4 C
Bruxelles
Lunedi, February 6, 2023

La più antica pietra runica scoperta dagli archeologi norvegesi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

Il blocco piatto e quadrato di arenaria brunastra ha degli scarabocchi scolpiti che potrebbero essere il primo esempio di parole registrate in forma scritta in Scandinavia. Il Museo di storia culturale di Oslo ha affermato che il ritrovamento è tra le più antiche iscrizioni runiche mai trovate e la più antica pietra runica datata al mondo.

Questo potrebbe essere uno dei primi tentativi di usare le rune in Norvegia e Scandinavia sulla pietra, ha detto a The Guardian Kristel Zillmer, professore all'Università di Oslo.

Rune più antiche sono state trovate su altri oggetti, ma non sulla pietra. Il primo ritrovamento runico è su un pettine d'osso trovato in Danimarca.

La pietra runica è stata scoperta nell'autunno del 2021 durante lo scavo di una tomba vicino a Tirifjord, a ovest di Oslo, in una regione nota per numerosi reperti archeologici monumentali. Oggetti nella fossa di cremazione, ossa bruciate e carbone, indicano che le rune furono probabilmente scritte tra l'1 e il 250 d.C.

Secondo il Prof. Zillmer, ci è voluto del tempo per analizzare e datare la pietra, motivo per cui la scoperta è stata annunciata solo ora.

La pietra runica sarà esposta per un mese, a partire dal 21 gennaio, presso il Museo di storia culturale, che ospita la più grande collezione di manufatti storici della Norvegia, dall'età della pietra ai tempi moderni.

Foto illustrativa di Erik Mclean:

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

Articolo precedente
Articolo prossimo
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti