-2.6% C
Bruxelles
Domenica, gennaio 29, 2023

Il presidente turco Erdogan conferma il 14 maggio come data per le elezioni presidenziali

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Il presidente turco Erdogan anticipa al 18 maggio le elezioni presidenziali, originariamente previste per il 14 giugno.

Erdogan, 69 anni, in corsa per la propria successione, è diventato primo ministro nel 2003, prima di modificare la costituzione e diventare presidente, eletto direttamente a suffragio universale, nel 2014. Ha poi ripreso le sue funzioni di presidente con il nuovo sistema presidenziale esecutivo a seguito le elezioni del giugno 2018.

In Turchia sono state fornite diverse ragioni per questo cambio di data, inclusa la lentezza economia, le date delle vacanze scolastiche e dell'esame di ammissione all'università, in programma a giugno. Ma anche i sondaggi lo danno per vinto, a causa degli scandali di corruzione e soprattutto dell'inflazione che lo scorso anno ha superato l'85% per poi tornare sopra il 60%.

Con il nuovo sistema, una persona può essere eletta presidente al massimo due volte. Il mandato quinquennale di Erdogan scade nel giugno 2023 e c'era un dibattito in corso sulla possibilità che potesse ricandidarsi con elezioni regolari.

I circoli filogovernativi hanno affermato che non vi è alcun ostacolo legale alla riconferma di Erdogan con il nuovo sistema. Tuttavia, i critici hanno sottolineato che la costituzione turca impone un limite di due mandati al presidente.

Secondo i critici, l'unico modo in cui Erdogan potrebbe candidarsi era se il parlamento decidesse di indire elezioni anticipate con l'approvazione di 360 dei 600 deputati. Tuttavia, il blocco di governo AKP ha attualmente 335 seggi in parlamento, quindi avrà bisogno del sostegno dell'opposizione per fissare una data per le elezioni anticipate.

La coalizione di opposizione a 6 partiti, dopo una riunione di 9 ore il 5 gennaio, era giunta alla conclusione che avrebbe sostenuto le elezioni anticipate.

La Tavola dei Sei è un'alleanza elettorale dei sei partiti di opposizione
Ma l'alleanza di opposizione non ha ancora annunciato il suo candidato comune nonostante un anno di consultazioni interne, né ha annunciato il suo programma. L'annuncio del suo candidato presidenziale è atteso nel corso di febbraio.

Il Partito Democratico Popolare (PDP) filo-curdo, che è il terzo più grande in parlamento, è stato finora escluso dal blocco dell'opposizione e ha detto che potrebbe nominare un proprio candidato.

Hanno vinto gare di sindaco nelle tre città principali della Turchia: Istanbul, Ankara e Izmir. Ora sperano di farlo di nuovo.

Queste elezioni saranno cruciali per il futuro suo e del Paese, anche se è riuscito a posizionarsi sullo scacchiere geopolitico della sua regione e in Europa. La sua mediazione tra Ucraina e Russia, il ricatto dei migranti e il blocco dell'adesione della Svezia alla NATO.

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti