8.3 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 21, 2024
InternazionaleI medici di Gaza sono “terrorizzati” dall’epidemia mortale mentre le squadre umanitarie corrono a...

I medici di Gaza sono “terrorizzati” dall’epidemia di una malattia mortale mentre le squadre umanitarie corrono a fornire i loro aiuti

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Con la pausa nei combattimenti a Gaza, gli operatori umanitari delle Nazioni Unite hanno avvertito che le consegne di aiuti devono moltiplicarsi immediatamente per salvare la vita dei feriti e arginare il rischio di un’epidemia mortale che ha lasciato i medici “terrorizzati”.

Le priorità includono il trasporto di carburante nel nord dell’enclave devastata dalla guerra, in modo che possa essere utilizzato per alimentare gli ospedali, fornire acqua pulita e mantenere altre infrastrutture civili vitali.

Tali servizi sono stati fortemente influenzati da settimane di bombardamenti israeliani in risposta ai massacri di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele che hanno provocato circa 1,200 morti e circa 240 presi in ostaggio.

Le autorità sanitarie di Gaza hanno riferito che finora più di 15,000 persone, soprattutto donne e bambini, sono state uccise negli attacchi.

Minacce dall'aria e da terra

In un aggiornamento dal sud di Gaza, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) Il portavoce James Elder ha detto che un medico dell'ospedale Al-Shifa nel nord gli aveva detto che le minacce ai bambini provenivano "in gran parte dall'aria e ora in gran parte dalla terra", sotto forma di diarrea e infezioni respiratorie.

“Era terrorizzato come professionista medico in termini di epidemia di malattia che è in agguato qui e in che modo che devasterà i bambini il cui sistema immunitario e la mancanza di cibo… li sta rendendo pericolosamente deboli," ha aggiunto il signor Elder.

Mentre proseguono i negoziati per il rilascio di altri ostaggi in cambio di un prolungamento della pausa nei combattimenti, l’UNICEF ha espresso il suo sgomento nel vedere così tanti giovani lottare per la propria vita, “con orrende ferite di guerra, (giacenti) in parcheggi improvvisati”. materassi, nei giardini ovunque, i medici devono prendere decisioni orribili su chi dare la priorità”.

Ritardi mortali

Un altro ragazzo la cui gamba era stata amputata a causa delle violenze aveva trascorso “tre o quattro giorni” cercando di raggiungere il sud, ritardato dai posti di blocco, ha continuato il signor Elder. “L'odore (di decomposizione) era chiaro... e quel ragazzo aveva schegge dappertutto. Potenzialmente era cieco e aveva ustioni sul 50% del corpo”.

Facendo eco alle profonde preoccupazioni sull’entità dei bisogni a Gaza, l’Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite (OMS) ha osservato che una valutazione effettuata nel nord del paese all'inizio della pausa dei combattimenti il ​​24 novembre aveva dimostrato che "tutti, ovunque, hanno gravi esigenze sanitarie".

I chirurghi operano un paziente all’ospedale Al-Quds di Gaza. (file)
Oms – I chirurghi operano un paziente all'ospedale Al-Quds di Gaza. (file)

Rischio di fame

Parlando a Ginevra, la portavoce dell'OMS, la Dott.ssa Margaret Harris, ha affermato che ciò è dovuto “perché stanno morendo di fame, perché non hanno acqua pulita e sono ammassati insieme…. in sostanza, se sei malato, se tuo figlio ha la diarrea, se hai un'infezione respiratoria, non riceverai alcun (aiuto).”

Nel suo ultimo aggiornamento, l'ufficio di coordinamento degli aiuti delle Nazioni Unite OCHA ha affermato che le consegne di aiuti umanitari sono state accelerate a sud di Wadi Gaza, dove si stima che abbiano cercato rifugio la maggior parte di circa 1.7 milioni di sfollati interni. “I principali fornitori di servizi, tra cui ospedali, strutture idriche e igienico-sanitarie e rifugi, hanno continuato a ricevere carburante su base giornaliera per far funzionare i generatori, OCHA segnalati.

"Ciò che vediamo è catastrofico": WFP

Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (Il PAM) ha consegnato il cibo di cui avevano disperatamente bisogno a più di 120,000 persone a Gaza durante la pausa iniziale dei combattimenti, ma afferma che le forniture sono "tristemente inadeguate per affrontare il livello di fame riscontrato dal personale nei rifugi e nelle comunità delle Nazioni Unite". 

Il direttore del WFP per il Medio Oriente, il Nord Africa e l'Europa dell'Est, Corinne Fleischer, ha affermato che “quello che vediamo è catastrofico.

“C'è il rischio di carestia e fame sotto i nostri occhi e per prevenirlo dobbiamo essere in grado di portare cibo su larga scala e distribuirlo in modo sicuro”, ha affermato. “Sei giorni semplicemente non sono sufficienti per fornire tutta l'assistenza necessaria. IL la gente di Gaza deve mangiare ogni giorno, non solo per sei giorni. "

“Il nostro team ha raccontato ciò che ha visto: fame, disperazione e distruzione. Persone che non ricevono alcun sollievo da settimane. Il team ha potuto vedere la sofferenza nei loro occhi”, ha affermato Samer Abdeljaber, rappresentante del WFP in Palestina e direttore nazionale. “Questa pausa ha offerto una finestra di sollievo che speriamo apra la strada a una calma a lungo termine. L’accesso umanitario sicuro e senza ostacoli non può fermarsi ora”.

Per saperne di più:

Gaza: l’inizio della tregua alimenta le speranze di tregua, accesso alle persone bisognose: umanitario delle Nazioni Unite

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -