23.1 C
Bruxelles
Domenica, luglio 21, 2024
ReligioneCristianesimoLa persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata a...

La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento europeo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

La persecuzione dei cristiani in Iran è stata al centro della presentazione della World Watch List 2023 dell'Ong protestante Open Doors ieri, giovedì 25 gennaio, al Parlamento Europeo (PE).

Secondo il loro rapporto, 360 milioni di cristiani in tutto il mondo subiscono alti livelli di persecuzione e discriminazione per la loro fede, 5621 cristiani sono stati assassinati e 2110 chiese sono state attaccate l'anno scorso. 

L'evento è stato ospitato da L'eurodeputato Peter Van Dalen e l'eurodeputata Miriam Lexmann (gruppo PPE).

Peter Van Dalen ha commentato il dannoso rapporto di Open Doors come segue:

“È molto preoccupante vedere che la persecuzione dei cristiani è ancora in aumento
il mondo. È quindi molto importante che in tutto il suo lavoro sui diritti umani,
, il Il Parlamento europeo non trascura il diritto alla libertà o alla religione or
credenza! Sono grato per organizzazioni come Open Doors che continuano a ricordare
noi del l'urgenza e l'importanza di queste questioni”.L'eurodeputato Peter Vandalen

Eurodeputato Nicola Birra (Gruppo Renew Europe), uno dei vicepresidenti del PE, ha tenuto un discorso speciale incentrato sul ruolo positivo e costruttivo delle comunità religiose nelle società democratiche e, di conseguenza, sulla necessità di difendere la libertà di religione o di credo.

Signora Dabrina Bet-Tamraz, una protestante della minoranza etnica assira in Iran, ora residente in Svizzera, era stata invitata a testimoniare sulla persecuzione dei cristiani in Iran, attraverso l'esempio della sua stessa famiglia.

Capture decran 2023 04 16 a 19.53.53 2 La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo

Quando ero adolescente eravamo costantemente sotto sorveglianza; eravamo infastiditi e c'erano spie nella chiesa. Non lo sapevamo
di cui potevamo fidarci. Eravamo pronti per chiunque in famiglia
essere ucciso in qualsiasi momento come era accaduto in molte altre comunità cristiane. A scuola sono stata discriminata dagli insegnanti e dal preside. Sono stato stigmatizzato sia come cristiano che come assiro dagli altri studenti.

Dopo che la chiesa assira Shahrara di mio padre è stata chiusa nel 2009, sono stato arrestato
molte volte per essere interrogato sulle attività dei membri della nostra chiesa.
Sono stato tenuto in custodia senza permesso legale, senza alcuna ufficiale donna presente ma giusto
in un ambiente maschile, il che è stressante per un adolescente. Sono stato minacciato di esserlo
violentata. Ora mi sento al sicuro in Svizzera, ma quando il Ministero dell'Intelligence iraniano
ufficiali hanno pubblicato un articolo sui social media con le mie foto e il mio indirizzo di casa – incoraggiando gli uomini iraniani che vivono in Svizzera a “farmi visita” – ho dovuto trasferirmi
ad un'altra casaAnche al di fuori dell'Iran, rimaniamo minacciati per la nostra vita se
sveliamo le violazioni dei diritti umani del regime."

Per molti anni, il padre di Dabrina, Il pastore Victor Bet-Tamraz, e sua madre, Shamiran Issavi Khabizeh condividevano la loro fede con i musulmani di lingua farsi, cosa proibita in Iran, e formavano i convertiti.

20230126 Chiesa cristiana in Iran - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo
Credito fotografico: pastore Victor Bet-Tamraz

Il pastore Victor Bet-Tamraz è stato ufficialmente riconosciuto come ministro dal governo iraniano e ha guidato la chiesa pentecostale assira Shahrara a Teheran per molti anni fino a quando il ministero dell'Interno l'ha chiusa nel marzo 2009 per aver celebrato servizi in Farsi - era allora l'ultima chiesa in L'Iran terrà servizi nella lingua dei musulmani iraniani. Successivamente alla chiesa fu permesso di riaprire sotto una nuova guida, con servizi condotti solo in assiro. Il pastore Victor Bet-Tamraz e sua moglie si dedicarono poi al ministero della chiesa domestica, di hosting riunioni a casa loro.

I genitori di Dabrina sono stati arrestati nel 2014 ma sono stati rilasciati su cauzione. Nel 2016 sono stati condannati a dieci anni di carcere. La loro udienza d'appello è stata rinviata più volte fino al 2020. Quando è stato ovvio che la pena detentiva sarebbe stata mantenuta, hanno deciso di lasciare l'Iran. Ora vivono con la loro figlia, fuggita in Svizzera nel 2010.

Nel frattempo aveva studiato teologia evangelica nel Regno Unito e ora è pastora in una chiesa di lingua tedesca in Svizzera. La sua campagna per la libertà religiosa in Iran l'ha portata al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, alla seconda riunione ministeriale annuale per il progresso della libertà religiosa a Washington DC e all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, oltre a molti altri eventi.

Al Parlamento europeo a Bruxelles, ha invitato le autorità iraniane a farlo

"ordinare l'immediato e incondizionato rilascio dei cristiani detenuti per motivi pretestuosi
oneri relativi alla pratica della loro fede e attività religiose; e sostenere il
diritto alla libertà di religione o di credo per ogni cittadino, indipendentemente dalla sua etnia o
gruppo linguistico, compresi i convertiti di altre religioni”. 

Ha chiesto alla comunità internazionale, compresa l'Unione Europea, di ritenere l'Iran responsabile del maltrattamento delle minoranze religiose. Ha esortato le autorità iraniane a mantenere il loro obbligo di garantire la libertà di religione e di credo a tutti i loro cittadini in conformità con gli strumenti internazionali che hanno firmato e ratificato.

L'eurodeputata Miriam Lexmann, dalla Slovacchia, ex paese comunista, ha sottolineato la natura antireligiosa dell'ideologia marxista imposta al suo paese per decenni dopo la seconda guerra mondiale. Ha lanciato un vibrante appello per la libertà di coscienza e di credo, dicendo:

Miriam Lexmann European Parliament 1024x682 - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo
MEP Miriam Lexmann – Credito fotografico: Parlamento europeo

“La libertà di religione o credo è la pietra angolare di tutti i diritti umani. Quando la libertà religiosa viene attaccata, tutti i diritti umani sono minacciati. Combattere per i religiosi
libertà is lottando per tutti i diritti umani e per la democrazia. Un numero di
paesi come la Cina, un altro paese comunista, ne hanno sviluppate alcune
molto sofisticato metodi per amputare parti della libertà religiosa delle loro popolazioni. Cerco di condividere le mie preoccupazioni con i miei colleghi di altri politici
gruppi in , il Parlamento ma per vari motivi è difficile aprire le loro menti”.

Eurodeputato Nicola Birra, dalla Germania, ha sottolineato che le comunità religiose svolgono un ruolo importante nei nostri paesi democratici, contribuiscono alla stabilità delle nostre società e forniscono assistenza alle persone più vulnerabili attraverso le loro organizzazioni caritative.

23038 original Nicola Beer - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento Europeo
Nicola Birra | Fonte: Parlamento europeo Audiovisivo

"Lottare per la libertà di religione o di credo contribuisce alla difesa di tutti i diritti umani, ma molto spesso i miei colleghi al Parlamento dimenticano la libertà religiosa quando danno la priorità ai diritti umani che dovrebbero essere difesi”. ha detto. “La situazione sta peggiorando in tutto il mondo ed è importante che persone come Dabrina Bet-Tamraz testimonino di questo deterioramento. Abbiamo il privilegio di decidere e scegliere liberamente a quali credenze religiose o non religiose vogliamo aderire. È un privilegio e un tesoro che dovremmo apprezzare appieno perché in molti Paesi pensare in modo diverso è percepito come una minaccia”.

Durante il dibattito con il numeroso pubblico, L'eurodeputato Peter Van Dalen è stato contestato sull'efficacia delle sanzioni adottate dall'Unione europea. La sua risposta è stata molto convincente:

Peter Vandalen - La persecuzione dei cristiani nel mondo, soprattutto in Iran, evidenziata al Parlamento europeo

“L'anno scorso, ad aprile, l'avvocato di una coppia cristiana in Pakistan mi ha chiamato per chiedere aiuto perché erano nel braccio della morte da anni con le cosiddette accuse di blasfemia e potevano essere condannati a morte. Si è deciso di presentare una risoluzione di emergenza sulla loro situazione. La mozione ha ottenuto un enorme sostegno e due settimane dopo sono stati rilasciati, ufficialmente "per mancanza di prove". Dimostra che le risoluzioni del Parlamento europeo non passano inosservate e possono essere molto efficaci. Quei due cristiani potrebbero lasciare il Pakistan e ora vivere in un Paese democratico occidentale. Sulla base di questo successo, ho appena preso l'iniziativa di inviare a lettera al SEAE ea Josep Borrell firmato da otto eurodeputati per mettere in discussione la legittimità dei vantaggi commerciali legati allo status SPG+, troppo generosamente concesso al Pakistan e mantenuto nonostante le ricorrenti violazioni della libertà religiosa e dei diritti umani in Pakistan. Il 17 gennaio, infatti, l'Assemblea nazionale del Pakistan ha aumentato da tre a dieci anni di reclusione la pena per gli insulti a pie personalità dell'Islam, in particolare ai familiari del profeta Maometto.

Leggi di più:

Hotspot della persecuzione dei cristiani nel 2022 evidenziato in Africa occidentale

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -