8.2 C
Bruxelles
Giovedi, April 18, 2024
EuropaBambini nei conflitti armati, ONU e UE

Bambini nei conflitti armati, ONU e UE

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Nel 2022, un totale di 2,496 bambini, alcuni di appena 8 anni, sono stati verificati dalle Nazioni Unite come detenuti per la loro effettiva o presunta associazione con gruppi armati, compresi gruppi designati come terroristi dalle Nazioni Unite. in Iraq, nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est, e nella Repubblica araba siriana.

Sono questi i dati evidenziati da Anne Schintgen al Parlamento europeo nel corso di un convegno dal titolo “I bambini privati ​​della libertà nel mondo” organizzato il 28 novembre da L'eurodeputata Soraya Rodriguez Ramos (Gruppo Politico Rinnova l'Europa). Numerosi esperti di alto livello sono stati invitati come relatori per parlare delle rispettive aree di competenza:

Manfred Nowak, ex relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura ed esperto indipendente che ha guidato l'elaborazione di uno studio globale delle Nazioni Unite sui bambini privati ​​della libertà;

Benoît van Keirsbilck, membro del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia;

Manu Krishan, Global Campus on Human Rights, ricercatore con esperienza nei diritti dei bambini e nelle migliori pratiche;

Anne Schintgen, capo dell'ufficio di collegamento europeo del rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite per i bambini e i conflitti armati;

Rasha Muhrez, Direttore della risposta in Siria per Save the Children (online);

Marta Lorenzo, Direttore dell'Ufficio di Rappresentanza per l'Europa dell'UNRWA (Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente).

Rapporto delle Nazioni Unite sui bambini nei conflitti armati

Manfred Nowak, ex relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura ed esperto indipendente che ha guidato l'elaborazione di uno studio globale delle Nazioni Unite sui bambini privati ​​della libertà, è stato invitato alla conferenza presso il Parlamento europeo e ha sottolineato che 7.2 milioni di bambini sono in vari modi privati ​​della libertà nel mondo mondo.

Ha fatto riferimento in particolare al rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini nei conflitti armati indirizzato ai 77th Sessione del Consiglio di Sicurezza dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (A/77/895-S/2023/363) del 5 giugno 2023, che diceva:

“Nel 2022, i bambini hanno continuato a essere colpiti in modo sproporzionato dai conflitti armati, e il numero di bambini risultati colpiti da gravi violazioni è aumentato rispetto al 2021. Le Nazioni Unite hanno verificato 27,180 gravi violazioni, di cui 24,300 commesse nel 2022 e 2,880 commesse prima. ma verificato solo nel 2022. Le violazioni hanno colpito 18,890 bambini (13,469 ragazzi, 4,638 ragazze, 783 sesso sconosciuto) in 24 situazioni e un dispositivo di monitoraggio regionale. Il numero più alto di violazioni riguarda l’uccisione (2,985) e la mutilazione (5,655) di 8,631 bambini, seguita dal reclutamento e utilizzo di 7,622 bambini e dal rapimento di 3,985 bambini. I bambini sono stati detenuti per associazione effettiva o presunta con gruppi armati (2,496), compresi quelli designati come gruppi terroristici dalle Nazioni Unite, o per motivi di sicurezza nazionale”.

Il mandato del Rappresentante speciale delle Nazioni Unite per i bambini nei conflitti armati

Il rappresentante speciale che è attualmente Virginia Gamba è il principale sostenitore delle Nazioni Unite per la protezione e il benessere dei bambini colpiti dai conflitti armati.

Il mandato è stato creato dall’Assemblea Generale (Risoluzione A/RES/51/77) in seguito alla pubblicazione, nel 1996, di una relazione di Graça Machel intitolata the “L’impatto dei conflitti armati sui bambini”. Il suo rapporto ha evidenziato l’impatto sproporzionato della guerra sui bambini e li ha identificati come le principali vittime dei conflitti armati.

Il ruolo del Rappresentante speciale per i bambini e i conflitti armati è quello di rafforzare la protezione dei bambini colpiti dai conflitti armati, sensibilizzare l’opinione pubblica, promuovere la raccolta di informazioni sulla difficile situazione dei bambini colpiti dalla guerra e promuovere la cooperazione internazionale per migliorare la loro protezione.

Detenzione di bambini in Iraq, Repubblica Democratica del Congo, Libia, Myanmar, Somalia

Sei gravi violazioni che colpiscono i bambini in tempi di conflitto sono state evidenziate da Anne Schintgen, membro del panel della conferenza: reclutamento e utilizzo di bambini per combattere, uccidere e mutilare bambini, violenza sessuale, attacchi a scuole e ospedali, rapimenti e negazione dell'accesso umanitario. .

Inoltre, le Nazioni Unite stanno monitorando la detenzione di bambini per la loro effettiva o presunta associazione con gruppi armati.

A questo proposito, ha citato una serie di paesi che destano particolare preoccupazione:

In Iraq, nel dicembre 2022, 936 bambini erano ancora in detenzione per accuse legate alla sicurezza nazionale, inclusa la loro effettiva o presunta associazione con gruppi armati, principalmente Da'esh.

Nella Repubblica Democratica del Congo, l’ONU ha verificato nel 2022 la detenzione di 97 ragazzi e 20 ragazze, di età compresa tra 9 e 17 anni, per presunta associazione a gruppi armati. Tutti i bambini sono stati rilasciati.

In Libia, l'ONU ha ricevuto segnalazioni della detenzione di circa 64 bambini, con le loro madri, di diverse nazionalità, per la presunta associazione delle loro madri con Da'esh,

In Myanmar, 129 ragazzi e ragazze sono stati detenuti dalle forze armate nazionali.

In Somalia, un totale di 176 ragazzi, di cui 104 rilasciati e 1 ucciso, sono stati detenuti nel 2022 per presunta associazione con gruppi armati.

I bambini dovrebbero essere considerati principalmente come vittime di violazioni o abusi dei loro diritti piuttosto che come autori e una minaccia alla sicurezza, ha affermato Anne Schintgen, sottolineando che la detenzione di bambini per la loro presunta associazione con gruppi armati è un problema nell'80% dei paesi esaminati. dal meccanismo delle Nazioni Unite per i bambini e i conflitti armati.

Deportazione di bambini ucraini da parte della Russia

Nel dibattito seguito agli interventi dei relatori è stata sollevata la questione della deportazione dei bambini ucraini da parte della Russia dai territori occupati. Sia Manfred Nowak che Benoit Van Keirsblick, membro del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia invitato come relatore, hanno espresso le loro profonde preoccupazioni per questa situazione.

In un rapporto intitolato "Bambini ucraini in cerca di ritorno dalla Russia” pubblicato in tre lingue (inglese, russo e ucraino) il 25 agosto 2023, Human Rights Without Frontiers ha sottolineato che le autorità ucraine avevano un elenco nominativo di circa 20,000 bambini deportati da e verso la Russia che ora vengono russificati ed educati in una mentalità antiucraina. Molti altri, però, sono stati portati via dai territori occupati dalla Russia.

Si ricorda che, il 17 marzo 2023, la Camera preliminare della Corte penale internazionale dell'Aia emesso mandati di arresto per Il presidente russo Vladimir Putin e il commissario russo per i diritti dell'infanzia Maria Lvova-Belova sulle loro responsabilità nella deportazione dei bambini ucraini.

Un appello all’Ue

Gli esperti invitati alla conferenza hanno incoraggiato l'Unione Europea a garantire che il tema dei bambini colpiti dai conflitti sia sistematicamente integrato e avanzato nella sua vasta gamma di azioni esterne. Hanno inoltre esortato l'UE a includere la questione della detenzione di bambini per la loro presunta associazione con gruppi armati nelle sue Linee guida sui bambini e i conflitti armati attualmente in fase di revisione.

L'eurodeputata Soraya Rodriguez Ramos ha concluso dicendo:

“La relazione d’iniziativa parlamentare che sto conducendo e che sarà votata nella sessione plenaria di dicembre è un’opportunità per dare visibilità alla sofferenza di milioni di bambini privati ​​della libertà nel mondo e per invitare la comunità internazionale all’azione e all’efficace impegno a porre fine a tutto ciò”.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -