8.8 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Russia – Quattro Testimoni di Geova condannati a pene detentive fino a sette anni

Dal 40° gennaio circa 1 testimoni di Geova sono stati condannati a pesanti pene detentive

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Corrispondente da Bruxelles per The European Times. - Willy Fautré, già incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles che ha fondato nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con particolare attenzione alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e LGBT la gente. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha svolto missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l'Iraq, il Nicaragua sandinista oi territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È sostenitore dei diritti umani presso le Nazioni Unite, il Parlamento europeo e l'OSCE.

Il 19 dicembre 2022, il giudice Yana Vladimirova presso il tribunale distrettuale di Birobidzhan della regione autonoma ebraica ha emesso dure condanne a quattro Testimoni di Geova per aver presumibilmente organizzato e finanziato attività estremiste mentre in realtà stavano semplicemente esercitando il loro diritto alla libertà di religione e di riunione.

Le indagini e il processo sono durati quattro anni e mezzo senza precedenti. Il contenzioso è durato oltre due anni. Il pubblico ministero ha chiesto una pena da quattro a nove anni di reclusione in una colonia.

condanna

  • Sergey Shulyarenko, 38 anni, e Valeriy Kriger, 55 anni (7 anni)
  • Alam Aliyev, 59 anni (6.5 anni)
  • Dmitry Zagulin, 49 anni (3.5 anni)

Operazione "Giorno del giudizio"

Il 17 maggio 2018 a operazione su larga scala sotto il nome in codice “Judgment Day” è stato condotto a Birobidzhan con la partecipazione di 150 forze di sicurezza. Più di 20 famiglie di Testimoni di Geova sono state vittime del raid (ad es. NewsweekKyiv post).

Durante questa repressione, Alam Aliyev è stato arrestato e ha trascorso otto giorni in un centro di custodia cautelare. Successivamente, altri tre credenti sono apparsi nel caso di Aliyev: Valery Krieger, Sergey Shulyarenko e Dmitry Zagulin. Sono stati accusati di tenere servizi di culto congiunti, che l'inchiesta ha considerato l'organizzazione delle attività di un'organizzazione estremista e il suo finanziamento.

In totale, 23 Testimoni di Geova nella regione sono già stati perseguitati per la pratica delle loro credenze. Tra loro ci sono la moglie di Alam Aliyev—Svetlana Monis, la moglie di Valery Krieger—Natalia Krieger e la moglie di Dmitriy Zagulin—Tatiana Zagulina.

La Corte europea dei diritti dell'uomo, nella sua sentenza del 7 giugno 2022, ha condannato la repressione dei testimoni di Geova in Russia, affermando: “La Corte europea ribadisce che solo le espressioni e le azioni religiose che contengono o invitano alla violenza, all'odio o alla discriminazione possono servire come base per sopprimerli come 'estremisti' […] I tribunali non hanno identificato una sola parola, atto o azione del ricorrenti, il cui movente sarebbe violenza, odio o discriminazione nei confronti di altri, o che avrebbe una connotazione di violenza, odio o discriminazione” (§ 271).

Raid di massa

Dal divieto della Corte Suprema del 2017, le autorità russe hanno fatto irruzione in 1874 case di Testimoni, di cui 200 quest'anno

  • Raid di massa nel 2022 (10 o più case)
    • 18 dicembre, Crimea, Case 16
    • 6 ottobre, territorio di Primorye, Case 12
    • 28 settembre, Crimea, Case 11
    • 8 settembre, regione di Chelyabinsk, Case 13
    • 11 agosto, regione di Rostov, Case 10
    • 13 luglio, regione di Yaroslavl, Case 16
    • 13 febbraio, regione di Krasnodar, Case 13

Dichiarazione ufficiale

Jarrod Lopes, portavoce dei Testimoni di Geova, afferma: 

“Ci sono oltre 110 testimoni di Geova in prigione in Russia. È impensabile che uomini cristiani pacifici come Alam, Dmitriy, Sergey e Valeriy vengano accusati di attività estremiste e condannati a dure e lunghe pene detentive solitamente riservate a criminali violenti.(*) 

Le autorità russe hanno continuato a utilizzare una notevole quantità di personale e risorse statali per condurre incursioni domestiche di massa e imprigionare i testimoni di Geova semplicemente per la pratica delle loro convinzioni.

L'escalation dell'attacco discriminatorio contro i Testimoni di Geova sta imponendo un enorme fardello a un numero crescente di mogli e figli per mantenersi senza l'aiuto dei loro mariti e padri che spesso erano la principale fonte di reddito della famiglia. Ai bambini innocenti è stato sottratto spietatamente il padre nel momento più critico del loro sviluppo fisico ed emotivo. È difficile credere che si sarebbero verificate ingiustizie così gravi, e ancora più inconcepibile che la persecuzione sistematica - a volte includendo percosse e torture - sia continuata per più di cinque anni".

(*) In confronto, secondo Articolo 111 Parte 1 del codice penale, la lesione fisica grave comporta una pena massima di 8 anni; Articolo 126 Parte 1 del codice penale, il rapimento comporta fino a 5 anni di reclusione; Articolo 131 Parte 1 del codice penale, lo stupro è punibile con la reclusione da 3 a 6 anni.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti