9.3 C
Bruxelles
Venerdì, Marzo 1, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteINTERVISTA: La dolorosa decisione di un'operatrice umanitaria di lasciare la sua casa e lavorare in...

INTERVISTA: La dolorosa decisione di un'operatrice umanitaria di lasciare la sua casa e lavorare a Gaza |

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

As UNRWAMaha Hijazi, responsabile dello stoccaggio e della distribuzione, era responsabile della sicurezza del cibo per centinaia di migliaia di sfollati che hanno cercato rifugio nei suoi rifugi.

Mission impossible

“Le squadre dell’UNRWA a Gaza stanno lavorando duramente per soddisfare tutti i bisogni primari di queste persone, e la priorità è la sicurezza e l’incolumità”, ha affermato.

“Stiamo facendo del nostro meglio nonostante tutte le sfide, nonostante le risorse limitate, nonostante non ci sia carburante. Ma siamo sul campo e stiamo svolgendo una missione impossibile per garantire ciò che possiamo garantire alla nostra gente”.

Anche la signora Hijazi è una madre e questa settimana la sua famiglia è fuggita in Egitto perché lì i suoi figli saranno al sicuro.

Ha parlato con Notizie ONU sulla dolorosa decisione di lasciare Gaza, la sua casa e il suo lavoro.

Questa intervista è stata curata per la lunghezza e la chiarezza.

Maha Hijazi: Né i miei figli né nessuno dei nostri ragazzi palestinesi si sente al sicuro, si sente protetto e si sente protetto. Per tutta la notte e il giorno sentono bombardamenti ovunque e hanno solo una domanda: cosa abbiamo fatto di sbagliato per meritare questa vita, e moriremo oggi o stanotte?

Tutti i giorni prima di andare a letto mi chiedevano: 'Mamma, moriremo stasera, come i nostri vicini, come i nostri parenti?' Quindi ho dovuto abbracciarli e promettere loro che se moriremo, moriremo insieme, così non sentiremo nulla. E se senti i bombardamenti, allora sei al sicuro. Il razzo che ti ucciderà, non ne sentirai il suono. 

Notizie ONU: Lunedì sei fuggito da Gaza per l'Egitto. Raccontaci del viaggio, soprattutto perché gli operatori umanitari hanno affermato che nessun posto è sicuro a Gaza.

Maha Hijazi: Mi sento arrabbiato perché devo lasciare la mia terra – lasciare la mia casa, il mio appartamento e anche il mio lavoro quotidiano a sostegno dei rifugiati – ma cos’altro potrei fare per i miei figli perché hanno la doppia nazionalità? Ho bisogno di dare loro questa possibilità di dormire e di sentire che sono simili agli altri bambini. Quindi non voglio perdere questa opportunità nonostante tutto il dolore dentro.

Posso dirvi che durante tutto il viaggio ho pianto con i miei figli perché non vogliamo lasciare la nostra terra, non vogliamo lasciare Gaza. Ma siamo stati costretti a farlo in cerca di sicurezza e protezione. 

In realtà vivevo nel centro di Gaza, a Deir al Balah, e il confine è a Rafah, nel sud. Molte persone appena evacuate stavano camminando lungo Salahadin Street e non avrebbero avuto nessun posto dove andare. Li abbiamo visti e abbiamo assistito ai bombardamenti durante il nostro viaggio fino a raggiungere il valico di Rafah che, tra l'altro, non tutti i palestinesi possono attraversare. Devi avere un'altra nazionalità o un altro passaporto. Quindi è stata dura e non dimenticherò questo giorno.

UN News: Qual era il tuo compito principale all'UNRWA?

Maha Hijazi: Il mio compito principale durante l'emergenza, o durante questa guerra, era quello di fungere da punto focale per il cibo nella sala operativa centrale. Pertanto, ero responsabile della fornitura degli alimenti necessari agli sfollati (IDP) all'interno dei rifugi dell'UNRWA. Il nostro piano era di accogliere 150,000 sfollati palestinesi all'interno dei rifugi dell'UNRWA, cifra che ora ammonta a circa un milione. I loro bisogni sono molto elevati e mancano le risorse, ecco perché stiamo lavorando duro solo per garantire loro almeno il minimo necessario per sopravvivere.

UN News: Come funziona l'UNRWA e dove può aiutare gli abitanti di Gaza?

Maha Hijazi: Le persone cercano scuole UNRWA. Cercano protezione sotto la bandiera delle Nazioni Unite e poi noi siamo responsabili di fornire loro cibo e anche beni non alimentari, coperte, materassi, oltre all'acqua potabile e corrente. 

Le squadre dell’UNRWA a Gaza stanno lavorando duramente per soddisfare tutti i bisogni primari di queste persone, e il numero uno è la sicurezza. Nonostante ciò, a Gaza non esiste un posto sicuro, il che è assolutamente vero e corretto. Ma stiamo facendo del nostro meglio, nonostante tutte le sfide, nonostante le risorse limitate, nonostante non ci sia carburante. Ma siamo sul campo e stiamo svolgendo una missione impossibile per garantire ciò che possiamo garantire alla nostra gente.

UN News: L'UNRWA riceveva carburante quando eri lì? Che ne dici di cibo e acqua? Stai ricevendo le forniture di cui hai bisogno?

Maha Hijazi: Per i primi giorni di escalation abbiamo smesso di ricevere carburante. E dopo abbiamo ricevuto gocce di carburante solo per far funzionare i nostri veicoli. Recentemente, forse quattro o cinque giorni fa, ci è stato permesso di ricevere carburante, ma si trattava di una quantità molto ridotta. Ricordo che gli ultimi giorni in cui ero a Gaza avevamo i camion degli aiuti al valico di Rafah, ma mancava il carburante, quindi i camion rimasero bloccati per due giorni in attesa di essere riforniti. I generatori forniscono elettricità, pompano anche acqua, impianti fognari, tutto ha bisogno di carburante, oltre ai panifici. 

Per quanto riguarda cibo e acqua, si tratta di quantità molto, molto limitate e non sufficienti per i nostri bisogni poiché il numero di sfollati interni è in drammatico aumento. Ma non si tratta solo di persone nei rifugi dell'UNRWA. Ci sono centinaia di migliaia di persone fuori dai rifugi dell’UNRWA. Hanno fame e non trovano cibo, nemmeno nei mercati locali. La mia famiglia non era in un rifugio dell'UNRWA, ma ricordo che i miei genitori non ricevevano quantità sufficienti di cibo dal mercato. Ne siamo stati testimoni. Siamo andati ai mercati, ma sono vuoti. Non abbiamo trovato nulla da acquistare. Abbiamo soldi, ma non abbiamo nulla da acquistare. 

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -