9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Iran: le autorità giustiziano altri due manifestanti

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

di Nathan Morley

Due uomini sono stati giustiziati in Iran. Entrambi sono stati accusati di aver ucciso un militare durante le proteste in corso a favore della democrazia.

Secondo i media statali, gli uomini sono stati giudicati colpevoli di "corruzione sulla terra" per il loro presunto coinvolgimento nella morte di un ufficiale dell'esercito.

Proprio la scorsa settimana a diritti umani Il gruppo ha affermato che almeno 100 persone sono state condannate a morte o accusate di reati capitali in relazione alle proteste in Iran.

L'Iran con sede in Norvegia Diritti umani (IHR) ha identificato 100 persone le cui condanne o accuse erano state annunciate da funzionari o riportate dalle loro famiglie o dai media.

Il gruppo ha affermato che tutti gli imputati sono stati privati ​​del diritto di accedere al proprio avvocato, a un giusto processo ea processi equi.

Le ultime esecuzioni portano a quattro il numero delle persone giustiziate in Iran dal mese scorso.

Il 12 dicembre, l'Iran ha dichiarato di aver condotto una seconda esecuzione legata alle proteste. Una settimana prima, un prigioniero arrestato durante una manifestazione è diventato il primo uomo a essere messo a morte.

A quattro mesi dall'inizio di una rivolta nazionale, si pensa che le manifestazioni abbiano provocato la morte di oltre 450 persone.

Nonostante la mancanza di dati ufficiali, è stato riferito che dalla fine di settembre, circa 60 bambini hanno perso la vita in disordini pubblici.

Le proteste sono scoppiate a metà settembre dopo la morte di Mahsa Amini, una giovane donna detenuta dalla polizia per presunta violazione della legge sull'hijab del Paese.

La sua morte è avvenuta nel mezzo di una repressione del governo sui diritti delle donne che ha visto il presidente iraniano firmare una sentenza, ampliando le sanzioni per le donne che pubblicano contenuti anti-hijab su Internet.

Dall'aumento della violenza, il governo iraniano ha accusato le nazioni occidentali, in particolare gli Stati Uniti, di alimentare la rabbia dei manifestanti.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti