1.9 C
Bruxelles
Martedì, Gennaio 24, 2023

Scienziati israeliani: l'inquinamento luminoso uccide i roditori

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gli animali di tutto il mondo ora vivono di notte sotto cieli che soffrono di inquinamento luminoso causato dall'uso eccessivo di luce artificiale, ha riferito TPS. A causa dell'illuminazione notturna nelle aree urbane, le stelle su cui fanno affidamento gli uccelli migratori per la navigazione non possono essere viste. Questo attira gli animali in luoghi pericolosi e interrompe i loro schemi di sonno. Ma una nuova ricerca israeliana rileva che questo fenomeno in realtà uccide gli animali.

Lo studio della Facoltà di Zoologia dell'Università di Tel Aviv ha esaminato gli effetti dell'inquinamento luminoso prolungato e di bassa intensità su due specie di roditori del deserto: il topo spinoso dorato, che è attivo durante il giorno e dorme di notte, e il topo spinoso comune notturno, che dorme durante il giorno.

“La durata media della vita dei topi spinosi è di 4-5 anni, e il nostro piano originale era di osservare gli effetti della luce artificiale di notte sulle loro colonie, misurando l'effetto sulla loro riproduzione, benessere e durata della vita. Ma i risultati drammatici hanno sventato i nostri piani. , dice il leader dello studio Prof. Dr. Noga Kronfeld-Shor, che è il principale consulente scientifico del Ministero della Protezione Ambientale di Israele.

“In due casi distinti, in due recinti diversi, tutti gli animali esposti alla luce bianca sono morti nel giro di pochi giorni. Non avevamo notato alcun segno preliminare, ma le autopsie presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Tel Aviv e presso l'Istituto Veterinario “Kimron” di Beit Dagan non hanno mostrato alcuna anomalia nelle carcasse dei topi spinosi”, ha spiegato il Prof. Kronfeld- Breve.

“Ipotizziamo che l'esposizione alla luce artificiale di notte abbia indebolito la risposta immunitaria degli animali, lasciandoli indifesi contro qualche patogeno non identificato. Nessuna mortalità così insolitamente alta è stata registrata in nessuno degli altri recinti e, a nostra conoscenza, nessun evento simile è stato finora documentato dai ricercatori ", ha affermato.

I risultati sono stati recentemente pubblicati nell'edizione londinese di Scientific Reports.

“Nella maggior parte delle specie studiate finora, compreso l'uomo, l'orologio biologico è sincronizzato con la luce. Questo meccanismo si è evoluto nel corso di milioni di anni come risultato dei cicli diurni e annuali della luce solare - giorno e notte e le loro diverse durate che corrispondono al mutare delle stagioni", ha spiegato Hagar Vardi-Naim, studente di dottorato presso l'Università di Tel Aviv e uno dei responsabili dello studio.

“Diverse specie hanno sviluppato modelli di attività che corrispondono a questi cambiamenti nell'intensità della luce e nella durata del giorno e hanno sviluppato adattamenti anatomici, fisiologici e comportamentali adatti all'attività diurna o notturna e alla stagionalità. Tuttavia, negli ultimi decenni, gli esseri umani hanno cambiato le regole con l'invenzione e l'uso diffuso della luce artificiale, che porta all'inquinamento luminoso", aggiunge.

Un numero uguale di topi spinosi maschi e femmine su un totale di 96 esemplari era ospitato in otto recinti all'aperto. I recinti hanno stimolato condizioni di vita naturali: tutti gli animali sono stati esposti a condizioni ambientali naturali, compreso il ciclo naturale di luce/buio, temperatura ambiente, umidità e precipitazioni. Ogni recinto conteneva rifugi e accesso a cibo sufficiente.

Per 10 mesi, i recinti sperimentali sono stati esposti di notte a luce artificiale di bassa intensità, simile a quella dei lampioni nelle aree urbane. Alcuni dei roditori sono stati esposti alla luce bianca fredda, altri alla luce giallo-bianca più calda, altri alla luce blu, e il resto è stato lasciato all'oscuro come gruppo di controllo. Gli animali sono stati osservati per i cambiamenti nel comportamento e nelle condizioni fisiche.

L'esperimento fu ripetuto l'anno successivo.

I ricercatori hanno scoperto che anche l'inquinamento luminoso ha influenzato la capacità di riproduzione dei roditori.

“In natura, entrambe le specie di topi spinosi si riproducono principalmente in estate, quando le temperature sono alte e i neonati hanno le migliori possibilità di sopravvivenza. Tuttavia, la luce artificiale sembra confondere gli animali", afferma Vardi-Naim.

“I topi spinosi comuni hanno iniziato a riprodursi tutto l'anno, ma hanno dato alla luce un numero minore di piccoli all'anno. La previsione è che i giovani nati in inverno non sopravvivrebbero in natura, il che ridurrebbe ulteriormente il successo riproduttivo di questa specie", ha spiegato.

Vardi-Naim ha aggiunto che la riproduzione nei topi spinosi dorati è stata influenzata in modo diverso. "Le colonie esposte alla luce artificiale di notte hanno continuato a riprodursi durante l'estate, ma il numero di giovani è stato dimezzato rispetto al gruppo di controllo, che ha continuato a svilupparsi e riprodursi normalmente".

Vardi-Naim ha osservato che, secondo studi recenti, circa l'80 per cento della popolazione mondiale è esposta alla luce artificiale di notte e l'area interessata dall'inquinamento luminoso cresce ogni anno tra il due e il sei per cento. "In un paese piccolo e sovrappopolato come Israele, pochissimi luoghi rimangono indenni dall'inquinamento luminoso", ha concluso Vardi-Naim.

Foto illustrativa di Alexas Fotos:

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti