6.6 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 28, 2024
InternazionaleLa Romania passa all'offensiva diplomatica per recuperare il tesoro d'oro rubato da...

La Romania lancia l'offensiva diplomatica per recuperare il tesoro d'oro rubato dalla Russia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Il governatore della Banca Nazionale di Romania (NBR), Mugur Icerescu, ha ricordato questa settimana che sono trascorsi 107 anni da quando il tesoro d'oro rumeno della Prima Guerra Mondiale fu inviato in custodia a Mosca, che Bucarest sostiene di non aver ancora completamente recuperato. Mosca, da parte sua, nega di avere obblighi nei confronti di Bucarest.

La questione del tesoro “dirottato” è da anni un tema delicato nelle relazioni tra Romania e Russia e, dallo scoppio della guerra in Ucraina nel febbraio 2022, la questione è stata effettivamente “congelata”, notano i media rumeni.

"Ci siamo posti l'obiettivo di organizzare una serie di eventi per confermare, soprattutto a livello internazionale, che la Romania ha un diritto storico e giuridico pienamente valido sul suo deposito d'oro evacuato a Mosca nel 1916-1917", ha detto il governatore della Banca centrale durante un simposio lunedì, come citato dal sito Hotnews.

Digi 24 TV ha dichiarato in questa occasione che “la NBR ha lanciato una lobby internazionale per il tesoro rubato dai russi”.

Si tratta della più antica controversia legale della Romania e davvero unica nel suo genere mondo, ha commentato Hotnews, sottolineando che nessun altro paese si è appropriato delle proprietà di un altro paese affidategli per custodia.

Entrata nella prima guerra mondiale a fianco dell'Intesa nell'agosto del 1916, la Romania si trovò presto a dover affrontare una situazione estremamente difficile a causa delle battaglie su due fronti – sia in Transilvania che sul Danubio, ricorda Hotnews.

Pertanto, già nel settembre 1916, la Banca Nazionale della Romania adottò le prime misure per evacuare il suo tesoro d'oro in un luogo sicuro. L'Impero russo, che a quel tempo era alleato del Regno di Romania, era considerato un luogo sicuro.

Il governo rumeno e i rappresentanti della Banca Nazionale di Romania firmano con un rappresentante dell'Impero russo a Iași (dove, a causa dell'avanzata delle truppe degli Imperi Centrali, tutte le istituzioni dello Stato romeno sono state temporaneamente trasferite) una convenzione che specifica le condizioni per il primo trasporto di oro rumeno a Mosca.

Secondo il documento, gli oggetti di valore rumeni sono "sotto la garanzia del governo russo per quanto riguarda la sicurezza del trasporto, la sicurezza del deposito e la restituzione in Romania", ha precisato il sito di notizie.

“Quest'anno, a dicembre, ricorre il 107° anniversario dell'evacuazione a Mosca del tesoro della Romania. Dal 1991, la Banca Nazionale della Romania ha costantemente attuato una strategia per presentare all'opinione pubblica nazionale ed estera il problema del tesoro inviato a Mosca e poi confiscato dall'Unione Sovietica”, ha dichiarato anche Mugur Icerescu.

Il primo passo, ha spiegato, sarà quello di sostenere gli sforzi dell'eurodeputato rumeno Eugene Tomac per educare i deputati e portare l'attenzione internazionale sulla questione delle riserve auree.

Nell'aprile di quest'anno, il leader del partito Movimento popolare (PND) ha dichiarato durante un dibattito al Parlamento europeo che "l'intero tesoro della Romania continua ad essere in Russia, e Mosca si è ripetutamente rifiutata di restituirlo alla Romania", riferisce il sito web News.ro .

“L’intero tesoro della Romania è detenuto illegalmente a Mosca da più di un secolo. Trasportato in 41 vagoni, contiene oltre 91 tonnellate di oro, la maggior parte dei quali sono gioielli e monete rare, oltre a 2.4 tonnellate di lingotti d'oro dalla riserva NBR. Il valore totale è di oltre 5 miliardi di euro”, ha dichiarato in una sessione plenaria del Parlamento europeo.

Il valore dell'intero deposito effettuato dalla Banca Nazionale della Romania a Mosca ammonta a 321,580,456 lei d'oro, ha rilevato Digi 24 TV.

Il tesoro comprende anche i gioielli della regina Maria, valutati 7,000,000 di lei d'oro, preziose opere d'arte tra cui dipinti di famosi artisti rumeni come Nicolae Grigorescu, gioielli, libri antichi e miniature, icone e altri oggetti religiosi.

In informazioni su questo argomento, l'agenzia TASS scrive che durante la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 e la guerra civile, alcuni dei tesori custoditi al Cremlino, compresi quelli rumeni, furono portati fuori da Mosca.

Nella letteratura storica sono state presentate diverse ipotesi sul loro futuro destino, ma nessuna di queste è stata confermata in modo definitivo, ha affermato l'agenzia.

Successivamente, dopo la fine della seconda guerra mondiale e l'ingresso della Romania nel blocco socialista, una parte dell'oro confiscato fu restituito. L'Unione Sovietica si impegna inoltre a non esigere dalla Romania un risarcimento pari a 300 milioni di dollari, che la Romania deve pagare all'URSS in base al Trattato di pace di Parigi del 1947, ricorda Lenta.ru.

L'edizione rumena di “Newsweek” segnala che la Romania recupererà parte del tesoro in due tranche. Il primo avvenne il 16 giugno 1935, quando alla stazione di Bucarest arrivarono 17 vagoni merci carichi di 1,443 casse. Sono venuti da Mosca per ordine del governo dell'URSS, che ha deciso di restituire parte degli oggetti di valore conservati al Cremlino. Un secondo trasporto di questo tipo venne effettuato nel 1956 come “gesto di buona volontà da parte dei compagni russi”, si legge nella pubblicazione. In entrambi i casi, tuttavia, i valori restituiti non includevano l'oro depositato dalla NBR, ha osservato il sito ufficiale della banca centrale.

Nel febbraio 2022, poco prima dello scoppio della guerra in Ucraina, l'allora ministro degli Affari esteri romeno, Bogdan Aurescu, dichiarò che la Romania voleva riprendere i negoziati con Mosca per restituire il tesoro d'oro, che era stato causa di attriti tra i due paesi da decenni, scrive l’edizione “Balkan Insight”.

“Un diritto di rivendicazione della Romania che ha più di un secolo. Questa non è la nostra prima azione in questo senso. (…) Pertanto, la nostra principale preoccupazione, presso la Banca Nazionale della Romania, è quella di rendere pubblici i documenti che abbiamo su questo argomento. Mi riferisco ai documenti originali raccolti nel dossier speciale che dal 1922 è custodito nella cassaforte del governatore della NBR. Il dossier “Tesoro” è passato di mano in mano da un governatore all'altro dal 1922, anche durante il periodo comunista. Quindi l'ho ricevuto anche io – come prova della determinazione della Banca Nazionale della Romania a riprendersi le proprietà che le appartengono”, ha dichiarato il governatore della Banca Centrale Mugur Isrescu.

Al momento, ogni discussione sul tesoro romeno è chiusa, e Russia e Romania hanno interrotto ogni dialogo dopo la guerra in Ucraina, nota “Newsweek”. Le ultime discussioni sull’argomento risalgono a quattro anni fa.

“È dal novembre 2019 che non ci incontriamo con la parte russa, l’ultimo incontro si è svolto a Mosca secondo il principio dell’alternanza dei seggi. L’incontro previsto per il 2020 in Romania non ha avuto luogo a causa della pandemia”, ha affermato il prof. d-r Ioan Bolovan, membro corrispondente dell’Accademia rumena, che sta conducendo i negoziati con la Russia.

“Non ho ricevuto alcuna risposta alla mia proposta nel 2021 di riprendere le riunioni”, dice il professore.

Fonte: secondo BTA

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -