9.9 C
Bruxelles
Martedì, febbraio 27, 2024
InternazionaleDopo l'entrata in vigore delle sanzioni sono stati confiscati 76 aerei russi

Dopo l'entrata in vigore delle sanzioni sono stati confiscati 76 aerei russi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Secondo il ministro dei trasporti russo Vitaly Saveliev, a causa delle sanzioni imposte a causa dell'invasione dell'Ucraina sono stati confiscati 76 aerei russi, ha riferito "TVP World".

Saveliev ha espresso la sua sorpresa per l'improvvisa decisione di confiscare questi aerei, che si trovavano in un magazzino per lo stoccaggio tecnico, in fase di manutenzione all'estero, in procinto di effettuare voli o già ordinati e in procinto di essere messi in servizio. Dopo lo scoppio delle ostilità non furono rimpatriati in Russia.

Attualmente la flotta aerea russa conta 1,302 aerei, di cui 1,167 destinati al trasporto passeggeri.

Prima dell’inizio del conflitto, molti aerei passeggeri russi erano immatricolati all’estero e noleggiati alle compagnie aeree russe.

Le Bermuda e l’Irlanda, dove era registrato un numero significativo di questi aerei, hanno revocato i certificati di aeronavigabilità di molti di loro in risposta all’invasione dell’Ucraina, bloccandone di fatto quasi 10 miliardi di dollari in Russia.

In risposta, il presidente russo Vladimir Putin ha approvato una legge che consente la registrazione in Russia degli aerei stranieri noleggiati, rendendo più difficile per i paesi riprenderne possesso.

Nel marzo 2022, Saveliev ha riferito che quasi 800 aerei erano stati trasferiti nel registro nazionale.

Tuttavia, ciò significa che l'aereo non riceve aggiornamenti software dal produttore. Sono interessati anche la manutenzione, l'assistenza e l'ispezione secondo gli standard aziendali.

La Russia sta cercando di eludere le sanzioni e trovare modi per sostituire parti e attrezzature di fabbricazione occidentale per mantenere in attività la propria industria aeronautica.

Il ministro dei trasporti russo ha anche affermato che le compagnie aeree russe hanno ripreso i voli alle 11 paesi che hanno garantito di non confiscare i loro aerei. Egli ha spiegato che le trattative per il risarcimento di questi aerei e il loro acquisto sono state ostacolate “dal divieto e dalla mancanza di volontà da parte dei paesi stranieri”. Sevliev ha sottolineato che a causa della mancanza di questi aerei, la Russia rimarrà senza una flotta aerea vitale.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -