17.1 C
Bruxelles
Monday, May 27, 2024
EuropaL’economia, il miglior alleato per la pace tra Azerbaigian e Armenia?

L’economia, il miglior alleato per la pace tra Azerbaigian e Armenia?

L'autore: Specialista in geopolitica e diplomazia parallela, Eric GOZLAN è consigliere del governo e dirige il Consiglio internazionale per la diplomazia e il dialogo (www.icdd.info). Eric Gozlan è chiamato come esperto presso l'Assemblea nazionale francese e il Senato su temi occuparsi di diplomazia parallela e laicità. Nel giugno 2019 ha contribuito al rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite sull'antisemitismo. Nel settembre 2018 ha ricevuto il Premio per la Pace dal Principe Lorenzo del Belgio per la sua lotta a favore della laicità in Europa. Ha preso parte a due numerose conferenze sulla pace in Corea, Russia, Stati Uniti, Bahrein, Belgio, Inghilterra, Italia, Romania... Il suo ultimo libro: Estremismo e radicalismo: linee di pensiero per uscirne.

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

L'autore: Specialista in geopolitica e diplomazia parallela, Eric GOZLAN è consigliere del governo e dirige il Consiglio internazionale per la diplomazia e il dialogo (www.icdd.info). Eric Gozlan è chiamato come esperto presso l'Assemblea nazionale francese e il Senato su temi occuparsi di diplomazia parallela e laicità. Nel giugno 2019 ha contribuito al rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite sull'antisemitismo. Nel settembre 2018 ha ricevuto il Premio per la Pace dal Principe Lorenzo del Belgio per la sua lotta a favore della laicità in Europa. Ha preso parte a due numerose conferenze sulla pace in Corea, Russia, Stati Uniti, Bahrein, Belgio, Inghilterra, Italia, Romania... Il suo ultimo libro: Estremismo e radicalismo: linee di pensiero per uscirne.

By Eric Gozlan

Creare legami economici per garantire la pace è un principio fondamentale delle relazioni geopolitiche. L’esempio migliore è l’Europa occidentale, che vive in pace dal 1945 grazie ad accordi politici ma soprattutto economici tra gli stati che compongono l’Unione Europea.

La creazione di interessi economici comuni è un percorso credibile per garantire la stabilità del Caucaso meridionale, oltre a costringere ciascuna parte a riconoscere l’integrità territoriale del proprio vicino.

Leggendo alcune dichiarazioni dei leader dell’Azerbaigian e dell’Armenia, diventa chiaro che condividono un obiettivo comune: porre fine alla guerra di lunga data nel Caucaso meridionale.

Dopo che l'Armenia ha riconosciuto il Karabakh come parte dell'Azerbaigian e ha perso il controllo sul Karabakh durante le operazioni militari di settembre. Questa perdita territoriale rimuove l’unico ostacolo permanente a qualsiasi normalizzazione delle sue relazioni con l’Azerbaigian. Entrambi i paesi condividono un obiettivo comune: far uscire dall’isolamento il Caucaso meridionale, una delle regioni meno dotate di infrastrutture al mondo, e aumentare la sua connettività con l’Asia e l’Europa.

Finora il confine tra Armenia, Azerbaigian e Turchia è stato chiuso e per l’Azerbaigian l’esportazione di idrocarburi verso l’Europa dipende dalle possibilità di transito attraverso la Georgia.

La pace attraverso l'economia

La pace economica tra Armenia e Azerbaigian potrebbe portare numerosi vantaggi:

Crescita economica: La stabilità favorisce un ambiente favorevole alla crescita economica. Entrambi i paesi potrebbero trarre vantaggio dall’aumento degli investimenti esteri e dall’espansione dei loro settori economici.

Commercio: La fine delle ostilità faciliterebbe il commercio transfrontaliero, creando opportunità di esportazione e importazione, stimolando entrambe le economie espandendo i rispettivi mercati.

Cooperazione economica: Il Caucaso meridionale è strategicamente importante per l’energia. La pace economica potrebbe favorire la cooperazione nel settore energetico, facilitando la costruzione e l’utilizzo di gasdotti e infrastrutture energetiche.

Turismo: La pace elimina gli ostacoli legati alla sicurezza, favorendo la crescita del turismo. Entrambi i paesi potrebbero trarre vantaggio dall’aumento del turismo, attirando visitatori internazionali e stimolando le economie locali.

Creazione del lavoro: Un’economia stabile e in crescita crea opportunità di lavoro. La pace promuoverebbe la creazione di posti di lavoro in vari settori, contribuendo a ridurre la disoccupazione e a migliorare le condizioni di vita.

Infrastrutture economiche: La cooperazione economica potrebbe portare allo sviluppo di infrastrutture transfrontaliere, come strade, ponti e collegamenti ferroviari, facilitando il commercio transfrontaliero e rafforzando i legami tra i due paesi.

Stabilità finanziaria: La pace economica contribuirebbe alla stabilità finanziaria, rafforzando la fiducia degli investitori e promuovendo lo sviluppo del settore finanziario.

Corridoio Zangezur, opportunità di sviluppo

Se entrambe le parti accettano di aprire il Corridoio Zangezur, servirà come mezzo per collegare questi due paesi alla Turchia, alla Russia, all’Asia centrale e all’Europa. È importante notare che sia la NATO che la Russia sostengono l’apertura di questo corridoio.

Il Corridoio Zangezur faciliterebbe gli scambi commerciali tra i paesi della regione in un breve periodo attraverso un’espansione delle reti di trasporto. Questa apertura aumenterebbe anche il trasporto internazionale nel corridoio internazionale “nord-sud”, noto anche come corridoio “medio”.

Dopo l'apertura del Corridoio Zangezur, l'attrattiva della regione sugli investitori non potrà che rafforzarsi.

Paesi che ostacolano la pace

La Russia può essere un ostacolo alla pace. È risaputo che Mosca ha deliberatamente mantenuto il “conflitto congelato” nel Nagorno-Karabakh e perpetuato l’instabilità nella regione per preservare la sua influenza e minare gli interessi occidentali in Eurasia.

L'Iran cerca da anni di rafforzare la propria influenza religiosa sui cittadini dell'Azerbaigian. Il governo di Baku resta fermo contro questa propagazione islamista. Per i Mullah il riavvicinamento tra Baku e Gerusalemme è un crimine, e faranno di tutto affinché l'apertura del corridoio Zangezur non abbia successo.

La pace economica tra Azerbaigian e Armenia e l’apertura del corridoio Zangezur potrebbero creare un ambiente favorevole alla prosperità reciproca, favorendo la crescita economica, il commercio e la cooperazione in vari settori.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -