3.1 C
Bruxelles
Domenica, gennaio 29, 2023

I ricercatori di Stanford trovano il cervello di adolescenti fisicamente invecchiati da stress pandemico COVID-19

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

I cervelli degli adolescenti che sono stati valutati dopo la fine della pandemia sembravano diversi anni più vecchi di quelli degli adolescenti che sono stati valutati prima della pandemia.


I cervelli degli adolescenti che sono stati valutati dopo la fine della pandemia di COVID sembravano diversi anni più vecchi di quelli degli adolescenti che sono stati valutati prima della pandemia. Fino ad ora, cambiamenti così accelerati nell'"età cerebrale" sono stati osservati solo nei bambini che vivevano avversità croniche, come abbandono e disfunzioni familiari.

I fattori di stress legati alla pandemia hanno alterato fisicamente il cervello degli adolescenti, facendo apparire le loro strutture cerebrali di diversi anni più vecchie del cervello di coetanei comparabili prima della pandemia. Questo è secondo un nuovo studio della Stanford University che è stato pubblicato il 1° dicembre 2022 sulla rivista Psichiatria biologica: scienza aperta globale.


Solo nel 2020, le segnalazioni di ansia e depressione negli adulti sono aumentate di oltre il 25% rispetto agli anni precedenti. Le nuove scoperte indicano che gli effetti sulla salute neurologica e mentale del

COVID-19
Identificato per la prima volta nel 2019 a Wuhan, in Cina, COVID-19, o malattia da Coronavirus 2019, (originariamente chiamata "2019 novel coronavirus" o 2019-nCoV) è una malattia infettiva causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV- 2). Si è diffuso a livello globale, provocando la pandemia di coronavirus del 2019-22.

” data-gt-translate-attributes=”[{“attribute”:”data-cmtooltip”, “format”:”html”}]”>La pandemia di COVID-19 sugli adolescenti potrebbe essere stata persino peggio.

"Sappiamo già dalla ricerca globale che la pandemia ha influito negativamente sulla salute mentale dei giovani, ma non sapevamo cosa, se non altro, stava facendo fisicamente al loro cervello", ha affermato Ian Gotlib, professore di psicologia alla Marjorie Mhoon Fair a la School of Humanities & Sciences, che è il primo autore del documento.

Gotlib osserva che con l'avanzare dell'età, i cambiamenti nella struttura del cervello si verificano naturalmente. Durante la pubertà e la prima adolescenza, i corpi dei bambini sperimentano una maggiore crescita sia nell'ippocampo che nell'amigdala, aree del cervello che rispettivamente controllano l'accesso a determinati ricordi e aiutano a modulare le emozioni. Allo stesso tempo, i tessuti della corteccia, un'area coinvolta nelle funzioni esecutive, si assottigliano.


I fattori di stress legati alla pandemia di COVID-19 hanno alterato fisicamente il cervello degli adolescenti, facendo apparire le loro strutture cerebrali di diversi anni più vecchie, secondo una nuova ricerca della Stanford University.

Confrontando le scansioni cerebrali MRI di una coorte di 163 bambini effettuate prima e durante la pandemia, lo studio di Gotlib ha mostrato che questo processo di sviluppo è accelerato negli adolescenti quando hanno sperimentato i blocchi del COVID-19. Fino ad ora, dice, questi tipi di cambiamenti accelerati nell '"età cerebrale" sono apparsi solo nei bambini che hanno sperimentato avversità croniche, dovute a violenza, abbandono, disfunzioni familiari o una combinazione di più fattori.

Sebbene queste esperienze siano collegate a scarsi risultati di salute mentale più avanti nella vita, non è chiaro se i cambiamenti nella struttura cerebrale osservati dal team di Stanford siano collegati a cambiamenti nella salute mentale, ha osservato Gotlib.

"Inoltre, non è chiaro se i cambiamenti siano permanenti", ha affermato Gotlib, che è anche direttore del laboratorio Stanford Neurodevelopment, Affect, and Psychopathology (SNAP) presso la Stanford University. “La loro età cronologica alla fine raggiungerà la loro 'età cerebrale'? Se il loro cervello rimane permanentemente più vecchio della loro età cronologica, non è chiaro quali saranno i risultati in futuro. Per un settantenne o ottantenne, ti aspetteresti alcuni problemi cognitivi e di memoria basati sui cambiamenti nel cervello, ma cosa significa per un sedicenne se il suo cervello sta invecchiando prematuramente?


In origine, ha spiegato Gotlib, il suo studio non era progettato per esaminare l'impatto del COVID-19 sulla struttura del cervello. Prima della pandemia, il suo laboratorio aveva reclutato una coorte di bambini e adolescenti provenienti da tutta la San Francisco Bay Area per partecipare a uno studio a lungo termine sulla depressione durante la pubertà, ma quando la pandemia ha colpito, non ha potuto condurre scansioni MRI regolarmente programmate su quei giovani.

"Poi, nove mesi dopo, abbiamo avuto un duro riavvio", ha detto Gotlib.

Una volta che Gotlib ha potuto continuare le scansioni cerebrali dalla sua coorte, lo studio era in ritardo di un anno. In circostanze normali, sarebbe possibile correggere statisticamente il ritardo durante l'analisi dei dati dello studio, ma la pandemia era tutt'altro che un evento normale. "Questa tecnica funziona solo se si assume che il cervello dei sedicenni di oggi sia lo stesso del cervello dei sedicenni prima della pandemia per quanto riguarda lo spessore corticale e il volume dell'ippocampo e dell'amigdala", ha detto Gotlib. “Dopo aver esaminato i nostri dati, ci siamo resi conto che non lo erano. Rispetto agli adolescenti valutati prima della pandemia, gli adolescenti valutati dopo la chiusura della pandemia non solo presentavano problemi di salute mentale interiorizzante più gravi, ma avevano anche uno spessore corticale ridotto, un volume dell'ippocampo e dell'amigdala più grande e un'età cerebrale più avanzata.

Questi risultati potrebbero avere importanti implicazioni per altri studi longitudinali che hanno attraversato il Pandemia di covid. Se i bambini che hanno sperimentato la pandemia mostrano uno sviluppo accelerato nel loro cervello, gli scienziati dovranno tenere conto di quel tasso di crescita anormale in qualsiasi ricerca futura che coinvolga questa generazione.

“La pandemia è un fenomeno globale – non c'è nessuno che non l'abbia vissuta”, ha affermato Gotlib. "Non esiste un vero gruppo di controllo."

Questi risultati potrebbero anche avere gravi conseguenze per un'intera generazione di adolescenti più avanti nella vita, ha aggiunto il coautore Jonas Miller. Durante lo studio, è stato borsista post-dottorato nel laboratorio di Gotlib e ora è assistente professore di scienze psicologiche presso l'Università del Connecticut.

"L'adolescenza è già un periodo di rapida riorganizzazione nel cervello, ed è già collegato a un aumento dei tassi di problemi di salute mentale, depressione e comportamenti a rischio", ha detto Miller. "Ora c'è questo evento globale che sta accadendo, in cui tutti stanno vivendo una sorta di avversità sotto forma di interruzione delle loro routine quotidiane, quindi potrebbe essere il caso che i cervelli dei ragazzi che oggi hanno 16 o 17 anni non siano paragonabili a quelli delle loro controparti solo pochi anni fa.”

In futuro, Gotlib prevede di continuare a seguire la stessa coorte di bambini attraverso la successiva adolescenza e la prima età adulta, verificando se la pandemia di COVID abbia cambiato la traiettoria del loro sviluppo cerebrale a lungo termine. Ha anche in programma di monitorare la salute mentale di questi adolescenti e confronterà la struttura cerebrale di coloro che sono stati infettati dal virus con quelli che non lo erano, con l'obiettivo di identificare eventuali sottili differenze che potrebbero essersi verificate.



Riferimento: "Effetti della pandemia COVID-19 sulla salute mentale e la maturazione cerebrale negli adolescenti: implicazioni per l'analisi dei dati longitudinali" di Ian H. Gotlib, Jonas G. Miller, Lauren R. Borchers, Sache M. Coury, Lauren A. Costello , Jordan M. Garcia e Tiffany C. Ho, 1 dicembre 2022, Psichiatria biologica: scienza aperta globale.
DOI: 10.1016/j.bpsgos.2022.11.002

Lo studio è stato sostenuto dal finanziamento del National Institutes of Health (R37MH101495 a Ian Gotlib).

Gotlib è anche membro di Bio-X, il Maternal & Child Health Research Institute, il Precision Health and Integrated Diagnostics Center e il Wu Tsai Neurosciences Institute. È anche un affiliato di facoltà dello Stanford Center on Longevity.


- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti