5.7 C
Bruxelles
Domenica, Febbraio 25, 2024
Diritti umaniAfghanistan: i diritti umani sono al collasso, avverte Türk

Afghanistan: i diritti umani sono al collasso, avverte Türk

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

“I diritti umani in Afghanistan sono al collasso”, ha detto al Consiglio per i diritti umani, prima di lanciare l'allarme sulle continue notizie di esecuzioni extragiudiziali, torture e maltrattamenti, arresti e detenzioni arbitrari, nonché gravi violazioni contro ex funzionari governativi, come documentato in un nuovo ufficio per i diritti umani (OHCHRrapporto.

“A tutto ciò si aggiunge la preoccupante mancanza di responsabilità da parte degli autori di violazioni dei diritti umani”, ha affermato.

Le donne si sono cancellate

Evidenziando il “precedente devastante” stabilito dall’Afghanistan come l’unico paese al mondo in cui alle donne e alle ragazze viene negato l’accesso all’istruzione secondaria e superiore. Türk ha sottolineato la “lunga lista di restrizioni misogine” che confinano le donne del paese “tra le quattro mura delle loro case”, prima di chiedersi: “Cosa potrà mai succedere dopo?”

L’Alto Commissario ha insistito sul fatto che qualsiasi prospettiva di un Afghanistan stabile e prospero si basa sulla partecipazione di uomini e donne.

“Negare alle donne e alle ragazze il diritto di partecipare alla vita quotidiana e pubblica non solo nega loro i diritti umani, ma nega all'Afghanistan il beneficio dei contributi che hanno da offrire”, ha affermato.

Costituzione in sospeso

Türk ha affermato che la sospensione della costituzione afghana e delle leggi che proteggono le donne dalla violenza o che garantiscono la libertà dei media, così come lo scioglimento della Commissione indipendente per i diritti umani del paese, sono elementi della “sistematica erosione delle istituzioni che un tempo fornivano alcune tutela dei diritti umani”. 

L’Alto Commissario ha invitato le autorità de facto a “cambiare rotta” e riportare l’Afghanistan all’ovile internazionale nel pieno rispetto dei suoi obblighi internazionali in materia di diritti umani.

Ha insistito affinché la Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) continuerà a monitorare e riferire sulla situazione, nonché a "sollevare casi individuali e sollecitare il rispetto del diritto internazionale da parte delle autorità di fatto" nella misura più ampia possibile.

Il signor Türk ha reso omaggio al lavoro svolto sul campo dai suoi colleghi impegnati nel campo dei diritti umani, in particolare dal personale femminile afghano.

Ha inoltre esortato la comunità internazionale a non “voltare le spalle all’Afghanistan” in un momento in cui i diritti vengono erosi e due terzi della popolazione necessitano di aiuti, mentre le operazioni umanitarie sono ostacolate dal divieto alle donne di lavorare per l’ONU. e ONG.

"Sentirsi traditi"

I commenti del signor Türk sono arrivati ​​il ​​giorno dopo Relatore speciale sull'Afghanistan, Richard Bennett, ha fornito un cupo aggiornamento al Consiglio.

Molti afghani che vivono all'estero “dicono di sentirsi 'traditi' dalla comunità internazionale”, ha spiegato il Relatore Speciale. Chiedono azioni concrete e alcuni hanno addirittura iniziato uno sciopero della fame “per chiedere il riconoscimento dell’apartheid di genere”.

A giugno, il signor Bennett aveva disse che, poiché la discriminazione sistematica e istituzionalizzata contro donne e ragazze era al centro dell'ideologia e del governo talebano, le autorità de facto dell'Afghanistan “potrebbero essere responsabili dell'apartheid di genere” che, sebbene “non sia ancora un esplicito crimine internazionale”, richiedeva “ulteriori studi”.

Repressione delle minoranze

Lunedì Bennett ha inoltre informato il Consiglio sul “collasso dello spazio civico” e sull’“assenza di stato di diritto” dopo la presa del potere da parte dei talebani, sugli impatti a lungo termine sullo sviluppo e sulla salute mentale dei bambini, sulla repressione e sulla mancanza di rappresentanza dei minoranze come tagiki, hazara, uzbeki e turkmeni.

"Sono preoccupato per l'effetto che il forte senso di discriminazione ed esclusione di ampie fasce della popolazione potrebbe avere sulla stabilità dell'Afghanistan", ha affermato.

I Relatori Speciali non fanno parte del personale delle Nazioni Unite e sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione. Prestano servizio a titolo individuale e non ricevono alcun salario per il loro lavoro.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -