1.8 C
Bruxelles
Martedì, Gennaio 24, 2023

Rapporto globale dell'UNODC sulla tratta di persone: le crisi modificano i modelli di tratta e ostacolano l'identificazione delle vittime

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Vienna (Austria), 24 gennaio 2023 – Meno vittime della tratta di persone vengono identificate anche se la pandemia di COVID-19 e altre crisi stanno aumentando la vulnerabilità allo sfruttamento, secondo l'ultimo Rapporto globale sulla tratta di persone lanciato oggi dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC).

Il numero di vittime rilevate a livello globale è diminuito dell'11% nel 2020 rispetto all'anno precedente, a causa di un minor numero di rilevamenti nei paesi a basso e medio reddito. La pandemia, oltre a ridurre le opportunità di operare dei trafficanti, potrebbe aver indebolito le capacità delle forze dell'ordine di individuare le vittime. 

"Questo ultimo rapporto mostra come la pandemia abbia aumentato le vulnerabilità alla tratta di persone, minando ulteriormente le capacità di salvare le vittime e consegnare i criminali alla giustizia", ​​ha affermato il Direttore esecutivo dell'UNODC Ghada Waly. “Non possiamo permettere che le crisi aggravino lo sfruttamento. Le Nazioni Unite e la comunità dei donatori devono sostenere le autorità nazionali, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, per rispondere alle minacce della tratta e per identificare e proteggere le vittime soprattutto negli stati di emergenza”.

Il settimo Rapporto globale dell'UNODC sulla tratta di persone copre 141 paesi e fornisce una panoramica dei modelli e dei flussi della tratta di persone a livello globale, regionale e nazionale, sulla base dei casi di tratta rilevati tra il 2017 e il 2021. I risultati sono ulteriormente informati dall'analisi di 800 riassunti di casi giudiziari e accompagnati da suggerimenti dettagliati ai responsabili politici per aiutare a formulare risposte efficaci.

Durante la pandemia sono stati rilevati meno casi di tratta a scopo di sfruttamento sessuale poiché gli spazi pubblici erano chiusi e le relative restrizioni potrebbero aver spinto questa forma di tratta in luoghi più nascosti e meno sicuri, rendendo più difficile l'identificazione delle vittime. 

A livello globale, anche il numero di condanne per reati di tratta è diminuito del 27% nel 2020 rispetto all'anno precedente, con diminuzioni più marcate registrate in Asia meridionale (56%), America centrale e Caraibi (54%) e Sud America (46%). per cento) – accelerando una tendenza a più lungo termine registrata dall'UNODC dal 2017.  

L'analisi dei casi giudiziari presentata nel rapporto mostra inoltre che le vittime della tratta, quando vengono identificate, fuggono dai trafficanti di propria iniziativa e sono in effetti "autosalvate" - ci sono più casi di vittime che fuggono e denunciano alle autorità di propria iniziativa ( 41 per cento) rispetto ai casi in cui le vittime sono state localizzate dalle forze dell'ordine (28 per cento), dai membri della comunità e dalla società civile (11 per cento). Ciò è particolarmente allarmante considerando che molte vittime di tratta potrebbero non identificarsi come vittime o potrebbero avere troppa paura dei loro sfruttatori per tentare la fuga.

Il rapporto descrive inoltre in che modo la guerra ei conflitti offrono opportunità da sfruttare per i trafficanti. Mostra che la guerra in Ucraina sta aumentando i rischi di tratta per la popolazione sfollata. La maggior parte delle vittime derivanti dai conflitti ha origine e viene trasferita in paesi dell'Africa e del Medio Oriente.

Suddividendo le statistiche sulla tratta di persone per regione, il rapporto mostra livelli più elevati di impunità nell'Africa subsahariana e nell'Asia meridionale. I paesi di queste regioni condannano meno trafficanti e individuano meno vittime rispetto al resto del mondo. Allo stesso tempo, le vittime di queste regioni sono identificate in una gamma più ampia di paesi di destinazione rispetto alle vittime di altre regioni.

Il Rapporto globale 2022 sulla tratta di persone esamina anche i casi giudiziari che mostrano che le vittime di sesso femminile sono soggette a violenza fisica o estrema da parte dei trafficanti a un tasso tre volte superiore rispetto ai maschi e che i bambini sono soggetti quasi il doppio degli adulti.

Allo stesso tempo, anche le donne indagate per tratta di esseri umani hanno molte più probabilità di essere condannate rispetto agli uomini. Ciò suggerisce che il sistema giudiziario può discriminare le donne e/o che il ruolo delle donne nelle reti di tratta può aumentare la probabilità che vengano condannate per il reato. 

Ulteriori informazioni

Il rapporto globale UNODC sulla tratta di persone è stato pubblicato dal 2009. Incaricato dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite di informare una risposta efficace a questo crimine e collocarlo nel contesto del Agenda delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, la relazione attinge alla più ampia serie di dati esistente sulla tratta di persone, con informazioni sulle oltre 450,000 vittime e sui 300,000 (sospetti) autori di reato rilevati in tutto il mondo tra il 2003 e il 2021.

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti