5.2 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 23, 2024
AmbienteL’impronta umana sui gas serra

L’impronta umana sui gas serra

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

I gas serra sono presenti in natura e sono essenziali per la sopravvivenza degli esseri umani e di milioni di altri esseri viventi, poiché impediscono a parte del calore del sole di riflettersi nello spazio e rendono la Terra vivibile. Ma dopo più di un secolo e mezzo di industrializzazione, deforestazione e agricoltura su larga scala, le quantità di gas serra nell’atmosfera sono aumentate a livelli record mai visti in tre milioni di anni. Man mano che le popolazioni, le economie e gli standard di vita crescono, aumenta anche il livello cumulativo delle emissioni di gas serra (GHG).

Esistono alcuni collegamenti scientifici di base ben consolidati:

  • La concentrazione dei gas serra nell'atmosfera terrestre è direttamente collegata alla temperatura media globale sulla Terra;
  • La concentrazione è aumentata costantemente, e con essa le temperature medie globali, sin dai tempi della rivoluzione industriale;
  • Il gas serra più abbondante, che rappresenta circa i due terzi dei gas serra, è l’anidride carbonica (CO2), è in gran parte il prodotto della combustione di combustibili fossili.

Il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC)

Il Gruppo intergovernativo sul clima, capangelo (IPCC) è stato istituito dalla Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ed Ambiente delle Nazioni Unite fornire una fonte obiettiva di informazioni scientifiche.

Sesto rapporto di valutazione

Il Sesto Rapporto di Valutazione dell'IPCC, che sarà pubblicato nel marzo 2023, fornisce una panoramica dello stato delle conoscenze sulla scienza del cambiamento climatico, sottolineando i nuovi risultati ottenuti dopo la pubblicazione del Quinto Rapporto di Valutazione nel 2014. Si basa sui rapporti dell'IPCC tre gruppi di lavoro dell'IPCC – sulla scienza fisica; impatti, adattamento e vulnerabilità; e mitigazione – nonché sulle tre relazioni speciali sull’impatto ambientale Riscaldamento globale di 1.5 ° CCambiamenti climatici e terrae sul L'oceano e la criosfera in un clima che cambia.

Cosa sappiamo in base ai rapporti IPCC:

  • È inequivocabile che l’influenza umana abbia riscaldato l’atmosfera, l’oceano e la terra. Si sono verificati cambiamenti diffusi e rapidi nell’atmosfera, nell’oceano, nella criosfera e nella biosfera.
  • La portata dei recenti cambiamenti nell’intero sistema climatico – e lo stato attuale di molti aspetti del sistema climatico – non hanno precedenti nel corso di molti secoli o molte migliaia di anni.
  • Il cambiamento climatico indotto dall’uomo sta già colpendo molti eventi meteorologici e climatici estremi in ogni regione del mondo. Le prove dei cambiamenti osservati in condizioni estreme come ondate di caldo, forti precipitazioni, siccità e cicloni tropicali e, in particolare, la loro attribuzione all’influenza umana, si sono rafforzate dopo il quinto rapporto di valutazione.
  • Circa 3.3-3.6 miliardi di persone vivono in contesti altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici.
  • La vulnerabilità degli ecosistemi e delle persone ai cambiamenti climatici differisce sostanzialmente tra le regioni e all’interno delle stesse.
  • Se il riscaldamento globale supererà temporaneamente 1.5°C nei prossimi decenni o più tardi, allora molti sistemi umani e naturali si troveranno ad affrontare ulteriori gravi rischi, rispetto a rimanere al di sotto di 1.5°C.
  • La riduzione delle emissioni di gas serra in tutto il settore energetico richiede importanti transizioni, tra cui una sostanziale riduzione dell’uso complessivo di combustibili fossili, l’impiego di fonti energetiche a basse emissioni, il passaggio a vettori energetici alternativi, nonché l’efficienza e la conservazione energetica.

Caldo globalehttps://europeantimes.news/environment/1.5°C

Nell’ottobre 2018 l’IPCC ha emesso un relazione speciale sugli impatti del riscaldamento globale di 1.5°C, scoprendo che limitare il riscaldamento globale a 1.5°C richiederebbe cambiamenti rapidi, di vasta portata e senza precedenti in tutti gli aspetti della società. Con evidenti benefici per le persone e gli ecosistemi naturali, il rapporto ha scoperto che limitare il riscaldamento globale a 1.5°C rispetto a 2°C potrebbe andare di pari passo con la garanzia di una società più sostenibile ed equa. Mentre le stime precedenti si concentravano sulla stima dei danni se le temperature medie dovessero aumentare di 2°C, questo rapporto mostra che molti degli impatti negativi del cambiamento climatico arriveranno alla soglia di 1.5°C.

Il rapporto evidenzia anche una serie di impatti del cambiamento climatico che potrebbero essere evitati limitando il riscaldamento globale a 1.5°C rispetto a 2°C, o più. Ad esempio, entro il 2100, l’innalzamento globale del livello del mare sarebbe inferiore di 10 cm con un riscaldamento globale di 1.5°C rispetto a 2°C. La probabilità di un Oceano Artico libero dal ghiaccio marino in estate sarebbe una ogni secolo con un riscaldamento globale di 1.5°C, rispetto ad almeno una volta ogni decennio con 2°C. Le barriere coralline diminuirebbero del 70-90% con un riscaldamento globale di 1.5°C, mentre praticamente tutte (>99%) andrebbero perdute con 2°C.

Il rapporto rileva che limitare il riscaldamento globale a 1.5°C richiederebbe transizioni “rapide e di vasta portata” nel territorio, nell’energia, nell’industria, negli edifici, nei trasporti e nelle città. Le emissioni nette globali di biossido di carbonio (CO2) causate dall’uomo dovrebbero diminuire di circa il 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030, raggiungendo lo “zero netto” intorno al 2050. Ciò significa che eventuali emissioni rimanenti dovrebbero essere bilanciate rimuovendo la CO2 dall’ambiente. aria.

Strumenti giuridici delle Nazioni Unite

Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

La famiglia delle Nazioni Unite è in prima linea nello sforzo di salvare il nostro pianeta. Nel 1992, il suo “Summit della Terra” ha prodotto il Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) come primo passo per affrontare il problema del cambiamento climatico. Oggi ha un’adesione quasi universale. I 197 paesi che hanno ratificato la Convenzione sono Parti della Convenzione. Lo scopo ultimo della Convenzione è prevenire l’interferenza umana “pericolosa” con il sistema climatico.

Protocollo di Kyoto

Nel 1995, i paesi avviarono negoziati per rafforzare la risposta globale al cambiamento climatico e, due anni dopo, adottarono l’accordo Protocollo di Kyoto. Il Protocollo di Kyoto vincola giuridicamente i Paesi sviluppati agli obiettivi di riduzione delle emissioni. Il primo periodo di impegno del Protocollo è iniziato nel 2008 e si è concluso nel 2012. Il secondo periodo di impegno è iniziato il 1° gennaio 2013 e si è concluso nel 2020. Attualmente ci sono 198 Parti della Convenzione e 192 Parti della Convenzione. Protocollo di Kyoto

Accordo di Parigi

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -