-0.4% C
Bruxelles
Sabato, gennaio 21, 2023

'Non abbiamo paura': le donne indigene brasiliane resistono alla violenza di genere

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

21 gennaio 2023 Donna
Le donne delle comunità indigene del Brasile sono particolarmente vulnerabili alla violenza di genere, ma le iniziative sostenute dalle Nazioni Unite e un cambiamento nella legge le stanno incoraggiando a cercare protezione.
Nel Parque das Tribos, un quartiere indigeno di Manaus, la capitale dello stato brasiliano dell'Amazzonia, la violenza contro le donne non è rara.

"Come leader, ho sperimentato molte cose", dice Lutana Ribeiro, membro del gruppo etnico Kokama e unica donna capo nel Parque das Tribos, che ospita circa 4,500 persone. “Le donne bussano alla mia porta chiedendo aiuto”.

Scarsamente popolato e relativamente isolato in termini di accesso aereo, stradale e marittimo, lo stato di Amazonas deve affrontare sfide particolari nell'accesso ai servizi pubblici, incluso il sostegno alla salute sessuale e riproduttiva e la risposta alla violenza di genere.

UNFPA Brasile/Isabela Martel

Donne indigene brasiliane discutono della violenza di genere in un seminario dell'UNFPA.

Forte aumento dei femminicidi

Nel 2021, almeno una persona ha chiamato ogni minuto il numero di emergenza della polizia nazionale in Brasile per denunciare violenze domestiche. Dal 2016 al 2021, il tasso di femminicidio - definito come l'uccisione intenzionale di una donna, motivata almeno in parte dal suo genere - è aumentato di oltre il 44%, con una donna morta a causa di femminicidio ogni sette ore.

Nello stato di Amazonas, di tutte le donne uccise intenzionalmente da un'altra persona, più di una su cinque erano casi di femminicidio.

La signora Ribeiro, che è ben nota nella sua comunità come strenua sostenitrice di diritti umani, ha recentemente facilitato una serie di workshop per le vittime di violenza di genere, a cui hanno partecipato 50 donne della zona. “Il primo giorno, pochi hanno parlato. Oggi la maggior parte di loro ha parlato”.

I workshop, gestiti dall'agenzia delle Nazioni Unite per la salute riproduttiva e sessuale, UNFPA, ha esplorato diversi tipi di violenza e spiegato come accedere alle reti locali di sostegno sociale e ai meccanismi di protezione legale disponibili.

Questi includono la legge Maria da Penha, che ha modificato il codice penale del Brasile nel 2006 per consentire non solo l'arresto degli aggressori per un atto di violenza contro una donna o una ragazza, ma anche la loro detenzione, se il rischio che commettano tale un atto era considerato una minaccia per la vita di una persona.

image770x420cropped 4 - 'Non abbiamo paura': le donne indigene brasiliane resistono alla violenza di genere

UNFPA Brasile/Isabela Martel

Disegni di bambini di donne indigene brasiliane che partecipano ai laboratori dell'UNFPA.

Uno spazio sicuro per le donne

La signora Ribeiro ha descritto come, dal secondo giorno del seminario, le donne fossero desiderose di condividere le loro esperienze tra loro e con il team dell'UNFPA. “Dopo la prima conferenza, molte donne si sono sentite più forti. Il giorno dopo, la gente ha detto 'basta' alla violenza. Questi uomini non faranno più quello che vogliono con loro, perché ora le donne hanno più potere. "

I workshop hanno lo scopo di formare le donne delle comunità indigene per aiutare a diffondere informazioni salvavita tra i loro amici, familiari e coetanei.

Anche i bambini si sono uniti alle attività ricreative in modo che le loro madri potessero partecipare. "L'iniziativa è stata molto importante per noi per diventare sempre più forti e avere questo supporto attraverso il dialogo e l'esperienza", afferma la signora Ribeiro.

“I workshop hanno creato uno spazio sicuro in cui le donne possono riflettere insieme sulle diverse forme di violenza che colpiscono la loro vita quotidiana e sulle strategie di coping”, afferma Débora Rodrigues, capo dell'ufficio UNFPA a Manaus, “che includono l'ampliamento dell'offerta e l'accesso a servizi che garantiscano protezione e diritti per tutta la comunità del Parque das Tribos”.

Con il sostegno finanziario dell'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, l'UNFPA sta implementando progetti negli stati settentrionali del Brasile di Amazonas e Roraima per rafforzare le capacità locali nella prevenzione e nella lotta alla violenza di genere.

Nel 2022, più di 36,000 donne e ragazze hanno beneficiato dell'iniziativa, con un maggiore accesso a servizi come rifugi e spazi sicuri per i sopravvissuti, oltre a laboratori che hanno coinvolto anche uomini e ragazzi.

La signora Ribeiro afferma che i partecipanti al seminario del Parque das Tribos si sono sentiti rafforzati collettivamente, affermando: "Noi, in quanto indigeni, non abbiamo paura".

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti