0.8 C
Bruxelles
Venerdì Dicembre 1, 2023
Diritti umaniYemen: eroi non celebrati si uniscono per una pace duratura

Yemen: eroi non celebrati si uniscono per una pace duratura

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

I colloqui di pace in corso lasciano intravedere la speranza che una soluzione politica al conflitto sia all’orizzonte. 

Tuttavia, via Giornata Internazionale della Pace, che si celebra ogni anno il 21 settembre, i bisogni umanitari restano sconcertanti e i finanziamenti per rispondere sono insufficienti, come di recente evidenziato da quasi 100 aiuti agenzie.

A sei mesi dall’ultima conferenza delle Nazioni Unite per lo Yemen, solo una frazione di ciò che è necessario per soddisfare i bisogni di milioni di persone è stata promessa.

Una famiglia sfollata a Marib, nello Yemen, trasporta un pacchetto di aiuti invernali al proprio rifugio.

Servono soluzioni durevoli

Nonostante una significativa diminuzione dei combattimenti dopo la tregua mediata dalle Nazioni Unite dello scorso anno, oltre 4.3 milioni di persone rimangono sfollate in tutto il Paese. La maggior parte non si sente abbastanza sicura da tornare a casa in tempi brevi e prevede di rimanere nelle aree in cui si è stabilita per il prossimo futuro.

Molti sono dispersi in centinaia di campi sfollati in aree sottosviluppate, principalmente lungo la linea del fronte. Altri si sono rifugiati nelle aree urbane o tra le comunità ospitanti dove i servizi sociali sono più facilmente disponibili, ma la povertà è diffusa.

A lungo termine, secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, è fondamentale trovare soluzioni concrete e durature per le comunità sfollate che si sono stabilite in nuove aree, probabilmente a lungo termine.IOM).

Aggiunge che devono essere effettuati investimenti significativi per consentire loro di continuare questo lavoro salvavita e per promuovere un futuro più sostenibile e una ripresa a lungo termine attraverso la rivitalizzazione dell’agricoltura, dell’istruzione, dei sistemi idrici e di altre infrastrutture.

sistemi idrici e altre infrastrutture.

Un migrante riposa in una clinica nel nord dello Yemen dopo un viaggio lungo ed estenuante.

Un migrante riposa in una clinica nel nord dello Yemen dopo un viaggio lungo ed estenuante.

Crisi della tratta

I migranti rimangono tra i soggetti più vulnerabili agli effetti della crisi. La rotta marittima che i migranti seguono dal Corno d’Africa allo Yemen è la seconda più trafficata al mondo.

Secondo la matrice di monitoraggio degli spostamenti dell’OIM, circa 90,000 migranti – per lo più etiopi – sono arrivati ​​sulle coste dello Yemen nel 2023 finora, nella speranza di raggiungere l’Arabia Saudita.

Decine di migliaia sono rimaste bloccate. Hanno viaggiato troppo lontano e si sono indebitati troppo per tornare indietro, ma sanno che il viaggio che li aspetta è troppo mortale o costoso per continuare, secondo l’OIM, il cui staff ascolta quotidianamente le testimonianze dei migranti sullo sfruttamento da parte dei trafficanti e sui gravi abusi sui migranti. i loro viaggi.

Un giovane migrante si affaccia dopo essere arrivato nello Yemen da Gibuti.

Un giovane migrante si affaccia dopo essere arrivato nello Yemen da Gibuti.

Schiavitù, tortura, estorsione

Ai migranti vengono spesso promessi buoni posti di lavoro e condizioni di vita dignitose e non prevedono le sfide che dovranno affrontare. Invece, secondo l’OIM, migliaia di migranti vengono venduti come schiavi sessuali, torturati in video mentre le loro famiglie subiscono estorsioni, o costretti a lavorare per mesi senza retribuzione nelle aziende agricole.

La situazione è diventata una crisi di tratta di proporzioni straordinarie, ha avvertito l'agenzia delle Nazioni Unite. Molti hanno anche difficoltà ad accedere ai servizi pubblici essenziali, come l’assistenza sanitaria, l’alloggio, le strutture igienico-sanitarie e il cibo, oltre a subire stigmatizzazione e discriminazione.

Gli operatori umanitari mobilitati lungo la rotta migratoria del corridoio orientale si stanno adoperando per garantire che l’assistenza sia disponibile per le persone in movimento e che coloro che desiderano tornare a casa possano farlo in sicurezza e volontariamente. Ma la domanda di questi servizi continua a superare le risorse disponibili per rispondere a tutti i migranti bisognosi.

Devono essere compiuti sforzi più significativi da parte dei leader mondiali per ripristinare i diritti e porre fine alla violenza nei confronti delle persone in movimento nello Yemen, indipendentemente dal loro background o dallo status migratorio, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite.

L’OIM fornisce servizi ai pazienti in un centro sanitario sulla costa occidentale dello Yemen.

L’OIM fornisce servizi ai pazienti in un centro sanitario sulla costa occidentale dello Yemen.

Gli yemeniti accolgono i nuovi arrivati

Di fronte a queste dure realtà, sono i membri della comunità yemenita che spesso fanno di tutto per aiutare i nuovi arrivati. Migliaia di yemeniti lavorano per agenzie umanitarie in aree pericolose. Alcuni si sono allontanati dalle loro case per dare una mano alle comunità bisognose in tutto il Paese.

Le comunità ospitanti, ancora scosse da anni di guerra, si sono fatte avanti per sostenere e accogliere coloro che ne hanno un disperato bisogno.

I medici yemeniti prestano soccorso alle persone che soffrono di malattie durante i loro viaggi, gli ingegneri costruiscono estese reti idriche in terre aride, i leader delle comunità aiutano a mitigare i conflitti per le risorse in diminuzione e gli insegnanti diffondono la conoscenza ai bambini la cui istruzione è stata compromessa dalla guerra.

La realizzazione del Sviluppo Sostenibile Obiettivi (SDG) dipende dal sostegno a questi eroi non celebrati affinché diano un contributo concreto allo sviluppo e alla pace nei paesi in crisi.

Fonte

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -