1.3 C
Bruxelles
Martedì, Gennaio 24, 2023

Un punto di svolta per il trattamento delle ferite diabetiche: il nuovo materiale accelera la guarigione

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

SciTech quotidiano
SciTech quotidianohttps://www.scitechdaily.com
SciTechDaily offre la migliore copertura e analisi scientifica e tecnologica intelligente e informata che puoi trovare su base giornaliera, procurandoti una vasta gamma di grandi scrittori e eccellenti istituti di ricerca

Le ferite diabetiche, note anche come ulcere del piede diabetico, sono una complicanza comune del diabete. Sono in genere causati da una combinazione di fattori come cattiva circolazione, danni ai nervi e livelli prolungati di zucchero nel sangue. Queste ferite possono verificarsi sui piedi, sulle gambe e sulle dita dei piedi e possono essere difficili da guarire a causa della ridotta capacità del corpo di combattere le infezioni e riparare i tessuti danneggiati.

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo materiale che può accelerare la guarigione delle ferite diabetiche con una singola applicazione.

I ricercatori del Università di Nottingham. Il polimero fornisce istruzioni sia alle cellule immunitarie che a quelle non immuni, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Materiale avanzato.

La guarigione delle ferite è un processo biologico complesso che coinvolge vari tipi di cellule che lavorano insieme, con un tipo di cellula chiamato fibroblasti che svolge un ruolo fondamentale nella formazione di nuovo tessuto necessario per la guarigione. Il diabete può interrompere questi processi nelle cellule rendendo la guarigione delle ferite lenta e difficile da trattare. Ciò può portare a infezioni e, in casi estremi, alla necessità di amputazione.

Gli esperti della School of Life Sciences and Pharmacy hanno esaminato 315 diverse superfici polimeriche, esaminando la diversa composizione chimica di ciascuna fino a identificare un tipo di polimero che guida attivamente i fibroblasti e le cellule immunitarie per promuovere la guarigione. Un team della School of Engineering ha realizzato piccole particelle che sono decorate con questo polimero sulla loro superficie. Queste particelle potrebbero essere applicate direttamente all'area della ferita.

Un polimero è un composto chimico costituito da molecole legate insieme in lunghe catene ripetute. Questa struttura conferisce ai polimeri proprietà uniche che possono essere personalizzate per diversi usi. Usando microparticelle di polimero il team ha mostrato come questo nuovo materiale, quando somministrato a una ferita su un modello animale, produce un'attività dei fibroblasti tre volte superiore in un periodo fino a 96 ore e ha raggiunto oltre l'80% della chiusura della ferita.

Questo nuovo polimero potrebbe essere applicato come rivestimento a medicazioni per ferite standard per fornire un trattamento rapido ed efficace.

Il professor Amir Ghaemmaghami della School of Life Sciences del

Università di Nottingham
L'Università di Nottingham è un'università pubblica di ricerca situata a Nottingham, in Inghilterra. È stata fondata nel 1881 ed è una delle università più antiche e prestigiose del paese. L'Università di Nottingham ha una vasta gamma di programmi e discipline accademiche, comprese le discipline umanistiche, le scienze sociali, le scienze naturali, l'ingegneria e la medicina. È noto per la sua forte ricerca e ha una serie di centri e istituti di ricerca focalizzati su vari campi, tra cui scienze ambientali, energia e salute. È membro del Russell Group, un gruppo di importanti università ad alta intensità di ricerca nel Regno Unito.

” data-gt-translate-attributes=”[{“attribute”:”data-cmtooltip”, “format”:”html”}]”>L'Università di Nottingham è uno degli autori principali dello studio e afferma: “Questo la ricerca è un passo significativo verso la possibilità di creare un nuovo trattamento efficace ea basso costo per le ferite diabetiche. I risultati che abbiamo visto sono stati raggiunti in una sola applicazione, che potrebbe essere trasformativa per i pazienti il ​​cui trattamento attuale spesso comporta trattamenti ripetuti forniti da professionisti sanitari qualificati”.

Il professor Morgan Alexander della School of Pharmacy dell'Università di Nottingham ha aggiunto: “Abbiamo mostrato il potenziale medico di nuovi polimeri in lavori precedenti; i nostri materiali resistenti al biofilm batterico sono utilizzati sui cateteri urinari nel NHS, mostrando come questo può prevenire l'infezione modificando il comportamento delle cellule batteriche sulla superficie del polimero. Questi polimeri hanno anche il potenziale per essere facilmente applicati alle medicazioni e stiamo già lavorando con i partner del settore per sviluppare modi per aiutare la guarigione delle ferite in questo modo”.

Riferimento: "Le microparticelle decorate con sostanze chimiche di superficie istruttive per le cellule promuovono attivamente la guarigione delle ferite" di Arsalan Latif, Leanne E. Fisher, Adam A. Dundas, Valentina Cuzzucoli Crucitti, Zeynep Imir, Karen Lawler, Francesco Pappalardo, Benjamin W Muir, Ricky Wildman, Derek J. Irvine, Morgan R. Alexander e Amir M. Ghaemmaghami, 28 novembre 2022, Materiale avanzato.
DOI: 10.1002/adma.202208364

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti