8.5 C
Bruxelles
Venerdì, Marzo 1, 2024
Scelta dell'editoreL'impegno NY 75 promuove il recupero del significato originale della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

L'impegno NY 75 promuove il recupero del significato originale della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

È nel quadro del Quinto Vertice Transatlantico che la vita, la famiglia e le libertà vengono messe in risalto nel quadro del diritto alla vita, la famiglia e le libertà nel quadro del diritto alla vita.

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

È nel quadro del Quinto Vertice Transatlantico che la vita, la famiglia e le libertà vengono messe in risalto nel quadro del diritto alla vita, la famiglia e le libertà nel quadro del diritto alla vita.

Presso la sede delle Nazioni Unite (ONU) è emerso un impegno per salvare il significato originale della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (UDHR), sostenuto da oltre 200 leader politici e civici provenienti da 40 paesi che hanno partecipato al 5° vertice transatlantico. È l’Impegno di New York che celebra il 75° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Proteggere la vita e il background religioso

In questo, i presenti hanno deciso di lavorare per creare ambienti favorevoli alla formazione e alla stabilità della famiglia; proteggere i bambini, sia prima che dopo la nascita; e di rispettare la libertà dei genitori e dei tutori legali di provvedere all'educazione religiosa e morale dei propri figli secondo le proprie convinzioni. Si sono inoltre impegnati a promuovere il rispetto per i diversi valori religiosi ed etici, i background culturali e le convinzioni filosofiche dei popoli del mondo.

“Siamo qui per attualizzare, nel suo senso originario, quell'accordo del 1948, dobbiamo restituire alla persona umana e, da lì, garantire i suoi diritti fondamentali. È proprio qui, alle Nazioni Unite, che la nostra voce deve farsi sentire. Rivendichiamo i principi fondamentali che hanno ispirato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che sono principi senza tempo e trascendenti”, ha affermato Josè Antonio Kast, presidente della Rete Politica per i Valori, ente organizzatore dell'evento.

L’Impegno 75 di New York per i Diritti Umani Universali dà visibilità ad un ampio consenso che esiste in tutti i continenti sulla necessità di affermare la dignità della persona e i valori fondamentali, in particolare la vita, la famiglia e le libertà.

“Siamo in tanti a pensarla così e siamo molto attivi in ​​ambito sociale, politico e culturale, e crediamo che ci sia sempre spazio per il dialogo. È nostro dovere ricordare a coloro che dimenticano o vogliono distorcere il significato originale della Dichiarazione”, ha affermato.

Analogamente, Santiago Santurio, deputato nazionale argentino, ha dichiarato: “Non può essere che oggi il luogo più pericoloso del mondo sia il grembo materno, dove la vita umana è più a rischio. È lì che dobbiamo difenderlo con più forza, con più convinzione. E che lo Stato deve tutelare. E che le famiglie debbano promuoverlo. Allo stesso modo in cui dobbiamo proteggere le famiglie dagli abusi degli Stati e dei governi, allo stesso modo in cui dobbiamo proteggere gli Stati dagli abusi delle organizzazioni internazionali. C’è un caso specifico qui, il caso Beatriz del Salvador, in cui corriamo il rischio che alcuni costaricani vogliano legiferare sull’aborto per tutte le Americhe. Ciò è molto grave per la difesa dei diritti umani e della sovranità degli Stati. Il caso Beatriz deve essere un esempio della necessità di difendere i diritti umani negli organismi internazionali e di non abusare di questi organismi per infliggere la volontà degli Stati e dei Parlamenti.

Ito Bisonó, Ministro dell'Industria e del Commercio della Repubblica Dominicana, ha sottolineato che non è mai stato così opportuno riaffermare i principi che hanno dato origine alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani di fronte alle minacce che oggi subiscono la vita, la libertà e la dignità delle persone. .

Samuele Giorgio, deputato del Ghana, ha sottolineato che la Magna Carta dell'ONU sancisce il diritto alla vita, la tutela che dovrebbe essere data alla famiglia fondata sul matrimonio di un uomo e una donna, la tutela della maternità e dell'infanzia, il diritto preferenziale genitori di scegliere l’educazione dei propri figli, la libertà di pensiero, di coscienza, di religione, di opinione e di espressione, motivo per cui è incomprensibile che le organizzazioni internazionali li violino.

Margherita della Pisa, membro del Parlamento europeo, ha sottolineato che questi diritti, lungi dall'essere regressivi, sono la base del vero sviluppo umano. “Difendere la vita, ad esempio, significa un impegno politico per la prosperità”, ha affermato.

Nella stessa vena, Hafid El-Hachimi, funzionario della Commissione Permanente Indipendente per i Diritti Umani dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica, ha affermato che le famiglie sono l'unità fondamentale per lo sviluppo sostenibile, culturale ed economico della società, quindi ricercare una ridefinizione della famiglia significa compromettere il futuro.

Neydy Casillas, esperto di organizzazioni multilaterali e vicepresidente del Centro Globale per i Diritti Umani (GCHR) ha fatto riferimento al caso di Beatriz, la giovane salvadoregna la cui figlia Leilani è morta poche ore dopo la nascita a causa di anencefalia, e il cui caso è stato portato alla alla Corte Interamericana dei Diritti Umani da parte dei gruppi abortisti: “Vedendo questo tragico caso, i gruppi abortisti che pretendono di proteggere le donne, hanno ottenuto illegalmente la cartella clinica di Beatriz, il suo indirizzo e sono andati a casa sua, l'hanno molestata, l'hanno riempita di paura nonostante la sua malattia (soffriva di lupus) e la convinse che sarebbe morta se non avesse abortito”.

Si è poi rivolta ai legislatori di diversi paesi, avvertendo che la loro "autorità viene danneggiata, poiché hanno la legittimità del popolo, che ha dato loro voce per parlare a loro nome, quindi la democrazia viene messa fine al loro silenzio", ha affermato. .

Il deputato paraguaiano, Raúl Latorre, hanno denunciato anche di voler modificare il consenso e la concezione originariamente rappresentati dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo: “Gli organismi di diritto internazionale attaccano apertamente il diritto di coloro che non possono difendersi, di coloro che non possono parlare”, in riferimento a il bambino non ancora nato.

Qual è l’impegno di New York?

Nell’Impegno di New York, i partecipanti all’incontro si sono impegnati a formare un’alleanza globale per i diritti umani e le libertà fondamentali sanciti e universalmente riconosciuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Lavoreranno per creare ambienti favorevoli alla formazione e alla stabilità della famiglia; proteggere i bambini, sia prima che dopo la nascita; e di garantire che sia rispettata la libertà dei genitori e dei tutori legali di provvedere all'educazione religiosa e morale dei propri figli secondo le proprie convinzioni.

Si sono inoltre impegnati a promuovere il rispetto per i diversi valori religiosi ed etici, i background culturali e le convinzioni filosofiche dei popoli del mondo, nonché per la sovranità degli Stati nelle questioni di loro giurisdizione nazionale.

Un vertice diverso all’interno dell’ONU

Il 5° vertice transatlantico, convocato sul tema “Affermare i diritti umani universali – Collegare le culture per la vita, la famiglia e le libertà”, si è svolto il 16 e 17 novembre nella Sala 4 del quartier generale delle Nazioni Unite, nel quadro del 75° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. L'evento è stato organizzato da Political Network for Values ​​(PNfV) e dalle sue organizzazioni partner.

Tra i partecipanti figuravano Erwin Ronquillo, Ministro della Protezione dell'Infanzia dell'Ecuador; Raúl Latorre, Presidente della Camera dei Deputati del Paraguay; Kinga Gál e Margarita de la Pisa, deputati al Parlamento Europeo rispettivamente per Ungheria e Spagna; Lucy Akello, membro del Parlamento dell'Uganda; Päivi Räsänen, membro del Parlamento finlandese; Corina Cano, Vicepresidente dell'Assemblea Nazionale di Panama; Germán Blanco, senatore della Colombia; Nikolás Ferreira del Brasile; Santiago Santurio, deputato al Parlamento argentino; e Rafael López Aliaga, sindaco di Lima (tramite video).

Presenti anche Lila Rose, Presidente di Live Action; Valerie Huber, promotrice della Dichiarazione di Consenso di Ginevra e Presidente dell'Istituto per la Salute della Donna; Sharon Slater, presidente di Family Watch International; Dawn Hawkins, direttrice esecutiva del Centro internazionale sullo sfruttamento sessuale; Neydy Casillas, Vice Presidente per gli Affari Internazionali presso il Centro Globale per i Diritti Umani; Ádám Kavecsánszki, Presidente della Fondazione per un'Ungheria Civica; Austin Ruse, presidente di C-Fam; Brett Schaefer, ricercatore presso la Heritage Foundation; e Peter Torcsi, direttore delle operazioni presso il Centro per i diritti fondamentali; tra gli altri.

L'evento è ufficialmente sostenuto dal governo del Guatemala ed è sponsorizzato da The Heritage Foundation, Center for Fundamental Rights, Foundation for a Civic Ungheria, Global Center for Human Rights, International Center on Sexual Exploitation, Family Watch International, C-Fam, ADF International, Istituto per la salute delle donne, Organizzazione internazionale per la famiglia e Talenting Group.

Il Vertice è stato presieduto da José Antonio Kast, fondatore del Partito Repubblicano del Cile, ex candidato alla presidenza nel suo paese e presidente del PNfV.

Il PNfV è una rete internazionale di politici attivamente impegnati nella promozione e difesa della vita, della famiglia e delle libertà. I vertici transatlantici costituiscono una pietra angolare della rete. Riuniscono politici e leader civici di diversi paesi per rafforzare i legami, condividere storie di successo e migliori pratiche e costruire programmi comuni. Si tengono normalmente ogni due anni.

Il primo Summit si è tenuto alle Nazioni Unite a New York nel 2014, seguito da altri al Parlamento Europeo a Bruxelles nel 2017, al Campidoglio colombiano a Bogotá nel 2019 e all’Accademia ungherese delle Scienze a Budapest lo scorso anno.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -