8.4 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Crisi alimentare globale che mette a rischio milioni di giovani vite

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

12 gennaio 2023 Salute e benessere
Giovedì cinque agenzie delle Nazioni Unite hanno chiesto un'azione urgente per proteggere milioni di bambini malnutriti nei 15 paesi più colpiti dalla crisi alimentare e nutrizionale senza precedenti. 
Più di 30 milioni di bambini sotto i cinque anni soffrono di deperimento, o malnutrizione acuta, causata da conflitti, shock climatici, impatti continui della COVID-19 pandemia e l'aumento del costo della vita. 
URL del tweet

I bambini con questa condizione hanno un sistema immunitario indebolito e sono a maggior rischio di morte dalle comuni malattie infantili. 

Otto milioni sono gravemente deperiti – la forma più mortale di denutrizione – il che significa che hanno 12 volte più probabilità di morire rispetto ai bambini che hanno abbastanza da mangiare. 

La crisi potrebbe peggiorare 

L' appello è stato rilasciato dall'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO); l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR; il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF), il Programma alimentare mondiale (WFP) e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 

Hanno esortato la comunità internazionale ad accelerare i progressi il piano d'azione globale contro il deperimento infantile per evitare che la crescente crisi diventi una tragedia. 

Qu Dongyu, il FAO Direttore generale, ha avvertito che la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente quest'anno. 

“Dobbiamo garantire la disponibilità, l'accessibilità e l'accessibilità di diete sane per i bambini piccoli, le ragazze e le donne in gravidanza e in allattamento. Abbiamo bisogno di un'azione urgente ora per salvare vite umane e per affrontare le cause alla radice della malnutrizione acuta, lavorando insieme in tutti i settori", ha affermato. 

Cinque aree prioritarie 

Il Piano d'azione globale mira a prevenire, rilevare e curare la malnutrizione acuta tra i bambini nei paesi più colpiti dalla crisi a cascata: Afghanistan, Burkina Faso, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Haiti, Kenya, Madagascar, Mali, Niger , Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Sudan e Yemen. 

Risponde alla necessità di un approccio multisettoriale e mette in evidenza le azioni prioritarie attraverso i cambiamenti delle politiche sulla nutrizione materna e infantile, mirate ai sistemi alimentari, sanitari, idrici e igienico-sanitari e di protezione sociale.  

Con le esigenze in aumento, hanno delineato le agenzie delle Nazioni Unite cinque azioni specifiche che sarà efficace nell'affrontare la malnutrizione acuta nei paesi colpiti da conflitti e disastri naturali e nelle emergenze umanitarie.  

Analisi, prevenzione, assistenza 

Includono il potenziamento dell'analisi dei determinanti del deperimento infantile; garantire interventi nutrizionali materni e infantili essenziali per la prevenzione precoce, come screening regolari, e introdurre prodotti alimentari nutrienti specializzati come parte dell'assistenza alimentare di emergenza. 

“All'UNHCR lo siamo lavorando sodo per migliorare l'analisi e il targeting per garantire che raggiungiamo i bambini più a rischio, compresi gli sfollati interni e le popolazioni di rifugiati”, ha affermato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. 

Il potenziamento di queste azioni come pacchetto coordinato sarà fondamentale sia per la prevenzione e il trattamento, sia per salvare vite umane, hanno sottolineato i partner. 

“Anche la crisi alimentare globale lo è una crisi sanitaria, e un circolo vizioso: la malnutrizione porta alla malattia e la malattia porta alla malnutrizione”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, il WHO Direttore generale. 

"Ora è necessario un sostegno urgente nei paesi più colpiti per proteggere la vita e la salute dei bambini, anche garantendo un accesso critico a cibi sani e servizi nutrizionali, in particolare per donne e bambini".

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti