9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Si prega di perdonare responsabilmente

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Notizie di religione mondiale
Notizie di religione mondialehttps://www.worldreligionnews.com
WRN World Religion News è qui per parlare del mondo della religione in modi che ti sorprenderanno, sfideranno, illumineranno, divertiranno e ti coinvolgeranno all'interno di una struttura cablata per un mondo connesso. Copriamo tutte le religioni del mondo dall'Agnosticismo alla Wicca e tutte le religioni intermedie. Quindi tuffati e dicci cosa pensi, senti, detesti, ami, odi, vuoi vedere più o meno e scegli sempre la verità più alta.

Stiamo attraversando un crisi del perdono, secondo il pastore Timothy Keller, autore di best-seller e pastore emerito della Redeemer Presbyterian Church di New York City. Il perdono, secondo lui, è stato abusato e abusato, è stato frainteso come un modo per non affrontare la verità, per sfuggire alla responsabilità, essenzialmente per seppellire il misfatto per il quale si chiede perdono.

Le vittime di abusi domestici, le vittime di stupro e le sopravvissute all'omicidio di membri della famiglia sono state spinte - generalmente in un contesto religioso - a perdonare l'aggressore, lo stupratore e l'assassino, come se ciò cancellasse automaticamente il crimine e la sua responsabilità. Tali azioni hanno dato al vero perdono una cattiva reputazione e hanno reso le persone, in questi tempi controversi, riluttanti a dare o chiedere di ricevere il perdono. D'altra parte, come dice Keller, "Se vuoi punire qualcuno, rendi davvero difficile per loro chiedere perdono".

Il punto chiave del perdono, secondo il pastore Keller, è "volere il bene del trasgressore". Come scrive nel suo libro, Perdonare: perché dovrei e come posso? “Un segreto per vincere il male è vederlo come qualcosa di distinto dal malfattore. Il nostro vero nemico è il male nella persona e lo vogliamo sconfitto in lui o in lei”.

Dove questo lascia la fiducia e la responsabilità?

Il perdono non toglie automaticamente la persona perdonata dai guai, secondo Keller. Ci sono conseguenze per la cattiva condotta e il fatto del perdono non include la fiducia. La fiducia deve essere guadagnata.

“In realtà non penso che se qualcuno mi ha perdonato, significa che deve fidarsi di me”, ha detto. “Le persone perdonate non vengono necessariamente ripristinate automaticamente esattamente dove si trovavano. Devi avere tempo per ricostruire la fiducia nelle persone. E devi riconoscerlo e non risentirti se non si fidano subito di te.

Quindi il processo ha più passaggi: si verifica una trasgressione, il trasgressore cerca o riceve il perdono, e poi lavora per ripristinare la fiducia negli occhi della vittima e della società in generale. Ciò varierebbe a seconda della trasgressione, della vittima e della comunità coinvolta. Può includere sostenere una punizione o altrimenti assumersi qualche responsabilità per il fatto della trasgressione. Un individuo che aveva compiuto una rapina a mano armata e l'aveva fatta franca, in seguito si è pentito della sua azione e ha chiesto perdono alla comunità e ha accettato la responsabilità del suo misfatto costituendosi e andando felicemente in prigione per cinque anni.

Il perdono stesso, sebbene possa rivelarsi l'azione più breve - e quella che porta al vero lavoro di ristabilire la fiducia - può comunque essere liberatorio e purificante per l'individuo se fatto bene. In effetti, c'è solida scienza dietro il potere curativo mentale, spirituale e fisico del perdono. Recenti ricerche illustrano questo perdono migliora salute e benessere generale, calma la risposta allo stress del corpo e migliora funzione cardiovascolare. 

Esistono persino strumenti online - un'unione di fede e scienza - per aiutare l'individuo a chiedere perdono a se stesso, agli altri o a Dio, come il REACH modello di perdono. Ci sono anche partnership come Templeton World Charity Foundation e John Templeton Foundation, che guidano campagne come Scopri il perdono. La campagna mira a condividere i benefici scientifici del perdono.

Il bene dentro di noi tutti ci fa vergognare dei nostri misfatti e riluttanti a confessarli o affrontarli. A volte ci vuole un'altra mano per allungare la mano e darci lo strattone silenzioso per fare il lavoro richiesto e ottenere i benefici di essere perdonati e perdonare gli altri. Pietro chiese a Gesù (Matteo 18:21-22) quante volte è necessario perdonare e Gesù rispose: "Settanta volte sette". Sia che quel numero sia preso in senso letterale o figurato, illustra, tuttavia, l'importanza — fisicamente, emotivamente, mentalmente e spiritualmente — del perdono fatto bene.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti