9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

I deputati chiedono una risposta più decisa alle minacce russe alla sicurezza europea

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

La guerra in Ucraina, le minacce russe alla sicurezza europea, il crescente autoritarismo globale, una Cina più assertiva e l'emergenza climatica hanno causato uno spostamento tettonico nel panorama geopolitico, avvertono i deputati.

L'UE e i suoi Stati membri devono aumentare la loro assistenza militare, politica e umanitaria all'Ucraina e rafforzare la loro difesa nel contrastare le minacce russe alla sicurezza europea, affermano i deputati nel loro rapporto annuale Relazione sulla politica estera e di sicurezza comune adottato mercoledì con 407 voti a favore, 92 contrari e 142 astensioni.

La risposta dell'UE alla guerra di aggressione russa contro l'Ucraina è seguita da vicino dalle autocrazie di tutto il mondo e influenzerà notevolmente il loro comportamento sulla scena internazionale, avvertono i deputati.

EU deve rendere il processo decisionale più flessibile ed efficiente

Invitano l'UE a utilizzare le disposizioni del trattato sull'Unione europea che consentirebbero al Consiglio di prendere determinate decisioni, senza implicazioni militari, in particolare quelle relative a sanzioni e diritti umani, a maggioranza qualificata anziché all'unanimità.

La relazione invita inoltre le istituzioni dell'UE a presentare una proposta su come l'UE potrebbe garantire un seggio permanente in tutti i forum multilaterali, compreso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ridurre la dipendenza dell'UE dalle risorse energetiche

La sicurezza dell'UE è strettamente legata all'accelerazione del processo di allargamento, nel rispetto dei criteri di adesione e alla riforma della politica di vicinato dell'UE, sostengono i deputati. Esortano inoltre l'UE a diventare meno dipendente dalle risorse energetiche e da altri materiali fondamentali per la nostra infrastruttura importati da paesi terzi, in particolare quelli che non condividono i valori dell'Unione europea o con i quali l'UE si trova in uno stato di rivalità sistemica .

Consegna carri armati Leopard 2 a Ucraina, affermano i deputati

Nell'annuale Relazione 2022 sull'attuazione della politica di sicurezza e di difesa comune (PSDP), adottata mercoledì con 459 voti a favore, 93 contrari e 85 astenuti, i deputati chiedono l'immediato dispiegamento di armi moderne e un sistema di difesa aerea di nuova generazione, esortando il cancelliere tedesco Scholz a consegnare i principali carri armati Leopard 2 all'Ucraina senza ulteriori indugi. Sottolineano che l'Ucraina sta difendendo la sua integrità territoriale all'interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale e ha urgente bisogno di aiuti militari e armi pesanti per vincere la guerra.

La relazione accoglie con favore le nuove iniziative dell'UE per migliorare la sicurezza e la difesa europee, in particolare il Dichiarazione di Versailles, le Bussola strategica, le comunicazione congiunta sulla carenza di investimenti nel settore della difesa, e la proposta di regolamento della Commissione per incentivare gli appalti congiunti (EDIRPA). Gli Stati membri dovrebbero continuare a sviluppare la politica e le capacità di difesa informatica dell'UE, aggiungono i deputati, e stabilire partenariati di sicurezza e difesa con partner che la pensano allo stesso modo in tutto il mondo.

Citazioni

Il relatore sulla politica estera e di sicurezza comune, David McAllister (PPE, DE), ha affermato: “Per diventare un vero attore geopolitico, l'Unione europea deve rafforzare i nostri strumenti di politica estera e rafforzare l'assetto istituzionale. Il voto all'unanimità, ad esempio, limita chiaramente la capacità dell'UE di reagire rapidamente. Il trade-off tra l'ideale dell'unità e gli alti costi dell'unanimità in termini di efficacia deve essere visto in modo più critico”.

Il relatore sulla politica di sicurezza e di difesa comune, Tom Vandendendelaere (PPE, BE) ha affermato: “La sicurezza europea si è drammaticamente deteriorata a causa della guerra della Russia in Ucraina. In tale contesto, l'UE deve aumentare e accelerare l'assistenza militare all'Ucraina e migliorare il funzionamento della sua politica di difesa continuando e rafforzando la sua cooperazione con la NATO. Tra le altre modifiche, dovrebbe accelerare il processo decisionale in materia di difesa e ridurre la sua dipendenza da paesi terzi".

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti