-0.7% C
Bruxelles
Mercoledì, gennaio 25, 2023

Misteriosi tentacoli nel cervello controllano la nostra percezione del tempo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

I neuroscienziati hanno scoperto che misteriosi tentacoli nel cervello umano possono controllare la percezione del tempo. I ricercatori dell'Università della California, Irvine, hanno scoperto in esperimenti con i topi che minuscoli organelli simili ad antenne, ritenuti resti del nostro antico passato, svolgono un ruolo cruciale nel tenere traccia del tempo. Ciglia simili a tentacoli possono essere trovate su molte cellule umane. Spesso sono importanti per il movimento cellulare, ma la maggior parte di questi microtubuli è stazionaria. Precedenti studi li hanno considerati rudimentali. Da allora, le ciglia primarie sono state riconosciute come parte del sistema dei nodi di segnalazione.

Si scopre che questi organelli si adattano anche a funzioni cognitive di ordine superiore. Parte del lavoro dello striato nel cervello è quello di fungere da orologio centrale e coordinare il movimento, l'apprendimento, la pianificazione e il processo decisionale di una persona. Se le ciglia vengono rimosse da lì, il lavoro di questa parte del cervello viene interrotto, scrive Science Alert.

I neurobiologi hanno utilizzato la manipolazione genica per rimuovere le ciglia dallo striato nei topi. L'effetto è stato sorprendente: sebbene tutti i topi conservassero la memoria a lungo termine e l'acquisizione di abilità motorie, sono stati osservati vari problemi motori dopo la rimozione delle ciglia. I roditori non erano più in grado di apprendere nuovi compiti di movimento e hanno mostrato gravi ritardi nel processo decisionale, non riuscendo a richiamare rapidamente le informazioni sulla posizione.

“Il corretto funzionamento della memoria di lavoro, dell'attenzione, del processo decisionale e delle funzioni esecutive richiede tempi precisi, in genere nell'intervallo da millisecondi a minuti. Quando questa capacità è compromessa, si perde la capacità di correggere rapidamente il comportamento in risposta a stimoli esterni e mantenere le risposte motorie dirette all'obiettivo", spiega la neurobiologa Amal Alachar. La scoperta non solo migliora la nostra comprensione di come percepiamo il mondo, ma può anche aiutare a "correggere" quella percezione se la nostra comprensione del tempo è sbagliata.

La percezione alterata del tempo e la valutazione errata del tempo sono caratteristiche di molti disturbi mentali e neurologici: schizofrenia, morbo di Parkinson, sindrome di Tourette, disturbi dello spettro autistico e malattia di Huntington.

Foto di meo:

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti