0.4 C
Bruxelles
Domenica, gennaio 22, 2023

La Cina interferirà con la successione del Dalai Lama: il presidente in esilio del Tibet

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Kolkata: Ci si aspetta che la Cina interferisca nella successione del Dalai Lama e, anticipando tale eventualità, il governo tibetano in esilio ha elaborato un piano per una transizione democratica del ruolo di guida da parte degli spirituali.

In un'intervista a PTI, il presidente del governo tibetano in esilio Penpa Tsering ha sottolineato che un replay della nomina nel 1995 di un Panchen Lama rivale da parte del governo comunista cinese mentre un ragazzo scelto dal Dalai Lama come incarnazione del Lama è stato portato via dall'opinione pubblica, ci si può aspettare.

"Quello che accadrà dopo che l'attuale Dalai Lama non c'è più, è una grande sfida per i tibetani, specialmente se il conflitto sino-tibetano non sarà risolto", ha detto martedì.

"Crediamo che la Cina interferirà sicuramente con il processo di successione del Dalai Lama... Si sono preparati per questo negli ultimi 15 anni", ha aggiunto.

Tsering, che detiene anche il titolo di Sikyong, ha affermato che il governo cinese ha emesso un “diktat” nel 2007 sulla necessità di essere coinvolto nella successione di tutti i Lama reincarnati.

“Questo è stato fatto, con l'obiettivo di utilizzare religione come strumento politico… (Anche se) la Cina non dovrebbe avere alcun ruolo né nessun altro governo”, ha detto.

“Loro (i cinesi) sono intervenuti nel 1995 quando hanno scelto un ragazzo (Gyancain Norbu) come Panchen Lama. Il ragazzo riconosciuto da Sua Santità (il Dalai Lama) come Panchen Lama (Gedhun Choeyi Nyima) è stato portato via e non abbiamo ancora notizie se sia vivo", ha detto.

Nyima non è stato visto da alcun osservatore indipendente dal 17 maggio 1995. Mentre il governo cinese afferma che conduce una vita “normale”, esuli tibetani e diritti umani i gruppi ritengono che sia detenuto in un "gulag cinese come prigioniero di coscienza".

I buddisti tibetani credono che l'anima di un alto Lama o "Buddha vivente" dopo la sua morte possa rinascere come "ragazzo dell'anima" e possa essere trovata attraverso l'interpretazione di segni arcani.

"La Cina comunista professa di non credere nella religione, eppure vuole interferire in quella che è una funzione puramente religiosa", ha lamentato Tsering, aggiungendo che il Dalai Lama ha detto per scherzo che se "il governo cinese è così interessato alla reincarnazione , dovrebbe studiare il buddismo tibetano”.

Per preparare il mondo ei tibetani per il giorno in cui il 14° Dalai Lama morirà, è stato preparato un piano in sei punti. La pietra angolare del piano, ha detto Tsering, è una transizione democratica.

Mentre la leadership religiosa rimane al Dalai Lama, dal 2011 la leadership politica della comunità tibetana è passata al Sikyong o presidente del governo tibetano in esilio eletto direttamente. Fino ad allora, il capo temporale del governo tibetano in esilio eletto dal "Kashag" o parlamento in esilio era "Kalon Tripa" o primo ministro con il Dalai Lama come capo generale. Clicchi qui leggere di più

Leggi di più

Il Dalai Lama lancia il programma delle 20:23 “The Art of Hope”

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti