7.4 C
Bruxelles
Martedì, Gennaio 31, 2023

Il numero dei giovani religiosi a Mosca è diminuito di due volte

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Una ricerca dell'Istituto per la ricerca demografica dell'Accademia russa delle scienze (RAS) mostra che negli ultimi 14 anni il livello di religiosità tra i giovani si è dimezzato (2008 – 60%; 2021 – 30%). I giovani non religiosi sono quadruplicati.

Il 21% del gruppo giovanile (dai 14 ai 29 anni) ha cambiato la propria posizione di visione del mondo a favore dell'ateismo: “prima credente, ora non credente”. La vera religiosità è ancora più bassa, notano gli scienziati.

Su quasi tutti gli indicatori di comportamento religioso nel corso degli anni (confessione, comunione, digiuno), l'attività religiosa è scesa al livello di errore statistico (1-4%). La frequenza frequente in chiesa tra i giovani di tutte le età nel 2021 è stata registrata a un livello del 6-7%.

Questo è il periodo in cui la Chiesa ortodossa russa godeva della libertà e dell'enorme sostegno finanziario e politico da parte dello stato, dell'influenza pubblica e del potere, centinaia di nuove chiese venivano costruite e la leadership della chiesa riportava annualmente programmi missionari tra i giovani. Dal 2010 hanno studiato tutti gli studenti russi di età compresa tra 10 e 11 anni religione nella forma della materia “Fondamenti di cultura religiosa ed etica laica”. La maggior parte degli studenti ha studiato etica secolare (circa il 40%) e ortodossia - ca. 30%

Nel concetto di una missione di successo del Patriarcato di Mosca, si poneva l'idea principale che la fornitura di fondi e l'influenza pubblica con l'aiuto dello stato avrebbero portato ad un aumento dell'interesse delle persone per la fede e alla loro conversione alla chiesa. A Mosca e nella regione centrale, a cui fa riferimento lo studio RAS, l'attività ecclesiale è più attiva e lì si concentrano le maggiori risorse. La pratica mostra che nulla di tutto ciò ha contribuito a far riconoscere ai giovani Cristo nei messaggi della chiesa e nella presenza pubblica. Al contrario, anche chi aveva interesse religioso lo ha perso. Nelle regioni provinciali della Federazione Russa, gli atteggiamenti atei tra la popolazione sono ancora più forti.

Foto: icona ortodossa "Circoncisione di nostro Signore Gesù Cristo".

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti