5.4 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

Un anno da record: 690 tonnellate di precursori chimici sequestrate in Cile

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.
©UNODC

Arica (Cile), 20 gennaio 2023 – Il 2022 è stato un anno da record per il Programma di controllo dei container (PCC) dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC).

Il novembre 2022 si è concluso con il più grande sequestro di precursori chimici da parte di un'unità della CCP dall'inizio del programma nel 2005. Come risultato del lavoro coordinato tra Bolivia e Cile, 690 tonnellate di sostanze chimiche destinate cocaina la produzione è stata sequestrata.

La portata del sequestro è vasta. Ha costituito circa l'80% del totale dei sequestri di precursori chimici del PCC per l'intero anno (oltre 830 tonnellate) e segue rapidamente il record sequestri di cocaina di oltre 260 tonnellate alla fine del 2022.

"L'entità di questo sequestro dimostra la necessità di continuare a sorvegliare la catena di approvvigionamento commerciale e mostra l'eccezionale cooperazione tra i nostri Stati membri attraverso un programma di gestione delle frontiere dell'UNODC", ha affermato Alan Cole, capo della gestione delle frontiere dell'UNODC.

I prodotti sono stati inizialmente importati nel 2020 nel terminal portuale cileno di Arica, destinati alla Bolivia. Erano conservati in 41 contenitori abbandonati e includevano tre precursori: acetato di etile, un solvente per sciogliere la base di cocaina; idrossido di sodio, che neutralizza le sostanze chimiche essenziali all'interno del processo per ottenere la base di cocaina; e metabisolfito di sodio, che rimuove le sostanze chimiche in eccesso per la cocaina più bianca. Contenevano anche cloruro di calcio, che sebbene non considerato un precursore viene utilizzato per estrarre il contenuto di acqua in eccesso dal cloridrato di cocaina per aumentarne le potenzialità.

Il traffico di questi precursori può intersecarsi con il commercio legale. Le sostanze con usi legittimi possono essere utilizzate anche per produrre stupefacenti o esplosivi. La formazione specializzata del PCC aiuta i funzionari delle dogane e delle forze dell'ordine a destreggiarsi in quest'area particolarmente complessa.

Questo caso porta sotto i riflettori anche i container abbandonati. Il carico può essere abbandonato per diversi motivi, ad esempio perché un container esaminato dalla dogana contiene merci illegali che il destinatario si rifiuta di sdoganare.

Il costo di questi container abbandonati va ben oltre le spese di stoccaggio non pagate. I container fermati nei porti fuori circolazione contribuiscono a a carenza globale di container, portando a una drastica inflazione dei prezzi delle spedizioni e dei container e aumentando i tempi di ritardo per le aziende, con ripercussioni in ultima analisi sulla catena di approvvigionamento globale.

I contenitori abbandonati possono anche rappresentare un pericolo di vasta portata per la salute umana e l'ambiente. Nel 2016, ad esempio, gli agenti di controllo portuale hanno trovato anidride acetica altamente corrosiva, un precursore dell'eroina, in un carico abbandonato. Gli ufficiali sono a rischio di esposizione a tali sostanze chimiche, soprattutto se l'imballaggio è danneggiato nel tempo.

Inoltre, il 2020 Esplosione del porto di Beirut dimostra il pericolo su larga scala del carico chimico abbandonato, in questo caso nitrato di ammonio. Gli ufficiali di controllo portuale del PCC hanno precedentemente rilevato nitrato di ammonio in container senza licenze di importazione. Pertanto, è evidente la possibilità che questa situazione devastante possa ripetersi in altre aree. È fondamentale per le agenzie di controllo portuale tenere traccia del movimento dei container, soprattutto di quelli abbandonati.

Questo sequestro del 2022 è un esempio tangibile del successo dell'assistenza tecnica sul campo del PCC e di come la cooperazione tra agenzie aiuti a scoraggiare il traffico illecito di sostanze che possono avere effetti dannosi su popolazioni, economie e ambiente.

Ulteriori informazioni

Puoi leggere qui il comunicato stampa della dogana cilena (in spagnolo).

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti