3.1 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 28, 2024
AsiaTragica esplosione di una bomba alla riunione dei Testimoni di Geova in India

Tragica esplosione di una bomba alla riunione dei Testimoni di Geova in India

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

Un evento profondamente inquietante che ha sconvolto la comunità religiosa mondiale è l'esplosione di una bomba durante un raduno dei Testimoni di Geova a Kalamassery, vicino alla città portuale di Kochi, in India. Questo tragico incidente ha provocato la straziante perdita di tre vite umane e numerosi feriti.

Credo che sia necessario esaminare l’incidente in dettaglio, le sue implicazioni e far luce sulle più ampie tensioni interreligiose prevalenti nella regione, compresa la sua relazione con le responsabilità delle agenzie statali in tutto il mondo, non solo in India ma in Europa.

L'attacco in India contro i Testimoni di Geova

La persona responsabile di questo atto orrendo si è identificata come un ex membro della chiesa che ora sostiene un'opposizione radicalizzata nei loro confronti (come il sanguinoso attentato avvenuto in Germania nel marzo di quest’anno). Dopo la sospetta esplosione della bomba, si è arreso volontariamente alla polizia.

Quella domenica sfortunata, più di 2,000 persone erano presenti al Centro Congressi Internazionale di Zamra per un'adunanza di tre giorni dei Testimoni di Geova quando un'esplosione squarciò improvvisamente la folla. IL Direttore generale della polizia del Kerala, Darvesh Saheb, ha confermato che si è trattato di un'esplosione di IED (ordigno esplosivo improvvisato). Inizialmente costò due vite all'istante, questo tragico incidente in seguito costò un'altra vita. Quella di una ragazzina di 12 anni, a causa delle ferite provocate dall'assassino.

Il sospettato, conosciuto come Dominic Martin, ha pubblicato un videomessaggio sui social media assumendosi la responsabilità delle sue azioni prima di consegnarsi alle autorità.

Questa rivelazione ha provocato un'ondata di indagini da parte della polizia, come riportato da The Times of India, che sta indagando sulle sue affermazioni e sulle ragioni ingiustificabili dietro le sue azioni.

L'incidente ha attirato molta attenzione perché è avvenuto all'interno di una comunità che rappresenta solo una piccola parte della composizione religiosa dell'India. Secondo l'ultimo censimento del 2011, i cristiani costituiscono circa il 2% della popolazione indiana di 1.4 miliardi di persone. I Testimoni di Geova, un movimento evangelico cristiano americano noto per i suoi sforzi di evangelizzazione porta a porta, hanno circa 60,000 membri in India, in base alle informazioni fornite dal sito web della loro chiesa.

Attaccare gruppi pacifici

Questo incidente è particolarmente inquietante considerati i principi pacifici e non violenti sostenuti dai Testimoni di Geova, che sono anche politicamente neutrali. Hanno affrontato persecuzioni e restrizioni in vari paesi e sono stati tra coloro che hanno sofferto anche a causa dei nazisti durante l'Olocausto.

L’esplosione della bomba contribuisce ulteriormente alle tensioni tra le diverse comunità all’interno di questo prospero stato del sud, che ospita più di 31 milioni di persone. Secondo i dati del censimento, i musulmani costituiscono circa il 26% della popolazione. Saheb ha esortato il pubblico a mantenere la pace ed evitare di condividere contenuti provocatori sulle piattaforme dei social media.

Alcuni media affermano che vale la pena ricordare che il giorno prima dell'esplosione, si è verificato un evento non correlato in cui Khaled Mashal, ex leader di Hamas, ha parlato a una manifestazione filo-palestinese a Malappuram, Kerala, a circa 115 km a nord del luogo dell'esplosione. Sebbene non ci siano prove che colleghino questi due eventi, alcuni post sui social media hanno suggerito collegamenti, il che non ha fatto altro che aumentare le tensioni.

Il discorso di Mashal è stato organizzato da un gruppo di solidarietà giovanile associato al partito islamico Jamaat e Islami Hind in Kerala, una mossa che ha attirato critiche da parte del partito al governo Bharatiya Janata, che è nazionalista indù.

La sezione tragico incidente evidenzia l’urgente necessità di dialogo e comprensione interreligiosi all’interno del nostro panorama socioreligioso diverso e complesso. Mentre le indagini continuano, è essenziale tenere a mente sia le vittime che le loro famiglie e sottolineare la pace e l'unità in questi tempi difficili, ma senza dimenticare di chiedersi quale sia la responsabilità dei governi quando discriminano le minoranze religiose e dei media mainstream quando propagano la ha menzionato la discriminazione e la calunnia contro i movimenti religiosi come un modo quasi “politicamente corretto” di parlarne.

I pericoli dell’odio sanzionato dallo Stato

La recente esplosione di una bomba durante una riunione dei Testimoni di Geova a Kalamassery, in India, serve a ricordare le terribili conseguenze dell'intolleranza religiosa. Sottolinea i potenziali pericoli quando l’odio, palese o sottile, viene propagato o condonato dalle agenzie statali (e aumentato dai media) contro le minoranze religiose.

Le minoranze religiose, come i Testimoni di Geova in India e in Europa, i musulmani Ahmadiyya, i baha'i, i membri di Scientology e altri, spesso si trovano a subire pregiudizi sociali, che possono essere esacerbati (se non prodotti) dall’ostilità sanzionata dallo stato. E questo accade non solo in India, Pakistan, Bangladesh, Cina e Russia, ma anche tra gli onnipotenti difensori dei diritti umani come Germania, Francia, Ungheria e altri. Lo so, è incredibile che si possano mettere paesi come la Germania e la Francia al livello della Russia o della Cina, ma purtroppo ci sono delle somiglianze.

Tornando al caso attuale, i Testimoni di Geova, un movimento cristiano evangelico, hanno dovuto affrontare persecuzioni e restrizioni a livello globale, nonostante la loro posizione pacifica e politicamente neutrale. Il recente incidente in India, che ha coinvolto un ex membro della chiesa, ha messo in luce la questione dell'intolleranza religiosa e il ruolo svolto dagli Stati e dalle organizzazioni antireligiose nella radicalizzazione degli ex membri di gruppi.

In molte società le agenzie statali hanno un impatto significativo sulla formazione dell’opinione pubblica. Quando queste agenzie promuovono o tollerano pregiudizi contro le minoranze religiose, contribuiscono indirettamente a creare un ambiente di ostilità e intolleranza. Questo tipo di atmosfera ha il potenziale per radicalizzare gli individui, spingendoli verso atti violenti e terroristici.

Uno sguardo più da vicino al ruolo degli enti statali nella propagazione dell’intolleranza religiosa

L’idea che l’odio provocato dallo Stato possa essere un catalizzatore di atti terroristici è supportata da numerosi studi e rapporti. Queste fonti hanno evidenziato la correlazione tra la discriminazione sponsorizzata dallo Stato e l’aumento dei crimini d’odio e degli atti di terrorismo. Ad esempio, organizzazioni come Human Rights Watch hanno ripetutamente attirato l’attenzione su casi in cui le politiche e la retorica statale hanno favorito un ambiente favorevole ai crimini d’odio. Lo stesso è stato dimostrato da numerosi rapporti e analisi di Human Rights Without Frontiers e anche la rivista specializzata BitterWinter.

In paesi come l’India, che presentano un panorama socio-religioso diversificato, il ruolo delle agenzie statali diventa ancora più cruciale. La promozione dell’odio o del pregiudizio contro qualsiasi gruppo religioso ha il potenziale di sconvolgere il delicato equilibrio dell’armonia religiosa.

Il recente tragico incidente di Kalamassery serve a ricordare che l’odio e l’intolleranza incontrollati possono degenerare in violenza. Sottolinea la responsabilità globale delle agenzie statali di usare la propria influenza in modo responsabile promuovendo l’unità e la comprensione invece della divisione e dell’ostilità.

Le agenzie statali hanno un ruolo cruciale che va oltre il semplice mantenimento della legge e dell’ordine. Dovrebbero concentrarsi attivamente sulla promozione della tolleranza e del rispetto religioso. Per raggiungere questo obiettivo è necessario attuare politiche, come quelle evidenziate nell’ultimo rapporto del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di religione o di credo, che incoraggino il dialogo interreligioso, programmi educativi che favoriscano la comprensione e l’accettazione delle varie fedi e leggi severe contro l’incitamento all’odio e i crimini.

Per concludere, l’idea che l’odio sancito dallo stato possa portare ad atti di terrore ha un peso significativo. Si tratta di un appello rivolto alle agenzie statali di tutto il mondo a riflettere sulla loro influenza nel plasmare le prospettive sociali nei confronti delle minoranze religiose. Solo promuovendo attivamente la tolleranza e il rispetto per tutte le religioni potremo sperare di prevenire tali tragici incidenti in futuro.

Riferimenti:

1. “L'esplosione di una bomba alla riunione dei Testimoni di Geova in India uccide 3 persone e ne ferisce dozzine” – The Times of India

2. “Il sospettato dell'esplosione di una bomba dei Testimoni di Geova si arrende alla polizia” – Press Trust of India

3. “Testimoni di Geova in India” – Sito ufficiale della Chiesa

4. “Tensioni intercomunali nello stato meridionale dell'India” – Dati del censimento

5. “L’ex leader di Hamas si rivolge a una manifestazione filo-palestinese” – Dichiarazione ufficiale del partito Bharatiya Janata.

6. “L’odio sanzionato dallo Stato e l’aumento degli atti terroristici” – Human Rights Watch

7. “L’intolleranza religiosa e il suo impatto sulla società” – Rapporti delle Nazioni Unite

8. “Il ruolo delle agenzie statali nella promozione dell'armonia religiosa” – International Journal of Religious Freedom.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -