale era promessa sposa, su Proeto, l'usurpatore del trono di Argo, e infine sullo stesso Polidette. L'amico di Perseo, Dictys, salì al trono e Perseo diede la testa di Medusa ad Atena, che la portò sulla sua egida quando andò in battaglia. Il mito di Medusa sopravvive Sebbene Medusa sia generalmente considerata un mostro, la sua testa è spesso vista come un amuleto protettivo che tiene lontano il male. Il nome Medusa, infatti, deriva da un verbo greco antico che significa “custodire o proteggere”.

Un'immagine della testa di Medusa può essere vista su numerosi manufatti greci e successivamente romani come scudi, corazze e mosaici. Uno di questi esempi di ciondolo con testa di Medusa appare sotto forma di un manufatto romano dalla fine del II al IV secolo trovato nel Cambridgeshire. Una testa marmorea di Medusa di 2 anni fa è stata scoperta in un ex centro commerciale romano in Turchia. Numerose sono anche le monete che riportano non solo l'immagine di Perseo che tiene la testa di Medusa, ma la testa stessa. Oggi, l'immagine più famosa della testa di Medusa è forse sul logo dell'azienda di moda italiana Versace.

Foto: Colonna con testa di Medusa nella Cisterna Basilica. Metuboy / CC BY-SA 4.0

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti