7.8 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

La Grecia sotto i riflettori per il processo agli attivisti, ai volontari che hanno soccorso i migranti

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

13 gennaio 2023 Migranti e rifugiati
Le autorità greche hanno affrontato un appello venerdì dall'ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, OHCHRarchiviare il processo a due dozzine di operatori umanitari che ha soccorso i migranti in difficoltà in mare.
L'udienza che ha coinvolto 24 volontari e attivisti è iniziata martedì sull'isola greca di Lesvos OHCHR per avvertire dell'"effetto raggelante" che ha avuto su altri difensori dei diritti, che ora hanno interrotto il loro lavoro in Grecia e in altri paesi dell'Unione Europea.
URL del tweet

Quelli sotto processo erano tutti associati all'Emergency Response Center International, o ERCI; tra il 2016 e il 2018, il gruppo ha aiutato più di 1,000 persone a mettersi in salvo e ha fornito ai sopravvissuti assistenza medica e di altro tipo a Lesbo, ha affermato l'OHCHR.

Voce della ragione

“Penso che sia assolutamente chiaro che ci sono persone in pericolo in mare, persone che si trovano su barche che potrebbero essersi capovolte o potrebbero essere affondate; sono in acqua e non c'è nessuno a salvarli", ha detto la portavoce dell'Ufficio per i diritti delle Nazioni Unite, Liz Throssell.

“Ecco perché stiamo dicendo che questa prova, e prove simili, sono assolutamente preoccupanti perché criminalizzano le azioni che salvano la vita delle persone. "

Parlando con i giornalisti a Ginevra, Throssell ha osservato che tra le persone sotto processo c'erano un rifugiato siriano e cittadini stranieri, come il cittadino irlandese-tedesco Sean Binder.

Il funzionario dell'OHCHR ha spiegato che gli imputati devono affrontare accuse che includono diversi presunti reati legati all'agevolazione del traffico di migranti, e venerdì ha accolto con favore la notizia che l'accusa aveva raccomandato l'annullamento di alcune delle accuse.

Tagliato alla deriva

Oggi non ci sono squadre di soccorso della società civile che operano nelle acque greche, ha ribadito la signora Throssell, nonostante il fatto che 492 migranti siano morti o scomparsi nel Mediterraneo orientale dal 2021, secondo l'Organizzazione internazionale delle migrazioni delle Nazioni Unite (IOM).

Processi simili di altri attivisti per i diritti si sono già svolti in una serie di altri EU paesi tra cui Ungheria, Italia e Malta, ha proseguito il funzionario dell'OHCHR.

"Il fatto di salvare vite, fornire aiuti umanitari è cruciale e non dovrebbe mai essere criminalizzato da nessuno Stato, ed è per questo che in questo caso particolare stiamo dicendo che le accuse contro questi imputati dovrebbero essere ritirate ", ha affermato.

dell'OIM Progetto Migranti scomparsi aggiorna le vittime dei migranti nella regione e dal 1,700 ha registrato quasi 2014 morti e sparizioni lungo la rotta marittima del Mediterraneo orientale, tra cui quasi 500 bambini.

Si sa che molte delle vittime provenivano dalla Siria, dall'Iraq e dall'Afghanistan.

© UNICEF/Ashley Gilbertson VII Foto

Un grande gommone carico di profughi viene tirato a riva sull'isola di Lesbo, nella regione dell'Egeo settentrionale. (file)

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti