14.5 C
Bruxelles
Venerdì, luglio 12, 2024
ReligioneCristianesimoPersona non grata: il patriarca serbo non è stato ammesso in Kosovo

Persona non grata: il patriarca serbo non è stato ammesso in Kosovo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://europeantimes.news
Dr. Petar Gramatikov è caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diversi istituti di istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato le lezioni, relative ai problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, in cui è stata data particolare attenzione al quadro giuridico dei nuovi movimenti religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il pluralismo -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre posizioni come redattore di una rivista trimestrale di turismo “Club Orpheus” – “ORPHEUS CLUB Wellness” PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per i non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

Le autorità del Kosovo hanno vietato al patriarca serbo Porfiry di visitare il Kosovo per Natale, ha riferito l'agenzia di stampa Tanjug, citando l'ufficio stampa della Chiesa ortodossa serba (SOC).

"Il patriarca serbo Porfiry è stato sorpreso di apprendere che le autorità di Pristina gli vietano di visitare il Patriarcato di Pečka prima della grande festa della Natività di Cristo", afferma l'annuncio, ha riferito BTA.

Il SOC celebra il Natale secondo il calendario giuliano il 7 gennaio. Il Patriarcato di Pečka è la residenza ufficiale del Patriarca serbo.

Nell'annuncio del SOC, si aggiunge che il Patriarca Porfiry non rinuncia alla sua intenzione di celebrare la Divina Liturgia nel Patriarcato di Pečka e si aspetta che questa decisione venga revocata, afferma l'annuncio.

Il Patriarca ha anche invitato Pristina a smettere di violare la legge diritti umani e le libertà dei credenti serbi ortodossi che vivono in Kosovo.

Le tensioni tra Kosovo e Serbia sono state particolarmente elevate negli ultimi mesi. La crisi è iniziata con la decisione del governo di Pristina di cambiare le targhe serbe sulle auto dei serbi del Kosovo con quelle del Kosovo. Sebbene, dopo negoziati e compromessi, Pristina per il momento abbia rinunciato a questo, i rappresentanti serbi hanno lasciato le istituzioni e le forze di polizia del Kosovo e le unità della polizia del Kosovo si sono trasferite in aree prevalentemente serbe. I serbi del Kosovo sono alle barricate nel nord del Kosovo per il sedicesimo giorno consecutivo. Le richieste dei serbi sono il rilascio dei serbi del Kosovo arrestati – ex poliziotti Dejan Pantic e Sladjan Trajkovic, così come il ritiro delle forze speciali del Kosovo dall'area.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -