3.8 C
Bruxelles
Venerdì, Gennaio 27, 2023

Doppio crash test per l'economia della conoscenza

Endre Birich, CEO Fondazione Kettari. La Fondazione Kettari è una nuova generazione di investimenti di rischio con un focus sui creatori e le industrie creative. Recentemente, Kettari ha riscosso un enorme successo nel sostenere i giovani creatori, in particolare quei "nomadi digitali" che sono stati sfollati a causa della guerra in Ucraina.

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Autore ospite
Autore ospite
www.europeantimes.news

Economia della conoscenza - Il passaggio da un modello di sviluppo economico industriale, basato sulle risorse, a un modello creativo, guidato da conoscenze, competenze, creatività umana e istituzioni capaci di trasformarle in valori economici, si è rivelato un compito difficile per molti paesi. Il nuovo millennio è diventato un vero banco di prova per i concetti di tale trasformazione. Il capitale umano, una risorsa chiave in quei paesi che hanno effettuato con successo la transizione, è sopravvissuto alla pandemia di COVID-19. Sopravviverà a un nuovo crash test quando l'economia globale sprofonderà nella crisi e i sistemi di valore creativi e orientati alla rendita si scontreranno sullo sfondo della guerra in UcrainaEndre Birich descrive possibili scenari.

Le economie nazionali hanno iniziato a passare all'innovazione a partire dagli anni '1950, ma solo all'inizio degli anni 2000 la transizione è avvenuta de facto in molti paesi. Uno degli indicatori che definiscono questa trasformazione è il volume dei beni immateriali, che consiste prevalentemente di diritti intellettuali. Dopotutto, è grazie ai diritti intellettuali che i risultati del lavoro creativo possono essere utilizzati per l'attività imprenditoriale.

La transizione verso un nuovo tipo di risorsa economica – le conoscenze, le competenze e il talento creativo delle persone – sta avvenendo ovunque. Nelle industrie consolidate e tradizionali, anche la struttura del plusvalore sta cambiando: le industrie stanno diventando più creative. Pertanto, secondo il rapporto WIPO “Intangible Capital in Global Value Chains”, il contributo al valore aggiunto di un prodotto è dovuto principalmente alla proprietà intellettuale. Cioè, ad esempio, il costo di una tazza di caffè è meno contribuito dal lavoro degli agricoltori delle piantagioni e più contribuito da know-how, brevetti, marchi, design, soluzioni di marketing, tutte cose relative ai beni immateriali. Il reddito associato al capitale immateriale in 19 industrie manifatturiere è aumentato del 75% tra il 2000 e il 2014 Il profitto delle economie più sviluppate dall'uso di beni immateriali ha superato il profitto dallo sfruttamento dei beni tradizionali - conoscenza, strutture, attrezzature di produzione e materiali.

I paesi che sono riusciti a utilizzare il capitale umano nelle loro economie sono diventati leader, garantendo standard di vita elevati e un'influenza a lungo termine nel mercato mondiale. Il percorso verso questo nuovo modello è stato diverso: per Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti ci sono voluti 30-50 anni, mentre per la Corea del Sud ci sono voluti solo 10-15 anni.

Il nostro studio di approcci alla trasformazione del economia in più di 10 paesi di successo, condotto nel 2019-2020, ci ha permesso di identificare un sistema comune di strumenti e determinare quando e quali di essi e in quale combinazione hanno portato a un cambiamento positivo. I risultati dello studio hanno contribuito a sviluppare una metodologia, in una certa misura un algoritmo, di trasformazione dei sistemi economici e di transizione da un'economia industriale-grezza a un'economia creativa basata sullo sviluppo e sul coinvolgimento del capitale umano nelle attività produttive. L'approccio è stato chiamato – The Methodology of Pole Kinetics”.

Lo studio ha mostrato diversi modelli importanti comuni a tutti i paesi. In primo luogo, il successo della transizione verso un'economia creativa (economia della conoscenza, economia digitale, società postindustriale, ecc.) dipende dalla precisione con cui ogni stato è riuscito a selezionare strumenti di politica pubblica e ad avviare istituzioni funzionanti. La selezione si basa su una valutazione della coerenza degli strumenti di politica pubblica con i valori fondamentali della società.

Indipendentemente dalla forma – sgravi fiscali, sovvenzioni, capitale di rischio, programmi politici o economici, infrastrutture – devono essere accettati dalla società. Altrimenti, porteranno alla verbosità e non porteranno alcun progresso reale. Gli economisti e gli esperti di marketing devono considerare prioritario soddisfare le aspettative, il codice culturale ei valori delle persone.

I valori umani in una particolare società determinano i limiti e i limiti consentiti della comunicazione tra chi detiene il potere e la gente comune. Alcune società sacralizzano il potere, altre percepiscono lo stato come un servizio. Alcuni fanno piani a lungo termine, altri vivono nel qui e ora, alcuni sono pluralistici, altri monolitici. Se il potere non agisce in accordo con i valori di base, l'economia creativa non decollerà, le istituzioni funzioneranno senza effetti reali e i talenti e le capacità dei cittadini rimarranno non reclamati.

Le esportazioni di beni e servizi creativi sono viste come un indicatore importante della maturità dell'economia della conoscenza. Secondo il Creative Economy Outlook 2022 dell'UNCTAD, le esportazioni globali di beni creativi sono aumentate da $ 419 miliardi a $ 524 miliardi dal 2010 al 2020 e le esportazioni di servizi creativi sono aumentate da $ 487 miliardi a $ 1.1 trilioni. La differenza in numeri assoluti e il tasso di variazione è in gran parte dovuto alla crescita del mercato del software e della digitalizzazione, dove i beni si trasformano in servizi, come lo streaming audio e video.

I maggiori esportatori di servizi creativi nel 2020 sono Stati Uniti ($ 206 miliardi), Irlanda ($ 174 miliardi), Germania ($ 75 miliardi) e Cina ($ 59 miliardi).

Alcuni paesi hanno tentato, ma non sono riusciti, di formare un modello obiettivo di sviluppo economico. Un esempio lampante di tale situazione è la Russia. Una serie di strumenti di politica pubblica, inclusa la "Strategia 2020" del governo, dimostra apparentemente tutto ciò che è stato accumulato dalla comunità globale, ma non è in alcun modo correlato ai valori della stessa società russa.

La PI è lo strumento più importante per costruire un'economia creativa e coinvolgere il capitale umano nei settori produttivi dell'economia. L'innovazione e la creatività fioriscono solo dove i diritti sul prodotto creativo sono protetti in modo sicuro dalla legge e dalle consuete pratiche commerciali. È la proprietà intellettuale che consente a idee, immagini e narrazioni di guidare la crescita economica. Il Global Innovation Index annuale dell'OMPI dimostra chiaramente che i paesi leader sono in prima linea nella brevettazione, si concentrano sul diritto d'autore e utilizzano strumenti digitali avanzati per la gestione della proprietà intellettuale.

L'ascesa dell'istituzione della proprietà intellettuale ha anche portato a un cambiamento globale – nella misurazione del successo economico attraverso la dinamica del PIL, basata sul sistema dei conti nazionali. Settori che prima venivano contabilizzati come “costi di transazione” necessari, cioè sottrazione di valore per il bene comune, come nuova conoscenza o ricerca, sono stati relegati alla categoria di “produzione” di valore. Oggi le economie emergenti e in transizione, senza ridisegnare la loro struttura, non hanno quasi nessuna possibilità di mettersi al passo con i leader e inserirsi equamente nelle catene del valore.

La pandemia di COVID-19 è stata una prova seria per l'economia creativa. Il lockdown imposto nella maggior parte dei Paesi ha paralizzato interi settori, riducendo drasticamente le comunicazioni. I confini chiusi hanno sfidato il carattere globale della comunità internazionale odierna. Teatri, sale da concerto, biennali d'arte contemporanea, cluster creativi e molti altri focolai culturali dell'economia della conoscenza sono stati messi sotto pressione. Ma misure di sostegno senza precedenti da parte dei governi che cercano di preservare gli ambienti culturali, l'auto-organizzazione delle comunità creative e il riorientamento verso i canali di comunicazione digitali hanno consentito al capitale umano di sopravvivere e reso sostenibili i mercati dei prodotti "creativi" basati su IP. Inoltre, la pandemia ha svolto il ruolo di supervisore del traffico stradale, innescando una crescita esplosiva della digitalizzazione. Le tecnologie relative al lavoro a distanza, i servizi cloud, lo streaming di video e musica, l'istruzione online, la consegna e così via hanno acquisito una velocità senza precedenti. Secondo Gartner, il mercato IT globale crescerà del 9.5% nel 2021.

Può sembrare che l'umanità si sia ripresa. Ma... il mondo ha immediatamente dovuto affrontare una nuova profonda crisi causata dall'uomo legata alle conseguenze economiche dell'aggressione russa in Ucraina, che dobbiamo ancora valutare e comprendere. Il ricatto del carburante e del cibo, lo scontro tra sistemi di valori “materiali” e “creativi” nella guerra in Europa per la seconda volta in questo decennio hanno sollevato dubbi sulla capacità dell'Occidente di mantenere il capitale umano, gli obiettivi e gli ideali della società post-industriale e l'economia creativa al centro della politica economica. I leader economici sono ora concentrati non tanto sull'innovazione quanto sulla ricerca di nuovi fornitori di energia e sulla sopravvivenza dei settori dell'energia e della costruzione di macchine. Per un terzo della popolazione mondiale, il problema della sicurezza alimentare è diventato più acuto che mai.

La situazione è più drammatica per la Germania, la cui forza industriale dipendeva fortemente dalla logistica tradizionale e dalle risorse naturali russe. Il secondo produttore mondiale di acciaio, ArcelorMittal, ha chiuso due stabilimenti a Brema e Amburgo. La Slovacchia ha chiuso la sua più grande fonderia di alluminio, Slovalco. In Lituania, il produttore di fertilizzanti a base di azoto Achema ha sospeso le operazioni. I governi stanno utilizzando iniezioni di denaro per arginare gli effetti della crisi energetica, che ha colpito le industrie creative. La Germania ha già stanziato 350 miliardi di euro per compensare l'aumento delle tariffe elettriche. Tuttavia, secondo il Wall Street Journal, i prezzi elevati del gas continueranno fino al 2024. Gli esperti dubitano che l'industria europea sarà in grado di riprendersi dallo shock in tempi brevi.

Può sembrare inopportuno parlare di capitale umano in un momento in cui la base materiale della prosperità sociale ed economica dei continenti è minacciata. Gli scettici prevedono un ritorno al "buon vecchio" Europa, con grandi eserciti di coscritti, confini chiusi, valute nazionali e la priorità della produzione industriale e dell'agricoltura. Di fatto, però, stiamo assistendo a un processo che ispira la classe creativa.

Nel giro di pochi mesi il EU è riuscita a riorientare la propria economia verso nuovi fornitori di energia e ha dato un reale impulso a progetti di energia alternativa. La crisi ha dato una spinta senza precedenti ai progetti di eco-generazione e di energia verde, che sono parte integrante dell'economia della conoscenza e di una strategia basata sul capitale umano. Creatività più nuova energia sembra essere la nuova formula per la prosperità economica.

Il segmento creativo dell'economia europea continua a crescere. Nel 2022, la Svizzera si è classificata al primo posto nel Global Innovation Index annuale dell'OMPI, superando gli Stati Uniti, che hanno mantenuto questa posizione negli ultimi 12 anni. Svezia, Gran Bretagna e Paesi Bassi sono tra i paesi di maggior successo qui. Le startup stanno attirando investimenti e i governi stanno lanciando speciali programmi nazionali film, media, design, teatro, arti visive contemporanee e turismo. 

L'economia creativa europea è stata così sostenibile grazie alla giusta scelta di politiche per sostenere il capitale umano che sono coerenti con l'identità nazionale e i suoi valori sottostanti. L'esempio europeo è un'ulteriore prova che il capitale umano deve essere definito non solo come competenze, conoscenze e capacità, ma anche come una rete di istituzioni che contribuiscono a trasformarle in valori economici. Altrimenti non si trasformerà in capitale, ma rimarrà solo una comunità informale di persone di talento. Tutti i paesi di successo che hanno cambiato la struttura delle loro economie hanno migliorato le loro istituzioni, come la proprietà intellettuale e il suo sistema di protezione, la creazione di un sistema finanziario in grado di gestire i beni immateriali e un sistema fiscale adattato alle esigenze specifiche dell'economia creativa .

Ora possiamo tranquillamente concludere che entrambi i crash test globali hanno avuto un effetto sorprendentemente creativo. Il primo ha dato un forte impulso all'ascesa delle tecnologie e dei servizi digitali e degli strumenti per portare i contenuti digitali sul mercato. Ciò ha aperto una serie di nuove opportunità per una maggiore comunicazione, ed è l'intensità di queste che servirà da catalizzatore per un'ulteriore crescita. La seconda ha causato la migrazione su larga scala, il deflusso di capitale umano verso i territori per esso più sicuri e la mescolanza di comunità con diversi insiemi di valori. Economie che prima non avevano pensato alle industrie creative, a causa della scarsità di persone con il giusto livello di competenze e della modesta dimensione del mercato, hanno iniziato a creare l'infrastruttura per l'innovazione e l'attrazione di nuovi talenti. Inoltre, le loro istituzioni sono già in competizione. Il Kirghizistan sta creando un Creative Industries Park e il Kazakistan ospita l'Astana International Financial Center, il cui tribunale si basa sulla common law inglese. La Georgia si prepara a lanciare un centro creativo globale. Dubai, una volta associata principalmente alla produzione di petrolio, ha aperto la zona creativa di Al Quoz. Il governo municipale di Buenos Aires sta riqualificando alcune aree depresse della città introducendo una certa industria creativa: alcune aree diventano la dimora di designer, altre ospitano professionisti del cinema e della musica o imprenditori tecnologici. Una volta che i paesi creano istituzioni, hanno una legittima aspettativa che queste istituzioni creino una massa critica di talenti e risorse per lanciare un'economia creativa a casa.

Ma gli “alberi ripiantati”, cioè team, prodotti, IP, saranno in grado di attecchire nel nuovo ambiente? Che impatto avranno questi flussi sui valori della società? I responsabili politici saranno in grado di studiare questi cambiamenti e offrire strumenti adeguati per stimolare la transizione verso un'economia creativa? In passato le risposte a queste domande venivano cercate in modo intuitivo o empirico, ma oggi abbiamo metodi moderni, in particolare la Pole Kinetics Methodology, e possiamo modellare strategie di crescita basate su prove scientifiche. Dopotutto, sono le risposte a queste domande che determinano il successo sia delle economie emergenti che di quelle avanzate.

L'autore

Endre Birich, CEO Fondazione Kettari. Il Fondazione Ketari è una nuova generazione di investimenti di rischio con particolare attenzione ai creatori e alle industrie creative. Recentemente, Kettari ha riscosso un enorme successo nel sostenere i giovani creatori, in particolare quei "nomadi digitali" che sono stati sfollati dalla guerra in Ucraina

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti