0.1 C
Bruxelles
Martedì, Gennaio 17, 2023

La scienza e la nascita dell'eroina

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gabriel Carion López
Gabriel Carion López
Giornalista investigativo, autore

Nel 1898, Heinrich Dreser, che era a capo del laboratorio dell'azienda farmaceutica Bayer, presentò al Congresso tedesco di naturalisti e medici un farmaco molto più potente della codeina e, a suo dire, poco tossico. Questo farmaco era un oppiaceo infinitamente più potente della morfina e, inoltre, secondo la casa farmaceutica, creava scarsa dipendenza. Il suo nome: eroina.

Il nome è stato dato al prodotto dagli stessi dipendenti dell'azienda che sono stati utilizzati come cavie. Le persone si sentivano euforiche quando lo prendevano e sembrava alleviare immediatamente alcuni dei fastidiosi disturbi che erano diffusi all'epoca, come la tosse e altri disturbi relativamente comuni nella vita di tutti i giorni. Chi l'ha preso ha affermato di sentirsi euforico, come degli eroi. Anche lo stesso Heinrich Dreser finì per prendere il prodotto quando vide l'effetto sui dipendenti dell'azienda.

Ma subito dopo, il prodotto si è rivelato estremamente avvincente e molti dipendenti dell'azienda ne sono diventati dipendenti. Non potendo permettersi il prodotto in modo normale, finirono per vendere vari beni per continuare a guadagnare sentendosi chimicamente euforici. Molti di quei primi consumatori dipendenti sono diventati zombi, vivendo in discariche e luoghi sporchi. I loro corpi hanno richiesto sempre più dosi fino a diventare parte dell'arredo urbano con il nome di drogati (yonquis in spagnolo). Un termine derivato dalla parola inglese rifiuto che sta per immondizia.

Ma tutta quella miseria umana poco importava alla Bayer, proprietaria del brevetto della famosa aspirina, e nel 1899, quando la tubercolosi imperversava Europa, e tenendo conto delle assicurazioni di Dreser che il farmaco aveva davvero effetti benefici sul paziente e che era molto più salutare della morfina, l'azienda farmaceutica ha lanciato una campagna mondiale contro la tubercolosi e, data la sua "qualità speciale", è stata posta particolare enfasi sulla salute dei bambini. La rivoluzione industriale aveva fatto ammalare tanti piccoli lavoratori e così via Sciroppo di eroina Bayer è stato lanciato. All'inizio del XX secolo, questo prodotto farmaceutico è stato prescritto in più di venti paesi, causando la morte di centinaia di bambini perché il loro sistema immunitario era più debole di quello degli adulti. È stato persino affermato che il rimedio fosse persino usato per combattere il raffreddore.

Alla demenza si unirono anche gruppi di psichiatri, che videro in questo affascinante composto un efficace rimedio contro la depressione e quella che allora era conosciuta come nevrastenia. La mania si è estesa anche al trattamento dei morfinomani, senza rendersi conto che il composto, noto come eroina, si trasformava in altra morfina mentre passava attraverso il fegato, il che significava che la dipendenza che generava era molto maggiore della morfina stessa. Anche il famoso opuscolo Giornale medico e chirurgico di Boston ha affermato che l'eroina era superiore alla morfina e che non vi era alcun rischio di dipendenza. Era senza dubbio un prodotto approvato dalla scienza del tempo.

Despierta web - La scienza e la nascita dell'eroina

Lo storico Fernando Paz, nel suo libro Sveglio! (Svegliati!) commenta quanto segue:

“…sebbene pochi anni dopo ci fossero voci che gridavano contro l'uso medicinale dell'eroina, riuscendo finalmente a mettere fuori circolazione la “medicina”, questa si diffuse ad altri composti che continuarono ad essere commercializzati fino a buona parte del terzo decennio del XX secolo ”.

Lo storico osserva che la società Eli Lily, ad esempio, ha iniziato a vendere flaconi di eroina da 100 compresse. E la società britannica Allen and Hanburys, che in seguito si è fusa nel gruppo Glaxo, ha brevettato pillole con cui si è mescolata cocaina per renderli più forti. Lo stesso storico prosegue commentando:

“... negli Stati Uniti l'eroina è stata esclusa dalla libera vendita nel 1920, quando nel paese c'erano già circa 200,000 eroinomani. Ma fu bandito solo nel 1925. Quello stesso anno, l'Enciclopedia Espasa Calpe lo descriveva ancora come 'un buon sostituto della codeina e della morfina'…”.

A quel tempo esisteva una sorta di Comitato per l'igiene della Società delle Nazioni, qualcosa come l'odierna OMS, che ne consigliò la messa al bando solo nel 1931. Anche se in Germania continuò ad essere venduto nelle farmacie fino al 1958, trasformando così questi locali in interessanti “spacciatori” attraverso il quale il prodotto ha raggiunto migliaia di persone. È stato bandito in Germania nel 1971.

Queste brevi note su un argomento complesso come Eroina dovrebbe aprirci gli occhi sull'uso da parte delle grandi case farmaceutiche di prodotti sempre più pericolosi e, ovviamente, che creano dipendenza. Questo è qualcosa di cui riferiremo, nonostante il fatto che possano essere trattati come allarmisti. L'eroina era supportata dalla scienza, così come migliaia di altri prodotti. Oggi vedremo poche notizie sui media su questioni come questa perché i soldi che vengono spesi in pubblicità di farmaci, spesso inutili, riempiono il conto delle entrate di molti gruppi mediatici.

Dobbiamo rispettare la scienza sì, ma la scienza con una coscienza, cosa che manca a molti scienziati ea molte aziende.

Bibliografia:
¡Despierta! (Svegliati!) Libro di Fernando Paz, pubblicato da La Esfera de los Libros 2021.

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti