14.3 C
Bruxelles
Wednesday, May 29, 2024
EconomiaLa politica delle sanzioni sbagliata: perché Putin vince

La politica delle sanzioni sbagliata: perché Putin vince

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Gary Cartwright
Gary Cartwright
Gary Cartwright è un autore e giornalista residente a Bruxelles.

Il 1° dicembre Robin Brooks, capo economista e direttore generale dell'Institute of International Finance, ha chiesto: “Bisogna chiedersi cosa sta succedendo nell'UE. L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin rappresenta una grande minaccia per tutto ciò che l’UE rappresenta. Ma ci sono molti esempi come questo: le esportazioni dell’UE verso l’Armenia sono aumentate del 200% dall’invasione. Questa roba va in Russia e aiuta Putin. Cosa sta facendo Bruxelles?”

Per coincidenza, solo un giorno prima, il 30 novembre, The Economist aveva dichiarato che “Putin sembra stia vincendo la guerra in Ucraina, per ora”. Questo articolo evidenziava l’incapacità dell’Occidente di attuare sanzioni efficaci contro la Russia e nominava alcuni paesi che stavano dando una mano al loro apparente alleato: Turchia, Kazakistan, Iran e Corea del Nord.

Per nulla infastidita dalle sanzioni occidentali, la Russia le ha aggirate con successo ottenendo droni dall’Iran, munizioni dalla Corea del Nord e vari beni attraverso la Turchia e il Kazakistan. L'elenco sembra troppo breve e non comprende la già citata Armenia. Questo paese, secondo molteplici fonti, è uno dei partner chiave della Russia nell'approvvigionamento di vari beni dall'UE e dall'Asia orientale a partire da febbraio 2022.

Ad esempio, l'Armenia non produce automobili, ma come Lo ha notato il Financial Times nel luglio 2023, le esportazioni di automobili dall’Armenia alla Russia sono salite alle stelle da 800,000 dollari nel gennaio 2022 a poco più di 180 milioni di dollari nello stesso mese del 2023.

Ma non si tratta solo di automobili: microchip, smartphone e decine di altri beni entrano in Russia attraverso l'Armenia. Un rapporto della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo note che “nuove catene di approvvigionamento attraverso l’Armenia […] sono state istituite pochi giorni dopo le sanzioni, e ci sono voluti diversi mesi per espanderle”. Un giunto dichiarazione dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, dal Dipartimento del Commercio e dal Tesoro degli Stati Uniti hanno classificato l’Armenia come “intermediari terzi o punti di trasbordo per eludere le sanzioni e i controlli sulle esportazioni legati alla Russia e alla Bielorussia”.

È importante notare che circa il 40% delle esportazioni armene va verso la Russia, gran parte del commercio consiste in riesportazioni di beni occidentali che Mosca non può ottenere direttamente. Secondo l’agenzia statale di statistica armena, il commercio tra Armenia e Russia è quasi raddoppiato nel 2022, raggiungendo i 5.3 miliardi di dollari. Le esportazioni dell’Armenia verso la Russia sono quasi triplicate, passando da 850 milioni di dollari nel 2021 a 2.4 miliardi di dollari nel 2022 e 2.8 miliardi di dollari nel 2023. Le importazioni dalla Russia sono aumentate del 151% a 2.87 miliardi di dollari. Il commercio totale per il periodo gennaio-agosto 2023 ha superato i 4.16 miliardi di dollari. Le esportazioni armene verso la Russia sono state pari a 2.3 miliardi di dollari durante questo periodo, superando per la prima volta le importazioni, che ammontavano a 1.86 miliardi di dollari.

Secondo il Dipartimento del Tesoro americano, L'Armenia stava aiutando la Federazione Russa non solo nell’importazione di beni civili, ma anche nell’approvvigionamento di equipaggiamento militare.

Ha pubblicato informazioni dettagliate sul coinvolgimento di una società armena nell'acquisto di attrezzature straniere per l'industria militare russa. La società, identificata come Aurora Group, avrebbe acquistato componenti elettronici sensibili da fornitori occidentali e poi li avrebbe riesportati in Russia in violazione delle restrizioni sul controllo delle esportazioni.

Secondo Bloomberg sì prova di componenti di apparecchiature europee spediti attraverso l'Armenia per essere utilizzati nella produzione militare russa.

Il rapporto cita documenti sulle spedizioni e interviste con esperti del settore come prova del fatto che l’Armenia svolge un ruolo chiave nell’aiutare la Russia a eludere le sanzioni e a mantenere le sue capacità militari.

Il Telegraph ha dichiarato che la crescita economica in Armenia aveva raggiunto l’impossibile 13% nel 2022, rendendola candidata a diventare la terza economia in più rapida crescita al mondo.

Il quotidiano ha anche pubblicato un rapporto del Centro tedesco per il Caucaso meridionale, che “ha rivelato che le esportazioni dalla Germania all'Armenia sono aumentate da 178 milioni di euro a 505 milioni di euro nel 2022. Si tratta di un solo paese dell'UE. Le esportazioni dall’Armenia verso l’UE negli stessi dodici mesi sono raddoppiate da 753 milioni di euro a 1.3 miliardi di euro.

Con una popolazione di appena tre milioni di abitanti e un PIL pro capite inferiore a un decimo della media britannica, questi sono numeri impossibili. Ma sono reali. Ciò che è chiaro è che le importazioni e le esportazioni dalla Russia – che sono esenti da tariffe e dazi tra tutti i paesi dell’EAEU, vengono dirottate quasi senza soluzione di continuità verso il mondo esterno attraverso i loro stati satelliti”.

Secondo il Fondazione Jamestown, "un aumento significativo del fatturato del commercio estero dell'Armenia senza alcuna base economica seria a livello interno, in particolare il notevole aumento delle esportazioni verso la Russia, così come l'elenco dei prodotti principalmente scambiati, danno motivo di pensare che queste dinamiche siano artificiali e che l'Armenia sia direttamente coinvolti nella riesportazione di prodotti sanzionati in Russia.

Inoltre, secondo l’Ufficio statunitense dell’Industria e della Sicurezza, l’Armenia ha aumentato l’importazione di microchip e processori dagli Stati Uniti del 515% e dall’Unione Europea del 212% – poi, secondo quanto riferito, ha esportato il 97% di tali prodotti in Russia”.

Secondo la rivista polacca Nuova Europa orientale, Yerevan sta aiutando Mosca a eludere le sanzioni di UE, Stati Uniti e Regno Unito facilitando il transito di droni e missili iraniani.

La rivista cita dati operativi sui voli dall'aeroporto internazionale Zvartnots di Yerevan, dove gli aerei sovietici Ilyushin-76MD avrebbero trasportato droni iraniani in Russia. Iran Air Cargo, la compagnia sanzionata dagli Stati Uniti, è stata osservata mentre effettuava voli attraverso l'aeroporto di Yerevan da e per Mosca, insieme ad altre entità iraniane coinvolte nella consegna di droni iraniani alla Russia attraverso aeroporti armeni.

Secondo fonti ucraine, l'Armenia è attiva utilizzando la rotta marittima che collega i porti di Batumi (Georgia) e Novorossijsk (Russia) per riesportare le merci sanzionate verso la Federazione Russa. Pertanto, la compagnia di navigazione armena è responsabile del trasporto settimanale di 600 container lungo la rotta marittima Batumi-Novorossiysk.

Il primo ministro lettone Krišjānis Kariņš ha anche commentato il ruolo crescente dell'Armenia nell'esportazione di attrezzature e tecnologie occidentali sanzionate in Russia.

Tuttavia, le mosse di Yerevan in questa partita non si limitano ai trasferimenti tecnologici. Kariņš ha sottolineato che ci sono due modi per affrontare la situazione: dissuadere l’Armenia da ciò o “cercare una legislazione in tutta Europa, per assicurarsi di criminalizzare l’elusione delle sanzioni. Chiudi le scappatoie!”, – ha chiesto. Le sanzioni funzionano, il problema è che devono essere applicati a coloro che aiutano la Russia a evitarli.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -