9.1 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Ucraina: gli attacchi civili "devono cessare immediatamente", afferma l'ONU, mentre la ricerca dei sopravvissuti di Dnipro continua

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

16 gennaio 2023 Pace e sicurezza
Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha condannato fermamente l'attacco della Russia contro un grande edificio residenziale nella città ucraina di Dnipro nel fine settimana che ha provocato la morte di almeno 40 civili, tra cui tre bambini, e almeno 75 feriti, con cifre che potrebbero aumentare, secondo la missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite nel paese.
La portavoce associata Stephanie Tremblay ha detto al briefing regolare di lunedì per i corrispondenti a New York che António Guterres aveva condannato l'attacco missilistico di sabato sera aggiungendo che si trattava di "un altro esempio di sospetta violazione delle leggi di guerra".
URL del tweet

Violazione del diritto internazionale

In una dichiarazione rilasciata nel corso della giornata, il portavoce ha ribadito che “gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili violano il diritto internazionale umanitario. Devono finire immediatamente”.

L'ufficio ucraino dell'ala di coordinamento degli aiuti delle Nazioni Unite OCHA, descrisse lo sciopero sull'edificio di nove piani nella città ucraina centrale come uno degli attacchi più mortali da quando la Russia ha iniziato la sua invasione su vasta scala il 24 febbraio dello scorso anno.

Con molti ancora dispersi, lunedì i soccorritori stavano ancora scavando tra le macerie alla ricerca di sopravvissuti, mentre dozzine di altri civili sono stati uccisi o feriti in tutto il paese durante il fine settimana, ha affermato l'OCHA.

Il coordinatore umanitario per Ucraina, Denise Brown, ha condannato l'immenso tributo civile dell'attacco da parte della Russia, chiedendo un'indagine efficace sui sospetti crimini di guerra e un'adeguata azione penale contro i sospetti.

1,000 ora senzatetto

"Più di 1,000 persone sono rimaste senza casa a causa dell'attacco, secondo i nostri colleghi umanitari sul campo", ha affermato la signora Tremblay.  

Le agenzie delle Nazioni Unite e le ONG hanno agito rapidamente per sostenere le famiglie, ha aggiunto, con il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF), l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e altri che forniscono sostegno psicosociale ai sopravvissuti, oltre a vestiti invernali, coperte, kit per l'igiene e altri articoli domestici essenziali.

"Stiamo anche aiutando le famiglie a trasferirsi in alloggi temporanei in città", ha affermato.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità, WHO, fornisce anche medicinali e altre forniture.

Colpiti i locali della Croce Rossa

Nella città meridionale di Kherson, i locali che ospitano la Croce Rossa ucraina sono stati colpiti domenica durante i bombardamenti in città, ha detto la signora Tremblay. "Sebbene nessuno sia rimasto ferito, l'organizzazione ha perso forniture critiche".

Il vice capo dei soccorsi delle Nazioni Unite, Joyce Msuya, ha dichiarato lunedì in un tweet di essere "scioccata e terrorizzata" dagli attacchi ai civili a Dnipro e dal bombardamento della struttura della Croce Rossa a Kherson.

La signora Brown ha dichiarato in un messaggio twittato dal suo ufficio che “un luogo in cui le persone colpite dalla guerra possono trovare sollievo, non dovrebbe mai essere un obiettivo. I miei pensieri vanno ai colleghi della Croce Rossa”.

La signora Tremblay ha affermato che gli operatori umanitari delle Nazioni Unite volevano che tutti i combattenti di tutto il mondo capissero che “gli operatori e le strutture umanitarie sono protetti e che devono essere compiuti sforzi costanti per risparmiarli.

"In città è stato colpito un ospedale, anch'esso protetto dal diritto internazionale umanitario".

Nel frattempo, a Kryviy Rih, nella regione di Dnipro, le autorità locali hanno riferito che domenica più di 50 case, tre scuole e due asili sono stati danneggiati.

Situazione 'critica' in Oriente

“Più a est, la situazione rimane critica, con decine di civili uccisi e feriti su entrambi i lati della linea del fronte nelle regioni di Donetsk e Luhansk”, ha affermato la signora Tremblay.

Nelle parti di Donetsk attualmente sotto il controllo russo, dozzine di case sono state danneggiate e almeno due centri sanitari e diverse ambulanze sono state colpite durante i bombardamenti segnalati durante il fine settimana, secondo le autorità installate dalla Russia.

In un tweet di lunedì, il UNICEF L'ufficio in Ucraina ha dichiarato che 5,000 kit di abbigliamento invernale sono stati distribuiti nella regione di Donetsk, a "città di recente accesso".

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti