2.8 C
Bruxelles
Sabato, gennaio 28, 2023

Nuovo sistema innovativo valuta l'abitabilità di pianeti lontani

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

svg%3E - Nuovo sistema innovativo valuta l'abitabilità di pianeti lontani

Le scoperte degli autori consentiranno agli scienziati di valutare in modo efficiente le atmosfere di molti altri pianeti senza dover inviare un equipaggio spaziale per visitarli fisicamente.


Un sistema computerizzato classifica le atmosfere dei pianeti e determina quali sono praticabili per futuri insediamenti umani.

La crisi climatica rappresenta una sfida significativa per tutti gli esseri umani sulla Terra. Molti scienziati ne sono stati ispirati per cercare esopianeti, pianeti al di fuori del nostro sistema solare dove un giorno gli esseri umani potrebbero stabilirsi. Come parte di questa ricerca, il James Webb Space Telescope è stato costruito per fornire dati osservativi dettagliati sugli esopianeti simili alla Terra nei prossimi anni.

In un recente progetto, il Dr. Assaf Hochman del Università Ebraica di Gerusalemme (HU) Fredy & Nadine Herrmann Institute of Earth Sciences, insieme ai Drs. Thaddeus D. Komacek del Università del Maryland e Paolo De Luca del Barcelona Supercomputing Center, hanno sviluppato con successo un framework per studiare le atmosfere di pianeti lontani e trovare i pianeti adatti all'abitazione umana senza doverli visitare fisicamente. I loro risultati sono stati recentemente pubblicati nel Astrophysical Journal.


Una componente chiave per determinare se gli esopianeti sono adatti alla vita umana è la classificazione delle condizioni climatiche e la misurazione della sensibilità climatica. L'ultimo studio si è concentrato su TRAPPIST-1e, un pianeta che sarà osservato dal James Webb Space Telescope il prossimo anno e che si trova a circa 40 anni luce dalla Terra. I ricercatori hanno esaminato la sensibilità del clima del pianeta all'aumento dei gas serra e l'hanno confrontata con le condizioni sulla Terra. Usando una simulazione computerizzata del clima su TRAPPIST-1e, hanno potuto valutare l'impatto dei cambiamenti nella concentrazione di gas serra.

Lo studio si è concentrato sull'effetto di un aumento dell'anidride carbonica in condizioni meteorologiche estreme e sulla velocità dei cambiamenti meteorologici sul pianeta. "Queste due variabili sono cruciali per l'esistenza della vita su altri pianeti, e ora vengono studiate a fondo per la prima volta nella storia", ha spiegato Hochman.

Secondo il team di ricerca, lo studio della variabilità climatica degli esopianeti simili alla Terra fornisce una migliore comprensione dei cambiamenti climatici che stiamo attualmente vivendo sulla Terra. Inoltre, questo tipo di ricerca offre una nuova comprensione di come l'atmosfera del pianeta Terra potrebbe cambiare in futuro.


Hochman e i suoi partner di ricerca hanno scoperto che il pianeta TRAPPIST-1e ha un'atmosfera significativamente più sensibile del pianeta Terra. Stimano che un aumento dei gas serra potrebbe portare a cambiamenti climatici più estremi di quelli che sperimenteremmo qui sulla Terra perché un lato di TRAPPIST-1e è costantemente rivolto verso il proprio sole, allo stesso modo in cui la nostra luna ha sempre un lato rivolto verso il Terra.

Come ha concluso Hochman, “il quadro di ricerca che abbiamo sviluppato, insieme ai dati osservativi del telescopio spaziale Webb, consentirà agli scienziati di valutare in modo efficiente le atmosfere di molti altri pianeti senza dover inviare un equipaggio spaziale per visitarli fisicamente. Questo ci aiuterà a prendere decisioni informate in futuro su quali pianeti sono buoni candidati per l'insediamento umano e forse anche per trovare la vita su quei pianeti».

Riferimento: “Greater Climate Sensitivity and Variability on TRAPPIST-1e than Earth” di Assaf Hochman, Paolo De Luca e Thaddeus D. Komacek, 19 ottobre 2022, The Astrophysical Journal.
DOI: 10.3847/1538-4357/ac866f


- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti