5.6 C
Bruxelles
Domenica, Febbraio 25, 2024
OpinioneAntisemitismo in Armenia, una minaccia crescente

Antisemitismo in Armenia, una minaccia crescente

Scritto da Eric Gozlan, Direttore del Consiglio Internazionale per la Diplomazia e il Dialogo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

Scritto da Eric Gozlan, Direttore del Consiglio Internazionale per la Diplomazia e il Dialogo

Dopo gli attacchi di Hamas del 7 ottobre e la risposta di Israele, l'antisemitismo è aumentato in modo allarmante in molte parti del mondo. La Francia, in particolare, ha registrato più di 1,300 incidenti, denunciati dalle autorità di polizia, a testimonianza della gravità della situazione.

L’Azerbaigian, un forte alleato di Israele, è impegnato in un conflitto di lunga data con l’Armenia. Questa alleanza suscita la disapprovazione di molti armeni, che non vedono di buon occhio la vicinanza tra Gerusalemme e Baku. Per protesta, alcuni armeni hanno reagito attaccando i simboli ebraici presenti nel proprio Paese.

Il 15 novembre, alcuni cittadini hanno lanciato bombe molotov contro la sinagoga di Yerevan (capitale dell'Armenia). In un comunicato, la polizia ha rifiutato di dire che l'edificio ospitava una sinagoga, ma Rimma Varjapetian, rappresentante della comunità ebraica armena, lo ha confermato all'AFP e ha detto che "l'attacco è avvenuto nelle prime ore del 15 novembre, quando l'edificio era vuoto".

La situazione degli ebrei in Armenia

Declino demografico: la comunità ebraica armena sull'orlo dell'estinzione

Nel cuore delle montagne del Caucaso, l'Armenia ospita una delle comunità ebraiche più piccole del mondo. Secondo alcune statistiche allarmanti, la popolazione ebraica del paese è in costante declino e attualmente conta solo 700 persone. Un esodo di massa ha segnato il periodo tra il 1992 e il 1994, quando più di 6,000 membri della comunità ebraica hanno deciso di lasciare la loro patria. Le ragioni di questa emigrazione di massa erano molte, dalle difficoltà economiche alle preoccupazioni per la sicurezza.

Preoccupante aumento dell'antisemitismo in Armenia: attacchi mirati nonostante la piccola popolazione ebraica

Nonostante le modeste dimensioni della comunità ebraica in Armenia, essa è sempre più bersaglio di preoccupanti attacchi antisemiti. I risultati del rapporto dell’Anti-Defamation League rivelano che l’Armenia si distingue come il paese post-sovietico con il più alto tasso di antisemitismo, con il 58% della sua popolazione che condivide sentimenti antiebraici.

Recentemente, Poghosyan, ex consigliere del capo di stato maggiore delle forze armate armene ed ex assistente dell'ex consigliere capo del presidente armeno per le questioni di sicurezza nazionale, ha rilasciato una dichiarazione scioccante. In un video pubblicato sui social network e sui gruppi Telegram, Poghosyan ha affermato inequivocabilmente: “Aiuterò Hamas a uccidere gli ebrei”.

Il linguaggio offensivo continua nel video, con Vladimir Poghosyan che dice: “Voi sciacalli dovete essere completamente sterminati. Sono una persona che ha lavorato nell'intelligence per tutta la vita e che ha effettuato operazioni al livello del vostro Mossad e anche di più”. All’inizio del video, questo ex alto funzionario pubblico esprime le sue opinioni negazioniste, dichiarando: “Non ho mai riconosciuto l’Olocausto” e descrivendo gli ebrei come “un popolo distruttivo che non ha il diritto di essere su questa terra”.

Secondo l’Istituto per lo studio dell’antisemitismo e della politica globale (ISGAP), la propaganda anti-israeliana e antiebraica in Armenia alimenta i classici stereotipi antisemiti. Il rapporto ISGAP pubblicato nell’agosto 2023 evidenzia la preoccupante diffusione della propaganda anti-israeliana e antiebraica in Armenia, spesso associata a sentimenti anti-azerbaigiani. Secondo i risultati dell'ISGAP, questa campagna, che trova risonanza sia nelle autorità che nel grande pubblico, spesso include i classici cliché antisemiti.

Il rapporto cita il colonnello Arkady Karapetyan, che ha dichiarato all'agenzia di stampa armena "Realist" che "gli istruttori israeliani ci hanno sparato per testare le loro armi... Gli ebrei hanno recentemente celebrato la giornata di commemorazione delle vittime dei campi di concentramento, che ha avuto ampia risonanza in tutto il mondo. media. Nel frattempo, Israele sta incoraggiando attivamente la trasformazione dell’Artsakh in un campo di sterminio”.

Il 3 ottobre 2023 il Centro Culturale Ebraico di Yerevan è stato vandalizzato. Poche ore dopo, i social network armeni hanno riferito che questo atto di vandalismo doveva essere interpretato come una ritorsione per la vendita di droni e altre armi da parte di Israele all'Azerbaigian e per le recenti critiche di decine di rabbini alla retorica usata dai funzionari armeni, che paragonavano l'azione dell'Azerbaigian azioni contro le truppe e i civili armeni con l'Olocausto.

L'Esercito segreto armeno per la liberazione dell'Armenia (ASALA) ha rivendicato la responsabilità di questo atto. Vale la pena ricordare il legame storico tra ASALA e l’Iran. ASALA, fondata nel 1975, si è formata nella valle della Bekaa al fianco di organizzazioni terroristiche palestinesi, collaborando così contro Israele.

In conclusione, questi esempi evidenziano il pericolo insito nell’introduzione delle classiche narrazioni antisemite e antisioniste nel discorso pubblico armeno. Nel contesto della sconfitta di Yerevan nella seconda guerra del Karabakh e dell'emergere del nazionalismo armeno radicale, questa minaccia sembra essere una realtà palpabile. Sta diventando imperativo per l’Armenia impegnarsi in una riflessione approfondita sulle conseguenze di tali narrazioni tossiche, sia sulle relazioni intercomunitarie che sulla stabilità regionale.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -