9.4 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 21, 2024
Salute e benessere L’OHCHR e l’OMS hanno lanciato linee guida per porre fine ai maltrattamenti nei servizi di salute mentale

L’OHCHR e l’OMS hanno lanciato linee guida per porre fine ai maltrattamenti nei servizi di salute mentale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

In previsione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Ufficio dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani (OHCHR) hanno presentato oggi congiuntamente una guida intitolata “Guida e pratica per la salute mentale, i diritti umani e la legislazione.” L’obiettivo è sostenere i paesi in riformare le loro leggi per eliminare le violazioni dei diritti umani e migliorare l’accesso a cure di salute mentale di qualità.

Violazioni dei diritti umani e pratiche coercitive in psichiatria

Casi di abusi dei diritti umani e pratiche coercitive nel campo dell’assistenza sanitaria persistono in tutto il mondo, spesso supportati dalle leggi e dalle politiche esistenti. Questi includono il ricovero in ospedale e trattamento delle condizioni di vita al di sotto degli standard, oltre che fisico, maltrattamenti psicologici ed emotivi prevalenti in numerosi servizi di salute mentale.

Sebbene diversi paesi abbiano compiuto sforzi per rivedere le proprie leggi, politiche e servizi dall’adozione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità nel 2006, solo un numero limitato ha adottato misure per modificare la legislazione pertinente su scala significativa. Ciò è necessario per porre fine a questi abusi e promuovere i diritti nell’ambito dell’assistenza sanitaria mentale.

Il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, sottolinea che “La salute mentale è una componente inseparabile dal diritto alla salute. "

Sostiene anche questo guida aggiornata consentirà ai paesi di apportare cambiamenti al fine di fornire assistenza sanitaria mentale di alta qualità che promuova il recupero degli individui e ne rispetti la dignità. Ciò consente alle persone con patologie e disabilità psicosociali di condurre una vita appagante e sana all’interno delle loro comunità.

Volker Turco, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani sottolinea l'importanza di trasformare i servizi di salute mentale non solo in termini di portata ma anche nei loro valori fondamentali, garantendo che siano veramente in linea con i bisogni e la dignità di ogni persona. Afferma che questa pubblicazione offre una guida su come un approccio basato sui diritti può facilitare la trasformazione necessaria all’interno dei sistemi sanitari.

Incoraggiare un'assistenza sanitaria mentale efficace basata nelle comunità

La maggior parte della spesa pubblica per la salute mentale è destinata agli ospedali psichiatrici, in particolare nei paesi ad alto reddito che rappresentano il 43% del bilancio. Tuttavia, l’evidenza dimostra che i servizi di assistenza basati sulla comunità non sono solo più accessibili ma anche più convenienti ed efficienti rispetto ai modelli istituzionali di assistenza per la salute mentale.

La guida delinea le fasi per accelerare il processo di deistituzionalizzazione e stabilire un approccio alla cura della salute mentale orientato alla comunità e basato sui principi dei diritti umani. Ciò include l’attuazione di una legislazione che sostituisca gradualmente le istituzioni con sistemi di sostegno comunitario inclusivi e servizi tradizionali, come il sostegno al reddito, l’assistenza abitativa e le reti di sostegno tra pari.

Porre fine alle pratiche abusive

Secondo i partecipanti all'evento di lancio e tutti coloro che hanno preso parte alle linee guida, è fondamentale porre fine a questa situazione pratiche coercitive in materia di salute mentale. Queste pratiche, come la detenzione e il trattamento forzato, l’isolamento e le restrizioni, violano il diritto degli individui a prendere decisioni informate sulle proprie opzioni sanitarie e terapeutiche.

Inoltre, ci sono prove crescenti che mostrano gli effetti di queste pratiche coercitive sul benessere sia fisico che mentale. Peggiorano le condizioni esistenti e isolare gli individui dalle loro reti di supporto.

La guida suggerisce di incorporare disposizioni che eliminino la coercizione nei servizi di salute mentale. Sottolinea l’importanza di stabilire il consenso informato come pietra angolare di tutti gli interventi di salute mentale. Inoltre, fornisce raccomandazioni su come gestire i casi all’interno dei quadri giuridici e delle politiche senza ricorrere a misure coercitive.

Adozione di un approccio basato sui diritti alla salute mentale

Riconoscendo che la promozione della salute si estende oltre il semplice settore sanitario, questa nuova guida è rivolta ai legislatori e ai politici coinvolti nella stesura, modifica e attuazione delle leggi relative alla salute mentale. Ciò include la legislazione che affronta questioni come la povertà, la disuguaglianza e la discriminazione.

La guida include anche una lista di controllo per i paesi per valutare se la loro legislazione relativa alla salute è in linea con gli obblighi internazionali in materia di diritti umani. Inoltre, sottolinea l’importanza di chiedere consiglio a persone che hanno esperienze e alle organizzazioni che le rappresentano come parte essenziale di questo processo. Sottolinea inoltre l’importanza dell’istruzione e della sensibilizzazione sulle questioni legate ai diritti.

Sebbene la guida suggerisca una serie di principi e disposizioni che possono fungere da quadro normativo, riconosce che i paesi hanno la flessibilità di adattarli e adattarli alle loro circostanze particolari. Ciò include la considerazione di fattori quali il contesto, le lingue, le sensibilità culturali, i sistemi giuridici e altro ancora, il tutto rispettando gli standard dei diritti umani.

Il 10 ottobre l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si è unita alle comunità per celebrare la Giornata Mondiale della Salute Mentale 2023 con il tema “La salute mentale è un diritto fondamentale, per tutti”.


Ampio e importante elenco di ringraziamenti

Lo sviluppo e il coordinamento di questa guida sono stati guidati da Michelle Funk e Natalie Drew Bold sotto la supervisione generale di Dévora Kestel del Dipartimento di salute mentale e uso di sostanze dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) insieme alla Sezione per i diritti economici, sociali e culturali. dell’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR). Gruppo di redattori Questa pubblicazione è stata scritta congiuntamente dall'OMS e dall'OHCHR. A nome dell'OMS Alberto Vásquez Encalada (Consulente, Svizzera), Michelle Funk (Dipartimento di salute mentale e uso di sostanze, OMS) e Natalie Drew Bold (Dipartimento di salute mentale e uso di sostanze, OMS). A nome dei membri del personale dell'OHCHR della Sezione per i diritti economici, sociali e culturali. WHO and OHCHR would like to thank the following individuals and organizations for their valuable contributions, feedback and inputs: External contributors and reviewers Natalie Abrokwa (University of Groningen, Kingdom of the Netherlands), Nazish Arman (Shuchona Foundation, Bangladesh), Peter Bartlett (Centre for Mental Health and Human Rights, Institute of Mental Health, Nottingham University/WHO Collaborating Centre on Mental Health, Disability and Human Rights, United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland), Shreya Bhardwaj (Charles University, Czech Republic), Valerie Bichelmeier (Make Mothers Matter, France), Joann Bond (Attorney General’s Chambers and the Ministry of Legal Affairs, Guyana), Mauro Giovanni Carta (University of Cagliari, Italy), Francesca Centola (Mental Health Europe, Belgium), Pyali Chatterjee (ICFAI University, India), Dixon Chibanda, (Friendship Bench and University of Zimbabwe, Zimbabwe), María Soledad Cisternas (former Special Envoy of the United Nations Secretary-General on Disability and Accessibility, Chile), Lee Allison Clark (Native Women’s Association of Canada, Canada), Jarrod Clyne (International Disability Alliance, Switzerland), Ria Mohammed-Davidson (Attorney at Law, Human Rights and Mental Health, Trinidad and Tobago), Maria de Lourdes Beldi de Alcântara (Universidade de São Paulo, Brazil), Eric Diaz Mella (Centro de Reorganimación Regional y Observatorio Social, Chile), Robert Dinerstein (American University Washington College of Law, the United States of America), Zuzana Durajová (Charles University, Czech Republic), Julian Eaton (CBM Global, the United Kingdom), Elisabetta Pascolo Fabrici (Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina (ASUGI)/WHO Collaborating Centre for Research and Training in Mental Health, Italy), Alexandra Finch (Georgetown University, the United States), Leon Garcia (Centro and Hospital das Clínicas, Brazil), Neeraj Gill (Griffith University, Australia), Guilherme Gonçalves Duarte (Permanent Mission of Portugal in Geneva, Ministry of Foreign Affairs, Portugal), Piers Gooding (La Trobe Law School, Australia), Lawrence Gostin (O’Neill Institute for National and Global Health Law at Georgetown University Law Center, Georgetown University/WHO Collaborating Center for National and Global Health Law, the United States), Kristijan Grđan (Association for Psychological Support Croatia, Croatia, and Mental Health Europe, Belgium), Vivian Hemmelder (Mental Health Europe, Belgium), Edgar Hilario (Department of Health, Philippines), Torsten Hjelmar (Citizens Commission on Human Rights Europe, Denmark), Mushegh Hovsepyan (Disability Rights Agenda, Armenia), Dr Irmansyah (The National Research and Innovation Agency, Indonesia), Simon Njuguna Kahonge (Ministry of Health, Kenya), Olga Kalina (Georgian Network of (Ex)Users and Survivors of Psychiatry, Georgia, and the European Network of (Ex)Users and Survivors of Psychiatry (ENUSP), Denmark), Elizabeth Kamundia (Kenya National Commission on Human Rights, Kenya), Sylvester Katontoka (Mental Health Users Network of Zambia, Zambia), Brendan Kelly (Trinity College Dublin, Ireland), Hansuk Kim (Ministry of Health and Welfare, Republic of Korea), Seongsu Kim (Dawon Mental Health Clinic, Republic of Korea), Bernard Kuria (Ministry of Health, Kenya), Karilė Levickaitė (NGO Mental Health Perspectives, Lithuania, and Mental Health Europe, Belgium), Carlos Augusto de Mendonça Lima (World Psychiatric Association Section of Old Age Psychiatry, Switzerland), Laura Marchetti (Mental Health Europe, Belgium), Claudia Marinetti (Mental Health Europe, Belgium), Nemache Mawere (Ingutsheni Central Hospital, Zimbabwe), Felicia Mburu (Article 48 Initiative, Kenya), Roberto Mezzina (International Mental Health Collaborating Network and World Federation for Mental Health, Italy), Kendra Milne (Health Justice, Canada), Angelica Chiketa Mkorongo (Zimbabwe Obsessive Compulsive Disorder Trust, Zimbabwe), Guadalupe Morales Cano (Fundación Mundo Bipolar and European Network of (Ex)Users and Survivors of Psychiatry, Spain), Fabian Musoro (Ministry of Health, Zimbabwe), Macharia Njoroge (Championing for Community Inclusion in Kenya, Kenya), Nasri Omar (Ministry of Health, Kenya), Cheluchi Onyemelukwe-Onuobia (Babcock University, Nigeria), Hazel Othello (Ministry of Health, Trinidad and Tobago), Gemma Parojinog (Commission on Human Rights, Philippines), Soumitra Pathare (Indian Law Society, India), Eduardo Pinto da Silva (Ministry of Foreign Affairs, Portugal), Gerard Quinn (UN Special Rapporteur on the Rights of Persons with Disabilities, Ireland), Carlos Rios-Espinosa (Human Rights Watch, the United States), Gabriele Rocca (World Association for Psychosocial Rehabilitation and WAPR Human Rights Committee, Italy), Jean-Luc Roelandt (Service de recherche et de formation en santé mentale, Etablissement Public de Santé Mentale (EPSM) Lille Métropole/Centre collaborateur de l’OMS pour la Recherche et la Formation en Santé mentale, France), Marta Rondon (Instituto Nacional Materno Perinatal, Peru), Artur Sakunts (Helsinki Citizens’ Assembly – HCA Vanadzor, Armenia), San San Oo (Aung Clinic Mental Health Initiative, Myanmar), Liuska Sanna (Mental Health Europe, Belgium), Josep Maria Solé Chavero (Support-Girona Catalonia, Spain), Slađana Štrkalj Ivezić (University Psychiatric Hospital Vrapče, Croatia), Charlene Sunkel (Global Mental Health Peer Network, South Africa), Kate Swaffer (Dementia Alliance International, Australia), Bliss Christian Takyi (St.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -