9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Una nuova ricerca rivela perché non dovresti lasciare il tuo gatto fuori

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

SciTech quotidiano
SciTech quotidianohttps://www.scitechdaily.com
SciTechDaily offre la migliore copertura e analisi scientifica e tecnologica intelligente e informata che puoi trovare su base giornaliera, procurandoti una vasta gamma di grandi scrittori e eccellenti istituti di ricerca

Lo studio ha scoperto che i gatti all'aperto possono portare malattie in casa e minacciare la fauna selvatica.


La prossima volta che lascerai uscire il tuo gatto per la sua avventura quotidiana, potresti voler riconsiderare. Un nuovo studio di Università del Maryland i ricercatori hanno scoperto che tenere i gatti in casa può ridurre significativamente i rischi di trasmissione di malattie e la caccia alla fauna selvatica, che può avere un impatto negativo sulle popolazioni animali autoctone e sulla biodiversità.

I risultati dello studio si basavano sui dati del DC Cat Count, un sondaggio a livello di Washington, DC che ha utilizzato 60 telecamere per la fauna selvatica attivate dal movimento posizionate in 1,500 luoghi di campionamento. I ricercatori hanno sottolineato che gli esseri umani hanno una responsabilità primaria nel ridurre questi rischi tenendo i gatti in casa.


Le telecamere hanno registrato ciò che i gatti predavano e hanno dimostrato come si sovrapponessero alla fauna selvatica autoctona, il che ha aiutato i ricercatori a capire perché i gatti e altri animali selvatici sono presenti in alcune aree, ma assenti in altre. Il documento è stato recentemente pubblicato sulla rivista Frontiere in ecologia ed evoluzione.

Un'infografica che descrive la ricerca. Credito: Daniel Herrera

"Abbiamo scoperto che il gatto domestico medio a Washington ha una probabilità del 61% di essere trovato nello stesso spazio dei procioni - il vettore di rabbia più prolifico d'America - il 61% di sovrapposizione spaziale con le volpi rosse e il 56% di sovrapposizione con gli opossum della Virginia, entrambi i quali può anche diffondere la rabbia “, ha affermato Daniel Herrera, autore principale dello studio e Ph.D. studente presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali (ENST) dell'UMD. “Lasciando uscire i nostri gatti, stiamo seriamente mettendo a repentaglio la loro salute”.


Oltre al rischio di essere esposti a malattie che possono poi portare in casa agli umani nelle loro famiglie (come la rabbia e la toxoplasmosi), i gatti all'aperto minacciano la fauna selvatica autoctona. Il sondaggio DC Cat Count ha dimostrato che i gatti a cui è permesso vagare all'esterno condividono anche gli stessi spazi e cacciano piccoli animali selvatici autoctoni, tra cui scoiattoli grigi, scoiattoli, conigli silvilago, marmotte e topi dai piedi bianchi. Cacciando questi animali, i gatti possono ridurre la biodiversità e degradare la salute dell'ecosistema.

Gatto e procione si incrociano di notte a Washington DC Credito: DC Cat Count

"Molte persone pensano erroneamente che i gatti stiano cacciando popolazioni non autoctone come i topi, quando in realtà preferiscono cacciare piccole specie autoctone", ha spiegato Herrera. “I gatti tengono i topi fuori dalla vista per paura, ma in realtà non c'è alcuna prova che stiano controllando la popolazione di roditori non autoctoni. La vera preoccupazione è che stanno decimando le popolazioni native che forniscono benefici all'ecosistema DC.

In generale, Herrera ha scoperto che la presenza di fauna selvatica è associata alla copertura arborea e all'accesso all'acqua aperta. D'altra parte, la presenza di gatti diminuiva con quelle caratteristiche naturali ma aumentava con la densità della popolazione umana. Dice che queste associazioni sono in contrasto con le argomentazioni secondo cui i gatti in libertà stanno semplicemente entrando in un ruolo naturale nell'ecosistema cacciando la fauna selvatica.


"Queste relazioni con l'habitat suggeriscono che la distribuzione dei gatti è in gran parte guidata dagli esseri umani, piuttosto che da fattori naturali", ha spiegato Travis Gallo, assistente professore all'ENST e consulente di Herrera. "Poiché gli esseri umani influenzano ampiamente la posizione dei gatti nel paesaggio, gli esseri umani dettano anche il grado di rischio che questi gatti incontrano e la quantità di danni che causano alla fauna locale".

Herrera incoraggia i proprietari di animali domestici a tenere i loro gatti in casa per evitare potenziali incontri tra i loro animali domestici e la fauna selvatica nativa. La sua ricerca rileva che i gatti selvatici sono ugualmente a rischio di contrarre malattie e causare il declino della fauna selvatica nativa, e non dovrebbero essere autorizzati a vagare liberamente dove il rischio di sovrapposizione con la fauna selvatica è alto, facendo eco alle precedenti richieste di restrizioni geografiche su dove le colonie di gatti sanzionate possono essere stabilito o curato.

Riferimento: “Sovrapposizione spaziale e temporale dei gatti domestici (felis catus) and native urban wildlife” di Daniel J. Herrera, Michael V. Cove, William J. McShea, Sam Decker, DT Tyler Flockhart, Sophie M. Moore e Travis Gallo, 21 novembre 2022, Frontiere in ecologia ed evoluzione.
DOI: 10.3389/fevo.2022.1048585


- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti