2.2 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 8, 2023

Perle di saggezza dell'Antico Testamento (1)

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Nei tempi odierni di tormento materiale e morale, gli occhi di molti cristiani sono rivolti in attesa di aiuto e speranza, di conforto e salvezza, all'Eterno Consolatore. Possiamo trovare questo conforto nelle Sacre Scritture.

Con questa piccola opera focalizziamo la nostra attenzione, tra gli innumerevoli insegnamenti di vita della Sacra Bibbia, sui saggi proverbi dei libri dell'Antico Testamento, il cui autore è il santo profeta e re Salomone: il Libro della Sapienza di Salomone, il Libro dei Proverbi di Salomone e Libro dell'Ecclesiaste o del Predicatore, che dal punto di vista etico sono vere e proprie perle di saggezza. Queste perle molto preziose sono state estratte e offerte in un ordine coerente, diverso dall'ordine nella Bibbia, – per facilitare il lettore a percepirle più facilmente e utilizzarle più pienamente. I detti saggi del re Salomone sono raggruppati per scopo in diverse sezioni, e viene anche offerto un indice dei posti paralleli nei tre libri sapienziali di Salomone dell'Antico Testamento, giustapposti ai libri del Nuovo Testamento.

Viviamo in una realtà decisamente contraria e rimproverata dalle Sacre Scritture: desiderio di beni ed eccessi terreni, oblio e amarezza presenti e vigenti in molti, autodistruzione spirituale, terribile indifferenza per l'animo umano e una fatale incuria per la sua salvezza.

Speriamo che questa pubblicazione trovi diffusione tra coloro che cercano conforto e sapienza spirituale per il bene comune e per piacere a Dio.

Biografia

Salomone era il terzo e più grande re della nazione israelita. Secondo figlio del santo profeta e re Davide di Betsabea, fu designato come suo successore durante la vita del padre e salì al trono quando aveva solo 16 anni. Laureato del profeta Nathan, Salomone nacque con una mente brillante e perspicacia. In qualità di sovrano del popolo di Israele eletto da Dio, si preoccupava soprattutto di portare la pace intorno al trono e negli affari esterni dello stato. Il suo governo è sinonimo di pace e prosperità nazionale. Dopo aver sistemato gli affari dello stato, Salomone procedette ad attrezzare la casa di Dio, il tempio di Dio a Gerusalemme, noto fino ad oggi come tempio di Salomone.

Successivamente, il lusso e le maniere orientali che lo circondavano indebolirono il suo zelo per la fede di suo padre, e costruì nella città templi del Signore per i culti pagani di Moloch e Astarte. I libri di saggezza da lui lasciati rivelano la vita di un uomo che ha sperimentato tutti i piaceri della vita e ha bevuto fino in fondo la coppa delle gioie terrene e tuttavia è rimasto insoddisfatto.

Salomone morì a Gerusalemme nel 40° anno del suo regno (1020-980 a.C.). La storia della sua vita è descritta nel Terzo Libro dei Re e nel Secondo Libro delle Cronache nelle Sacre Scritture dell'Antico Testamento.

I. Sezione: Timore del Signore. Provvidenza e onnipresenza di Dio. Vanità.

1. Il timore del Signore conduce alla vita, e chi lo possiede sarà sempre soddisfatto e il male non lo raggiungerà. Proverbio. 19:23

2. Timore del Signore significa odiare il male; orgoglio e superbia, via malvagia e bocca perfida io odio. Libro della Sapienza 8:13

3. Dopo l'umiltà viene il timore del Signore, la ricchezza, la gloria e la vita. Proverbio. 22:4

4. Gli occhi di Dio sono ovunque: vedono il male e il bene. Proverbio. 15:3

5. Ci sono molti disegni nel cuore umano, ma solo ciò che è determinato dal Signore si realizza. Proverbio. 19:21

6. Dio porterà in giudizio ogni opera e ogni segreto, buono o cattivo che sia. Eccl. 12:14

7. Bandisci il dolore dal tuo cuore e allontana il male dal tuo corpo, perché l'infanzia e la giovinezza sono vanità. Eccl. 1:10

8. Nei giorni buoni goditi il ​​bene, e nei giorni cattivi pensa: Dio ha fatto entrambe le cose affinché nessuno possa dire qualcosa contro di Lui. Eccl. 7:14

9. E la polvere ritornerà sulla terra com'era prima; e lo spirito tornerà a Dio che lo ha dato. Eccl. 12:7

10. Come uscì nudo dal grembo di sua madre, così se ne va come è venuto; e dalla sua fatica non prenderà nulla che possa portare in mano. Ecclesiaste 5:14

11. Ciò che è stato, è ora, e ciò che sarà, è già stato, – e Dio richiamerà il passato. Ecclesiaste 3:15

12. Tutto va in un posto: tutto è venuto dalla polvere e tutto tornerà alla polvere. Ecclesiaste 3:20

13. C'è un tempo per ogni cosa, un tempo per ogni lavoro sotto il cielo. Ecclesiaste 3:1

14. Ciò che è storto non può diventare diritto, e ciò che non c'è non può essere contato. Ecclesiaste 1:15

15. Ciò che è stato sarà di nuovo, e ciò che è stato governato sarà fatto di nuovo - non c'è niente di nuovo sotto il sole. Ecclesiaste 1:9

16. Vanità delle vanità – tutto è vanità! Ecclesiaste 1:2

17. Molti cercano il volto favorevole del sovrano, ma il destino dell'uomo è dal Signore. Proverbio. 29:26

18. Vanità e falsità lontano da me, povertà e ricchezza non mi danno, – nutrimi con il mio pane quotidiano. Proverbio. 30:8

II. Sezione: Giustizia e ingiustizia. Divinità e malvagità.

19. Non c'è uomo giusto sulla terra che faccia il bene e non pecchi affatto. Eccl. 7:20

20. E il traditore, anche se muore presto, sarà in pace. Libro della Sapienza 4:7

21. C'è grazia e misericordia per i suoi santi e provvidenza per i suoi eletti. Libro della Sapienza 4:15

22. Se qualcuno ama la giustizia, i suoi frutti sono virtù: insegna la castità e la prudenza, la giustizia e il coraggio, di cui non c'è niente di più utile per le persone nella vita. Libro della Sapienza 8:7

23. La sapienza non entrerà in un'anima malvagia e non abiterà in un corpo schiavo del peccato. Libro della Sapienza 1:4

24. Le loro mogli (nota – dei malvagi) sono insensate e i loro figli cattivi, maledetta è la loro stirpe. Libro della Sapienza 3:12

25. Perché la pratica della malvagità oscura il bene, e l'eccitazione delle passioni corrompe una mente buona. Libro della Sapienza 4:12

26. La speranza degli empi svanisce come polvere portata dal vento, e come brina portata dal temporale, e come fumo portato dal vento, e svanisce come il ricordo dell'ospite di un giorno. Libro della Sapienza 5:14

27. Il malvagio fugge quando nessuno lo insegue; ma il giusto è audace come un leone. Proverbio. 28:1

III. Sezione: Carità e Carità.

28. La gioia di un uomo è la sua carità. Libro della Sapienza 19:22

29. Con la misericordia e la giustizia si purifica il peccato e con il timore del Signore si allontana il male. Proverbio. 16:6

30. Un uomo misericordioso fa del bene alla sua anima, ma un uomo crudele distrugge la sua carne. Proverbio. 11:17

31. Non rifiutare di fare del bene onomuva chi è nel bisogno, quando la tua mano ha il potere di farlo. Libro della Sapienza 3:27

32. Possano la misericordia e la verità non lasciarti: allacciati al collo con loro, scrivile sulle tavole del tuo cuore. Libro della Sapienza 3:3

33. Perdi il tuo pane sul corpo, perché dopo molti giorni lo ritroverai. Eccl. 11:1

34. Chi dà ai poveri non sarà povero; e chi chiude un occhio su di essa sarà grandemente maledetto. Proverbio. 28:27

35. Non dire al tuo amico: “vattene e torna, e domani te lo darò”, quando hai con te. (poiché non sai cosa produrrà il domani.) Sapienza 3:28

36. Chi fa del bene al povero presta al Signore ed Egli lo ripagherà per la sua buona azione. Libro della Sapienza 19:17

37. Chi si prende gioco dei poveri, bestemmia il suo Creatore; chi si compiace del male non resterà impunito (ma il misericordioso sarà perdonato). Prov. 17:5

38. Apri la bocca per i senza voce e per la protezione di tutti gli orfani. Proverbio. 31:8

39. Apri la bocca per la giustizia e per la causa dei poveri e degli indifesi. Proverbio. 31:9

40. Se il tuo nemico ha fame, dagli da mangiare del pane; e se ha sete, dagli acqua da bere. Proverbio. 25:21

41. Colui che danneggia il povero per aumentare la sua ricchezza, e colui che dà al ricco, diventerà povero. Proverbio. 22:16

42. Uno dà generosamente e gli viene aggiunto di più; e un altro oltre misura è parsimonioso, eppure è povero. Proverbio. 11:24

IV. Sezione: Ragione e saggezza. Stupidità e follia.

43. L'inizio della saggezza è il timore del Signore; (tutti coloro che sono guidati da lui capiscono bene; e il rispetto per Dio è l'inizio della comprensione); solo gli sciocchi disprezzano la saggezza e l'istruzione. Proverbio. 1:7

44. La saggezza è luminosa e non svanisce, e chi la ama la vede facilmente, chi la cerca la trova. Libro della Sapienza 6:12

45. Non considerarti un saggio; temete il Signore e fuggite il male. Libro della Sapienza 3:7

46. ​​​​La saggezza è meglio di una perla. Libro della Sapienza 8:11

47. Ascolta, figlio mio, l'insegnamento di tuo padre e non rifiutare l'alleanza di tua madre. Proverbio. 1:8

48. La saggezza rende il saggio più forte di dieci governanti in una città. Eccl. 7:19

49. Le parole dei saggi pronunciate con calma sono ascoltate meglio delle grida di un sovrano tra gli stolti. Eccl. 9:17

50. Le parole della bocca del saggio sono una benedizione, ma la bocca dello stolto lo distrugge. Eccl. 10:12

51. Le parole dei saggi sono come spine, e come chiodi conficcati sono le loro sentenze pronunciate dall'unico Pastore. Eccl. 12:11

52. Il cuore del saggio è in una casa di pianto, e il cuore dello stolto è in una casa di gioia. Eccl. 7:4

53. È meglio ascoltare il rimprovero di un uomo saggio che ascoltare le canzoni degli stolti. Eccl. 7:5

54. Gli occhi del saggio sono nella sua testa, ma lo stolto cammina nelle tenebre. Eccl. 2:14

55. E ho visto che il vantaggio della saggezza sulla follia è proprio come il vantaggio della luce sulle tenebre. Eccl. 2:13

56. Grande saggezza - grande sofferenza, e chi accumula conoscenza accumula tristezza. Eccl. 1:18

57. Ascolta i consigli e accetta i rimproveri, così diventerai saggio in seguito. Libro della Sapienza 19:20

58. La saggezza aprì la bocca del muto e fece capire la lingua dei bambini. Libro della Sapienza 10:21

59. I molti saggi sono la salvezza per il mondo; e un re saggio è una benedizione per il popolo. Libro della Sapienza 6:26

60. La saggezza è davanti al volto del prudente, ma gli occhi dello stolto sono ai confini della terra. Proverbio. 17:24

61. Disturbando gli altri, i saggi diventano stolti e i doni corrompono il cuore. Eccl. 7:7

62. Non indulgere nel peccato e non essere stolto: perché morire senza tempo? Eccl. 7:17

63. Il lavoro dello stolto lo stanca, perché non conosce nemmeno la strada per la città. Eccl. 10:15

64. Lo stolto siede con le mani giunte e si rode la carne. Eccl. 4:5

65. Una frusta per un cavallo, una briglia per un asino e un bastone per gli stolti. Libro della Sapienza 26:3

66. Non rispondere allo stolto secondo la sua stoltezza, perché non creda di essere saggio. Libro della Sapienza 26:5

67. Come una spina nella mano di un ubriacone, così è una parabola in bocca agli stolti. Libro della Sapienza 26:9

68. Un figlio sciocco è un disastro per suo padre, e una donna litigiosa è come un imbroglione senza fine. Libro della Sapienza 19:13

69. È meglio per un uomo incontrare un orso privo di orsi che uno sciocco con la sua follia. Proverbio. 17:12

70. Lo stolto non ama la conoscenza, ma solo mostrare la sua mente. Proverbio. 18:2.

(continua)

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti