9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Piccoli Stati insulari per accelerare l'azione su malattie prevenibili, salute mentale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

18 gennaio 2023 Salute

I piccoli Stati insulari in via di sviluppo (SIDS) sono tra i paesi che hanno la più alta prevalenza di malattie non trasmissibili (NCDS) e rischi per la salute mentale nel mondo. Ora, l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, l'OMS, si impegna a lavorare più a stretto contatto con loro, per aiutare a salvare e migliorare vite umane.

Ciò fa seguito a un incontro di due giorni alle Barbados ospitato dal governo, dall'OMS e dall'Organizzazione panamericana della sanità (PAHO), che si è concluso mercoledì. 

Oltre la metà di tutte le persone che vivono nei piccoli paesi insulari lo sono morire prematuramente per malattie prevenibili e il tasso di ipertensione è superiore al 30% in quasi tutti i paesi, secondo un nuovo portale di dati dell'OMS. 

Crisi che alimentano la malattia 

SIDS rappresentano 10 delle nazioni con i più alti tassi di obesità in tutto il mondo.  

Sono anche sulla buona strada per avere la più alta prevalenza di diabete tra gli adulti del mondo, mentre i tassi di malattie mentali raggiungono il 15% nei Caraibi e nel Pacifico. 

La situazione è in parte dovuta a molteplici crisi sovrapposte che colpiscono i paesi, ha spiegato l'OMS. 

“La crisi climatica e il COVID-19 La pandemia, combinata con la povertà, la disoccupazione, la disuguaglianza e l'emarginazione delle comunità minoritarie, stanno alimentando un aumento delle malattie non trasmissibili e delle condizioni di salute mentale", disse Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'agenzia. 

Collaborare per il cambiamento  

Durante l'incontro, i partecipanti hanno identificato le raccomandazioni chiave per intensificare l'azione verso il raggiungimento di una riduzione di un terzo della mortalità prematura per malattie non trasmissibili e suicidio, prima del 2030. 

Le raccomandazioni includono l'accelerazione della collaborazione sulla diagnosi precoce, la prevenzione e la gestione; rafforzare i sistemi sanitari di fronte alla crisi climatica e alla pandemia di COVID-19; affrontare l'obesità e fornire risorse finanziarie e umane adeguate e sostenibili per le malattie non trasmissibili e la salute mentale.  

Ridurre il rischio 

L'incontro ha anche sentito che i piccoli stati insulari sono in prima linea nell'implementazione soluzioni a basso costo e ad alto impatto per ridurre i fattori di rischio più comuni di malattie non trasmissibili e salute mentale. 

Gli interventi includono l'uso della tassazione sanitaria, l'integrazione della salute negli sforzi di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici e il mantenimento delle malattie non trasmissibili e dei servizi di salute mentale durante le emergenze sanitarie. 

Sono stati discussi anche i driver commerciali delle malattie non trasmissibili, come gli accordi e le politiche commerciali. 

L'OMS ha affermato che queste misure influenzano il prezzo, la disponibilità e la promozione di prodotti alimentari, sigarette e alcol, che hanno contribuito ai livelli allarmanti di insicurezza alimentare e di malattie prevenibili nella SIDS.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti