6.6 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 28, 2024
AsiaPersecuzione incessante delle donne baha’i in Iran

Persecuzione incessante delle donne baha’i in Iran

Un appello alla solidarietà e all’azione globale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

Un appello alla solidarietà e all’azione globale

Donne Baha'i / La persecuzione della comunità Baha'i in Iran nei confronti delle donne è in rapido aumento. Questo articolo esplora i casi di arresti, incarcerazioni e violazioni dei diritti umani imposti alla comunità baha'i. Mette in luce la forza e l’unità mostrate da questo gruppo emarginato.

Nel corso dell'anno il governo iraniano ha intensificato in modo significativo i propri sforzi per sopprimere la comunità baha'i. Decine di baha'i sono stati ingiustamente arrestati, processati, convocati per iniziare pene detentive o interdetti dall'accesso all'istruzione superiore o dal guadagnarsi da vivere. La Baha'i International Community riferisce che ben 180 baha'i sono stati presi di mira, compreso un uomo di 90 anni, Jamaloddin Khanjani, che è stato detenuto e interrogato per due settimane.

Di fronte a tali avversità, il Comunità bahá'í ha risposto con una potente campagna, #OurStoryIsOne, sottolineando la loro lotta condivisa per l’uguaglianza e la libertà. La campagna è una testimonianza della loro resilienza e unità, dimostrando che i tentativi del governo iraniano di seminare divisione tra i baha'i sono stati inutili.

Il rappresentante della Comunità Internazionale Baha'i presso le Nazioni Unite a Ginevra, Simin Fahandej, ha criticato le azioni del governo iraniano. Afferma: “Aumentando la persecuzione contro le donne baha’i in Iran, il governo iraniano sta dimostrando ulteriormente che tutti gli iraniani stanno affrontando la stessa lotta per l’uguaglianza e la libertà”.

Le Campagna #OurStoryIsOne è un faro di speranza in mezzo all’implacabile oppressione. Sottolinea l'unità della comunità baha'i e la loro visione condivisa di costruire un nuovo Iran dove tutti, indipendentemente dalla fede, dal background e dal sesso, vivono e prosperano.

Nonostante l' persecuzione da parte del governo iraniano, la comunità baha'i mostra un'immensa determinazione. La loro resilienza di fronte all’oppressione è una potente testimonianza della loro innocenza e del loro incrollabile impegno per l’uguaglianza e la libertà.

La comunità globale non può rimanere in silenzio di fronte alle violazioni dei diritti umani. È imperativo ritenere il governo responsabile delle sue azioni e restare unito alla comunità bahá'í.

La narrativa della comunità baha'i in Iran esemplifica la resilienza, l'unità e una ricerca incrollabile dell'uguaglianza e della libertà. Serve a ricordare che la lotta per i diritti umani è lungi dall’enfatizzare eccessivamente il fatto che la solidarietà è ora più critica che mai.

Ulteriori informazioni fornite dal BIC sul 36 ultimi casi di persecuzione dei baha'i in Iran

  • Le 10 donne arrestate dagli agenti del Ministero dell'Intelligence a Isfahan sono Neda Badakhsh, Arezou Sobhanian, Yeganeh Rouhbakhsh, Mojgan Shahrezaie, Parastou Hakim, Yeganeh Agahi, Bahareh Lotfi, Shana Shoghifar, Negin Khademi e Neda Emadi, e le hanno portate in un posizione sconosciuta.
  • Anche la signora Shokoufeh Basiri, il signor Ahmad Naimi e il signor Iman Rashidi sono stati arrestati e si trovano nel centro di detenzione del dipartimento di intelligence di Yazd.
  • La signora Nasim Sabeti, la signora Azita Foroughi, la signora Roya Ghane Ezzabadi e la signora Soheila Ahmadi, residenti a Mashhad, sono state condannate ciascuna a tre anni e otto mesi di prigione dal Tribunale rivoluzionario di questa città.
  • La signora Noushin Mesbah, residente a Mashhad, è stata condannata a tre anni e otto mesi di carcere.
  • La condanna a quattro anni, un mese e diciassette giorni di reclusione e privazione sociale nei confronti della signora Sousan Badavam è stata confermata dalla corte d'appello della provincia di Gilan.
  • Il signor Hasan Salehi, il signor Vahid Dana e il signor Saied Abedi sono stati condannati ciascuno a sei anni, un mese e diciassette giorni di reclusione sotto controllo del sistema elettronico, multa ed esclusioni sociali dalla prima sezione del tribunale rivoluzionario di Shiraz.
  • Il signor Arsalan Yazdani, la signora Saiedeh Khozouei, il signor Iraj Shakour, il signor Pedram Abhar sono stati condannati a 6 anni ciascuno, e la signora Samira Ebrahimi e la signora Saba Sefidi sono state condannate ciascuna a 4 anni e 5 mesi di prigione.
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -