9.4 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 21, 2024
EuropaInquinamento: accordo con il Comune per ridurre le emissioni industriali

Inquinamento: accordo con il Comune per ridurre le emissioni industriali

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Le nuove norme ridurranno l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo e guideranno i grandi impianti agroindustriali nella transizione verde.

Nella tarda notte di martedì i negoziatori del Parlamento e del Consiglio hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sulla revisione della direttiva sulle emissioni industriali (IED) e direttiva sulle discariche di rifiuti e il nuovo regolamento sulla Portale sulle emissioni industriali. L’obiettivo è combattere ulteriormente l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo provocato dai grandi impianti agroindustriali, che può anche portare a problemi di salute come asma, bronchite e cancro.

Impianti industriali

Le nuove norme renderanno obbligatorio stabilire i livelli di emissioni più rigorosi ottenibili e spingeranno gli impianti industriali a concentrarsi maggiormente sull’efficienza e sul riutilizzo di energia, acqua e materiali, oltre a promuovere l’uso di sostanze chimiche più sicure, meno tossiche o non tossiche nei processi industriali , attraverso obiettivi di emissione o di prestazione ambientale. Per combattere la scarsità idrica, gli obiettivi di prestazione ambientale diventeranno obbligatori per il consumo idrico. Per quanto riguarda i rifiuti, l'efficienza delle risorse, l'efficienza energetica e l'uso delle materie prime, tali obiettivi rientreranno in un intervallo mentre per le nuove tecniche gli obiettivi saranno indicativi.

I colegislatori hanno convenuto di estendere la IED anche agli impianti dell'industria estrattiva (miniere) e ai grandi impianti di produzione di batterie.

Allevamenti di bestiame

I colegislatori concordano di estendere le misure IED agli allevamenti di suini con più di 350 allevamenti unità di bestiame (ULS). Sono escluse le aziende che allevano suini in modo estensivo o biologico e all'aperto per un periodo significativo di tempo nell'anno. Per il pollame, si applicherebbe agli allevamenti con galline ovaiole con più di 300 UBA e agli allevamenti con polli da carne con più di 280 UBA. Per le aziende che allevano sia suini che pollame il limite sarà di 380 LSU.

La Commissione aveva originariamente proposto una soglia di 150 ULS per tutto il bestiame, compresi i bovini. I colegislatori hanno convenuto di incaricare la Commissione di riesaminare, entro il 31 dicembre 2026, la necessità di un'azione dell'UE per affrontare le emissioni derivanti dall'allevamento di bestiame, compreso quello bovino, nonché una clausola di reciprocità per garantire che i produttori al di fuori dell'UE soddisfino requisiti simili alle norme UE quando si esporta nell’UE.

Partecipazione pubblica, sanzioni e sanzioni

I negoziatori hanno inoltre convenuto di aumentare la trasparenza e la partecipazione pubblica in relazione alla concessione di licenze, al funzionamento e al controllo degli impianti regolamentati. IL Registro europeo delle emissioni e dei trasferimenti di inquinanti sarà trasformato in un portale UE sulle emissioni industriali dove i cittadini potranno accedere ai dati su tutti i permessi UE e sulle attività inquinanti locali. Inoltre, i sistemi di autorizzazione elettronica dovrebbero essere in vigore al più tardi entro il 2035.

Le aziende inadempienti possono essere soggette a sanzioni pari ad almeno il 3% del fatturato annuo dell'operatore nell'UE per le violazioni più gravi e gli Stati membri devono riconoscere ai cittadini colpiti dalla non conformità il diritto di chiedere un risarcimento per i danni alla salute.

Quote

Dopo la votazione, relatore Radan Kanev (PPE, Bulgaria), ha dichiarato: “Sono soddisfatto del risultato complessivo in quanto il Parlamento ha difeso i punti più importanti del suo mandato, tra cui la riduzione significativa delle emissioni senza creare ulteriore burocrazia per le industrie e gli agricoltori, nonché il livello delle sanzioni per chi non aziende conformi”.

Prossimi passi

L'accordo deve ancora essere adottato dal Parlamento e dal Consiglio, dopodiché la nuova legge sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'UE ed entrerà in vigore 20 giorni dopo. Gli Stati membri avranno quindi 22 mesi per conformarsi a questa direttiva.

sfondo

Le direttiva sulle emissioni industriali stabilisce norme sulla prevenzione e il controllo dell'inquinamento derivante dalle emissioni nell'aria, nell'acqua e nel suolo dei grandi impianti agroindustriali, nonché sulla produzione di rifiuti, sull'uso delle materie prime, sull'efficienza energetica, sul rumore e sulla prevenzione degli incidenti. Gli impianti soggetti alla normativa sono tenuti a operare in conformità con un'autorizzazione che riguarda l'intera prestazione ambientale dell'impianto.

Questa legislazione risponde alle aspettative dei cittadini riguardo al principio "chi inquina paga", accelera la transizione verde e promuove processi di produzione più ecologici, come espresso nelle proposte 2(2), 3(1), 11(1) e 12(5) della conclusioni della conferenza sul futuro dell'Europa.

Leggi di più:

Ridurre l’inquinamento delle acque sotterranee e superficiali dell’UE

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -